Advertisement vai al contenuto principale
2023 CEO INSIGHTS

L’ottimismo e le prospettive economiche dei CEO nello studio ADL

A livello globale, oltre un quarto dei CEO intervistati (26%) ha indicato l’innovazione tecnologica come il fattore più critico per la crescita, ben prima dei prezzi delle materie prime/energia (11%). Lo studio 2023 CEO Insights

La società di consulenza globale Arthur D. Little ha condotto uno studio su scala mondiale su un campione di oltre 250 amministratori delegati per capire in che modo i top manager stanno affrontano i veloci cambiamenti di questo periodo e guidando la crescita.

LO STUDIO ADL: 2023 CEO INSIGHTS

Società, cittadini, governi e consumatori stanno vacillando sotto i continui colpi della pandemia globale, della volatilità geopolitica, della crisi industriale e digitale, rivoluzioni e shock sempre più visibili causati dai cambiamenti climatici. Viviamo indubbiamente in tempi di volatilità e incertezza, con pochi segnali che il ritmo dell’interruzione si calmerà. Continuare con una strategia incentrata esclusivamente sul business as usual è una ricetta per il fallimento. E in un tale contesto, gestire l’ordinaria amministrazione mentre ci si prepara per il futuro è complicato. Tuttavia, questo è necessario per evitare tutti i rischi e cogliere le numerose opportunità nascoste dietro queste sfide. Ma come stanno reagendo a questa situazione le aziende e gli amministratori delegati che le guidano? Quali decisioni stanno prendendo e cosa pensano dell’ambiente aziendale attuale e futuro?

Per scoprirlo, Arthur D. Little (ADL) ha esplorato a fondo come i CEO di diversi settori e diverse aree geografiche stanno affrontando questa straordinaria combinazione di sfide. L’Arthur D. Little 2023 CEO Insights Study ha intervistato quasi 250 amministratori delegati globali che guidano aziende con un fatturato di oltre 1 miliardo di dollari. Il 55% del campione ha oltre 10.000 dipendenti. Gli intervistati dello studio sono suddivisi nei settori chiave e aree geografiche: Europa, Nord America, Asia, Middle East e Africa il che consente una visione vasta delle priorità e aspettative dei CEO che gestiscono le più grandi organizzazioni del mondo.

COME I CEO DI OGGI VEDONO I TEMPI ATTUALI E SFIDANTI

Invece di ritirarsi nei loro gusci e concentrarsi su strategie di riduzione dei costi, lo studio “2023 CEO Insights” di ADL mostra che, a livello globale, i CEO delle organizzazioni più grandi puntano alla crescita attraverso investimenti e innovazione, guardando oltre il loro core business verso un portafoglio più equilibrato di leve strategiche per guidare la crescita. L’analisi dello studio “2023 CEO Insights” di ADL porta a cinque chiare conclusioni, che si applicano generalmente a entrambe le aree geografiche e a diversi settori verticali.

Nonostante la crisi e le tensioni da essa derivate, lo studio evidenzia che la maggior parte dei CEO sta respingendo e adottando un approccio positivo e resiliente. Il fatto che quasi quattro amministratori delegati su 10 con sede nelle cinque grandi economie europee (Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Spagna) si aspettino una crescita globale forse sorprendente – date le sfide che questi paesi in particolare devono affrontare – potrebbe trovarsi spiegabile da un focus sulle opportunità al di fuori del continente stesso. I CEO negli Stati Uniti sono più cauti, con oltre la metà che non prevede alcuna crescita nello stesso periodo di tempo. Solo il 10% dei CEO asiatici prevede prospettive economiche positive in questo lasso di tempo.

IL RUOLO DEL GOVERNO

2023 CEO INSIGHTS: L’ATTEGGIAMENTO DEL GOVERNO

Un’area che sta vedendo un cambiamento è l’atteggiamento nei confronti dell’intervento del governo nei mercati. La pandemia ha visto una crescita senza precedenti del coinvolgimento dello Stato in molti settori, che si combina con l’aumento della regolamentazione in aree come la decarbonizzazione e la sostenibilità. La rivalità geopolitica sta guidando il protezionismo, con vantaggi per gli operatori storici in aree geografiche più ampie. Complessivamente, il 58% dei CEO a livello globale ha affermato che l’intervento del governo ha fornito un utile supporto per la crescita a breve o lungo termine, con solo il 7% che lo vede negativamente. Le preoccupazioni sono più forti in Africa (15%) e in Europa (10%), ma la stragrande maggioranza dei CEO vede positivamente l’intervento dei governi oppure con una visione neutrale.

La mobilità e l’energia stanno guidando la decarbonizzazione, le società di telecomunicazioni stanno offrendo connettività di qualità superiore, mentre le organizzazioni finanziarie e sanitarie stanno abbracciando pienamente la digitalizzazione. La maggior parte degli amministratori delegati delle più grandi aziende si sta concentrando su attività lungimiranti piuttosto che rimanere in modalità difensiva.

I DRIVER DELLA CRESCITA FUTURA

Nonostante l’attuale crisi energetica, tutti i CEO si stanno concentrando sull’innovazione quando si tratta di driver della crescita futura. A livello globale, oltre un quarto (26%) ha indicato l’innovazione tecnologica come il fattore più critico per la crescita, ben prima dei prezzi delle materie prime/energia (11%). Fattori come la catena di approvvigionamento e i rischi informatici hanno entrambi superato i prezzi delle materie prime a livello globale.

Tuttavia, ci sono chiare differenze regionali: le questioni ambientali e del cambiamento climatico sono al centro dell’attenzione in Europa, Nord America e Asia, ma ricevono meno attenzione in altre regioni; Il rischio informatico è considerato un fattore chiave e urgente dal 15% dei CEO in Africa, dal 14% in Asia e dal 13% in Medio Oriente e Africa (MEA)/Sud America, davanti ai loro omologhi in Europa e Nord America. ancora una volta, questa attenzione positiva all’innovazione potrebbe essere un prodotto della pandemia, che ha visto un’enorme trasformazione delle operazioni guidata da fattori come la crescita digitale, il lavoro da casa (WFH) e interruzione della catena di fornitura. Con questi miglioramenti in atto, i CEO sono entusiasti di esplorare l’innovazione come leva di crescita.

L’IMPORTANZA DEI FATTORI ESG

I fattori ESG – secondo quanto evidenziato dallo studio 2023 CEO Insights – stanno entrando a far parte a pieno titolo dell’agenda dei CEO e sono sempre più visti come un’opportunità piuttosto che una minaccia. Mentre due terzi dei CEO ammettono di perseguire obiettivi e traguardi ESG per motivi di conformità, l’80% lo vede come una fonte di vantaggio competitivo, mentre il 67% cita l’attrazione dei consumatori come ulteriore motivo per perseguire strategie più ecologiche e sostenibili.

Anche i criteri ESG stanno crescendo in importanza strategica, con il 41% dei CEO che li considera una priorità maggiore rispetto ad altre iniziative . Solo l’1% lo classifica come una priorità inferiore. Non sorprende che ci sia una chiara differenza tra i settori: il 60% delle aziende manifatturiere ad alta intensità di carbonio lo considera una priorità maggiore, rispetto a solo il 28% delle aziende sanitarie. Aumentare l’attenzione sulla sostenibilità e impegnarsi a raggiungere obiettivi come quelli all’interno degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite offre vantaggi più ampi sia nel rispondere alle esigenze dei clienti sia nell’attrarre le generazioni di dipendenti orientate allo scopo di oggi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su