skip to Main Content

Mobilità e pandemia, vanno a ruba le ‘vecchie’ auto

Emissioni

Con la pandemia le persone cercano di evitare autobus, metro e treni ma non vogliono spendere troppo in un periodo di grande incertezza

In tutta Europa stanno andando letteralmente a ruba le vecchie auto. La ragione? Semplice: con la pandemia le persone cercano di evitare autobus, metro e treni ma non vogliono spendere troppo in un periodo di grande incertezza. È quanto riferisce il sito Euractiv in un articolo scritto in collaborazione con Reuters.

I DATI

“I dati forniti a Reuters dalla società di ricerca IHS Markit e dal sito automobilistico online AutoScout24 hanno mostrato che c’è stato un marcato spostamento verso l’alto nelle immatricolazioni di auto più vecchie in tutta Europa, nonché un picco nelle ricerche su Internet di veicoli obsoleti – si legge -. L’aumento di interesse per le auto usate non è né una buona notizia per le reti di trasporto di massa in difficoltà né per l’ambiente. A più lungo termine, tuttavia, il passaggio dal trasporto pubblico alla ‘mobilità individuale’ nell’era della pandemia dovrebbe aiutare le case automobilistiche, colpite da un crollo del 27% delle vendite di veicoli nuovi in tutta Europa nei primi 10 mesi del 2020”.

IN FRANCIA AUMENTANO LE IMMATRICOLAZIONI DI AUTO USATE

In Francia, ad esempio, l’analisi IHS ha mostrato che “le immatricolazioni di auto usate sono aumentate di quasi il 16% nel terzo trimestre, mentre le vendite di veicoli nuovi sono diminuite di oltre il 5%. L’analisi ha anche dimostrato che nel 2020 i veicoli con più di 15 anni rappresentavano una percentuale maggiore di immatricolazioni di auto usate rispetto al 2019”.

ANCORA DI PIU’ IN SPAGNA

C’è stato un salto ancora più grande in Spagna, con immatricolazioni di auto usate in aumento di quasi il 25%, secondo l’analisi IHS.

Il portale di vendita di veicoli Sumauto, parte della società di media spagnola Vocento SA, ha dichiarato a Reuters che l”e vendite di auto con più di 20 anni sono aumentate del 25% in Spagna da giugno a ottobre, mentre quelle con più di 15 anni sono aumentate del 16%”.

AUSTRIA, BELGIO, GERMANIA, ITALIA E PAESI BASSI SULLA STESSA LINEA

In un’analisi per Reuters, il portale automobilistico online AutoScout24, che serve Austria, Belgio, Germania, Italia e Paesi Bassi, ha affermato che le ricerche su Internet di auto più vecchie sono aumentate dall’estate.

I dati hanno mostrato, ad esempio, che da luglio a settembre, le ricerche online di veicoli con più di 20 anni sono aumentate dell’80% in Francia, del 77% nei Paesi Bassi e del 59% in Belgio.

L’amministratore delegato di AutoScout24 Edgar Berger ha affermato che, sebbene la “mobilità individuale” sia diventata più importante per i consumatori in questi mercati a causa della pandemia, sono anche diventati più cauti a causa dell’incertezza economica.

ALLONTANAMENTO ANCHE DAI VEICOLI ELETTRICI USATI

Ma gli acquirenti si stanno allontanando anche dai veicoli elettrici di seconda mano, secondo il rivenditore di auto usate OcasionPlus. Dei 2.800 veicoli attualmente in vendita, solo sei sono elettrici.

CONSEGUENZE SU AMBIENTE E SICUREZZA

“Oltre alla potenziale battuta d’arresto verso ambiziosi obiettivi europei per la riduzione delle emissioni di carbonio, ci sono altre conseguenze a lungo termine nel mantenere più a lungo sulla strada auto molto vecchie. I veicoli più vecchi con meno caratteristiche di sicurezza potrebbero causare più incidenti e portare a premi più alti, hanno detto gli assicuratori, anche se ci vorrà del tempo per comparire nelle statistiche”, si legge nell’articolo.

CALA IL NUMERO DI PERSONE CHE USA I TRASPORTI PUBBLICI

Il passaggio alle auto sta inoltre interessando i trasporti pubblici. “Il numero di persone che utilizzano i trasporti pubblici in Spagna è diminuito del 92% ad aprile rispetto allo stesso mese del 2019 ed era ancora inferiore del 44% a settembre, diversi mesi dopo che le restrizioni nazionali di blocco sono state allentate. In Gran Bretagna, prima che iniziasse l’ultimo blocco del paese all’inizio di novembre, l’utilizzo della ferrovia era circa un terzo dei livelli del 2019, mentre l’uso delle auto personali era vicino al 90%”.

Back To Top