skip to Main Content

Come sta cambiando il mercato delle rinnovabili. La classifica delle Regioni

Rinnovabili

Nei primi 11 mesi del 2017, le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno raggiunto complessivamente circa 771 MW. E a spingere le nuove installazioni non sono più i grandi investimenti (venuti meno negli ultimi anni anche a causa della mancanza di incentivi), ma i piccoli impianti, quelli di tipo residenziale. L’approfondimento di Giusy Caretto

 

Crescono le rinnovabili in Italia, ma il mercato cambia. A spingere le nuove installazioni, infatti, non sono più i grandi investimenti (venuti meno negli ultimi anni anche a causa della mancanza di incentivi), ma i piccoli impianti, quelli di tipo residenziale. A raccontare come è cambiato il settore delle rinnovabili in Italia è il rapporto di Anie Rinnovabili.

RINNOVABILI: PIÙ 13% NEL 2017

Da gennaio a novembre 2017 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno raggiunto complessivamente circa 771 MW (+13% rispetto al 2016).

FOTOVOLTAICO

fotovoltaicoIl fotovoltaico, con i 29,5 MW connessi a novembre 2017, ha raggiunto quota 382 MW complessivi (+12% rispetto allo stesso periodo del 2016). In leggero calo invece il numero di unità di produzione connesse (-0,5%).

Gli impianti di tipo residenziale (fino a 20 kW) costituiscono il 50% della nuova potenza installata nel 2017.

Le regioni che hanno registrato il maggior incremento in termini di potenza sono Basilicata, Lazio, Piemonte, Valle d’Aosta e Veneto, mentre quelle con il maggior decremento sono Abruzzo, Calabria, Liguria, Molise, Sardegna e Sicilia. Le regioni che hanno registrato il maggior incremento in termini di unità di produzione sono Basilicata, Piemonte, Valle d’Aosta e Veneto, mentre quelle con il maggior decremento sono Abruzzo, Liguria, Marche, Sardegna e Umbria.

EOLICO

Nel mese di novembre 2017 si registrano soltanto 2,2 MW di installazioni eoliche che nel complesso raggiungono quota 317 MW (+14% rispetto ai primi undici mesi del 2016). Notevole l’aumento (+117%) delle unità di produzione grazie alle attivazioni di impianti mini-eolici di taglia compresa tra 20 e 60 kW.

La maggior parte della potenza connessa (95%) è localizzata nelle regioni del Sud Italia. Le richieste di connessione di impianti di taglia inferiore ai 60 kW sono il 29% del totale installato fino a novembre 2017, mentre gli impianti superiori ai 200 kW costituiscono il 70% del totale.

IDROELETTRICO

rinnovabiliPositivo il trend per l’idroelettrico che con i 12,1 MW di novembre raggiunge quota 71 MW complessivi (+13% rispetto ai valori registrati nei primi undici mesi del 2016). Si registra un aumento anche per le unità di produzione (+20%).

Le regioni che hanno registrato il maggior incremento di potenza nei primi undici mesi del 2017 rispetto all’anno precedente sono Abruzzo, Marche, Molise e Sicilia. I nuovi impianti idroelettrici di taglia inferiore a 1 MW connessi fino a novembre 2017 costituiscono il 59% del totale. Da segnalare le attivazioni di due impianti idroelettrici da 2,3 MW ciascuno (il primo realizzato in Lombardia in provincia di Bergamo e il secondo in Piemonte in provincia di Torino)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Gyc

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore