skip to Main Content

L’utilizzo di navi da ricerca sismica di petrolio e gas torna ai livelli pre-Covid. Report Rystad Energy

Navi

Ad agosto 2021, infatti, Rystad Energy ha monitorato la percentuale mensile più bassa di navi inattive in quasi due anni, con solo il 29% della flotta ferma in porto.

La pandemia di Covid-19 è stata devastante per l’industria delle navi da ricerca sismica per diversi trimestri, mantenendo inattiva quasi la metà della flotta globale, fino a poco tempo fa. Un rapporto di Rystad Energy mostra invece che il letargo è ora terminato, e che l’utilizzo delle imbarcazioni è tornato ai livelli pre-Covid-19 nel terzo trimestre del 2021. Circa il 68% della flotta, o poco più di due terzi delle navi, è attualmente attiva, mentre solo un terzo rimane fermo.

RIPRESA DELLE ESPLORAZIONI

Il ritorno all’attività da parte della flotta di ricerca sismica è significativo in quanto corrisponde ai livelli di utilizzo del primo trimestre del 2020, prima che l’industria di settore fosse colpita dal rallentamento indotto dalla pandemia. Il periodo peggiore per la flotta è stato dal terzo trimestre del 2020 fino a marzo 2021, quando il 46% della flotta globale era inattivo (in standby in porto).

Ad agosto 2021, infatti, Rystad Energy ha monitorato la percentuale mensile più bassa di navi inattive in quasi due anni, con solo il 29% della flotta ferma in porto. L’ultima volta che la flotta sismica è stata così attiva è stata nell’ottobre 2019, quando solo un quarto della flotta era in standby.

Rystad Energy monitora l’attività di 106 navi sismiche, che rappresentano circa i tre quarti della flotta globale, compresi i principali fornitori di servizi e fornitori che offrono navi per lavori sismici. La selezione è rappresentativa delle condizioni del mercato sismico e funge da indicatore dell’utilizzo sismico globale delle navi. Le navi escluse appartengono a società più piccole e si trovano in regioni con scarsa affidabilità dei dati per proiezioni sicure dell’andamento del mercato.

FOCUS SUI BACINI PROVATI

“L’attuale aumento dell’utilizzo delle navi sismiche è in parte guidato dall’esplorazione, con un focus sui bacini provati. Vediamo anche che molte aziende sismiche si sono riposizionate nell’alveo della transizione energetica e stanno assumendo contratti in altri servizi energetici come la cattura e lo stoccaggio del carbonio, l’estrazione geotermica, eolica offshore e in acque profonde”, ha affermato Binny Bagga, vicepresidente per la ricerca sui servizi energetici di Rystad Energia.

Gli arretrati contrattuali di molte società sismiche sono cresciuti a buoni livelli fino alla metà del 2021, fornendo loro un’attività sufficiente per supportare le operazioni per il resto dell’anno. Rystad Energy prevede che le prestazioni degli attori sismici nel loro insieme “miglioreranno poiché si prevede che la spesa globale per l’esplorazione aumenterà a un ritmo modesto nel 2022, in un momento in cui molti attori stanno uscendo dall’industria sismica e altri riposizionano le loro operazioni per la transizione energetica”.

COSA FANNO LE AZIENDE SISMICHE

L’aumento dell’attività futura è stato indicato anche nei rapporti del secondo trimestre di alcuni attori sismici.

L’attività recente nel trimestre in corso include una partnership tra PGS e il player sismico leggero TGS per il programma sismico multi-client di fase 2 di Lewis Hills al largo del Canada orientale, che copre 947 chilometri quadrati di dati 3D. TGS ha anche avviato una nuova campagna sismica 2D al largo della Mauritania. Quest’ultimo progetto ha una tempistica di acquisizione di 60 giorni e viene intrapreso utilizzando la nave BGP Pioneer. TGS ha anche annunciato due nuovi progetti pilota tecnologici, per CCS ed eolico offshore, in collaborazione con Magseis Fairfield. I progetti utilizzeranno l’acquisizione sismica 3D in Norvegia e Danimarca. Le operazioni sono attualmente in corso in Norvegia dalla nave Sanco Spirit.

PGS è vicino ad essere completamente prenotato per il trimestre in corso e ha una buona visibilità del contratto per il quarto trimestre. La società ha schierato due delle sue navi, la Ramform Atlas e la Ramform Titan, per espandere la sua copertura multi-cliente al largo del Canada. Ha inoltre schierato la Ramform Vanguard per acquisire un’indagine multi-cliente sul campo Kraken nel Mare del Nord del Regno Unito.

In collaborazione con PetroCi e Direction Generale des Hydrocarbures, PGS ha anche completato la seconda fase del MegaSurvey della Costa d’Avorio e ha aggiunto 9.897 chilometri quadrati di 3D e 24.632 chilometri di linea di 2D nel bacino del Tano al largo dell’Africa occidentale. Nella sua divisione sismica a contratto, la società ha completato l’acquisizione dei dati per Lundin Energy e partner in PL 1083 nel Mare di Barents al largo della Norvegia a metà agosto utilizzando le navi Sanco Swift e Ramform Hyperion.

La società sismica Shearwater GeoServices ha eseguito diversi sondaggi nel trimestre in corso, comprese le operazioni continuative sulla seconda fase del rilievo 3D Mid North Sea High per ION Geophysical utilizzando la sua nave Oceanic Vega. Nel Mare del Nord, la sua nave Amazon Conqueror ha concluso i lavori per CGG Veritas sull’indagine North Viking Graben, dove la nave SW Amundsen ha continuato le operazioni ed è in fase di completamento.

Shearwater GeoServices ha continuato ad acquisire dati sismici 3D e 4D per Petrobras utilizzando la sua nave SW Empress nei campi di Marlim, Albacora e Voador in Brasile. La società ha inoltre avviato l’acquisizione sismica del nodo del fondo degli oceani in acque profonde per i progetti Tupi e Iracema di Petrobras nel bacino di Santos al largo del Brasile. Le indagini dovrebbero durare circa nove mesi e vengono svolte dalla sua nave SW Diamond. Shearwater ha ricevuto un’estensione del progetto di sei mesi da CGG Veritas sull’indagine Nebula nei bacini di Campos e Santos in Brasile, che ha aumentato l’arretrato contrattuale per la sua nave Ocean Sirius. In Australia, la società ha eseguito un’indagine sismica marina multisensore 3D nel bacino di Otway con la sua nave Geo Coral.

Infine, la società sismica cinese BGP ha utilizzato le sue navi BGP Challenger e BGP Explorer per eseguire un’indagine sismica 3D nella zona di transizione assegnata dall’Abu Dhabi National Oil Company (ADNOC) lo scorso anno. Il principale operatore sismico del fondo oceanico Magseis Fairfield, nel frattempo, ha dato il via a un’indagine multi-cliente di quattro mesi nel Golfo del Messico schierando la sua nave Artemis Arctic.

“L’attuale attività di mercato è molto promettente per l’industria sismica ed è una buona indicazione che gli operatori sismici rimarranno relativamente impegnati il prossimo anno, dando al segmento una spinta tanto necessaria dopo diversi trimestri di attività e ricavi ridotti”, ha concluso Bagga.

Back To Top