skip to Main Content

Nelle grandi città la temperatura media aumenta, sempre più diffusa la forestazione urbana

Clima Foresta

La “Rilevazione Dati ambientali” dell’Istat mostra informazioni su Acqua, Aria, Eco management, Energia, Mobilità urbana, Rifiuti urbani, Rumore e Verde urbano

Nei capoluoghi di regione la temperatura media annua segna un’anomalia di +1,2°C sul valore climatico 1971-2000. In crescita anche alcuni estremi di caldo: +15 giorni estivi e +18 notti tropicali. La precipitazione totale scende in media di 132 mm sul corrispondente valore del periodo 2006-2015. Sempre più diffusi gli interventi di forestazione urbana, utili per la mitigazione, presenti in 47 capoluoghi (31 nel 2011), per una superficie complessiva di 11,6 milioni di m2. Nelle tre maggiori città – si legge nel rapporto – l’inquinamento atmosferico è in lieve miglioramento, ma Milano è penalizzata dalla scarsa presenza di aree verdi, Roma ha il tasso di motorizzazione più elevato e Napoli il parco circolante più obsoleto.

Sono i principali dati che emergono dalla “Rilevazione Dati ambientali” nelle città, effettuata annualmente dall’Istat a partire dal 2000. È una rilevazione censuaria sviluppata su otto tematiche: Acqua, Aria, Eco management, Energia, Mobilità urbana, Rifiuti urbani, Rumore e Verde urbano, per ciascuna delle quali si somministra un questionario dedicato. L’universo dei rispondenti è composto dai 109 comuni capoluogo di provincia o di città metropolitana.

CAMBIAMENTI CLIMATICI: QUALI MISURE STATISTICHE?

I Cambiamenti Climatici (CC) rappresentano una delle più grandi sfide per l’umanità e sono strettamente interconnessi alla sostenibilità dello sviluppo e al degrado ambientale. Nell’ultima Conferenza della Nazioni Unite sul Clima COP26 (novembre 2021), 197 Paesi hanno adottato il Glasgow Climate Pact, indicando in +1,5°C l’obiettivo per contenere la temperatura media sotto la soglia critica.

Nel pacchetto clima ed energia Fit for 55 di luglio 2021 l’Unione europea ha adottato strategie di policy per raggiungere entro il 2030, nell’ambito del Green Deal, la riduzione delle emissioni di gas serra del 55%, e fronteggiare i cambiamenti climatici.

Le statistiche connesse ai Cambiamenti Climatici comprendono tutti quei dati ambientali, sociali, economici che misurano le cause antropiche dei cambiamenti climatici, gli impatti sui sistemi naturali e antropici, gli sforzi per contrastarne le conseguenze e per adattarsi a queste.

Diversi quadri statistici tra loro coerenti e integrati sono stati sviluppati nel corso degli anni in ambito internazionale. La Commissione economica delle Nazioni Unite per l’Europa (UNECE) ha fornito indicazioni metodologiche per lo sviluppo di misure statistiche nazionali relative ai cambiamenti climatici e selezionato 44 indicatori, che rispondono a requisiti di solidità metodologica, disponibilità dei dati e rilevanza politica.

I 44 indicatori coprono le aree connesse alle cause antropiche, distinte tra determinanti (9 indicatori) ed emissioni di gas climalteranti (9), agli impatti sui sistemi antropici e naturali (13), alle risposte del sistema socio-economico per ridurre le cause dei CC attraverso azioni di mitigazione (8) o per reagire alle loro conseguenze medianti azioni di adattamento (5).

A livello nazionale, le misure statistiche sono rilevanti per il monitoraggio della Strategia Nazionale di Sviluppo Sostenibile, del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) e del Piano per la Transizione Ecologica (Pte).

In ambito urbano sono più evidenti gli aspetti legati ai cambiamenti climatici e alle conseguenze che possono derivarne e sono di  rilievo gli indicatori connessi: impatti dei CC (meteoclima e risorse idriche), determinanti (energia), azioni di mitigazione (interrelate all’inquinamento atmosferico, alla mobilità urbana e alla forestazione), e azioni di adattamento (presenza di aree verdi).

IN AUMENTO LA TEMPERATURA MEDIA NELLE PRINCIPALI CITTÀ ITALIANE

Ai fini della transizione verso la neutralità climatica, un ruolo centrale è riconosciuto alle città per l’attività di governance e per essere hot spot climatici, aree molto colpite da eventi avversi legati a variabilità e cambiamento del clima. Aumenti della temperatura dell’aria, variabilità di fenomeni meteorologici e intensificarsi di eventi estremi possono infatti determinare gravi conseguenze sulle città, caratterizzate da concentrazione demografica, alta densità di infrastrutture, attività economiche e patrimonio artistico.

Per fornire misure sui fenomeni climatici l’Istat produce annualmente statistiche e Indici di estremi meteo-climatici riferiti alle città capoluogo di provincia e città metropolitane in base a metodologie internazionalmente condivise.

Nel 2020 la temperatura media è pari a +16,3°C (calcolata come media dei valori di stazioni termo-pluviometriche dei 24 capoluoghi di regione e città metropolitane), in aumento di 0,3°C sul corrispondente valore medio del decennio 2006-2015.

Considerando solo i capoluoghi di regione, per i quali sono disponibili serie ampie e complete di dati, la temperatura media, pari a +15,8°C, mostra un’anomalia di +1,2°C rispetto al valore climatico 1971-2000 (periodo di riferimento per il calcolo di medie climatiche, denominato Normale Climatologica CLINO).

In tutte le città le anomalie di temperatura media sono positive e dovute a rialzi della temperatura, sia minima che massima: le più alte si rilevano a Perugia (+2,1°C), Roma (+2°C), Milano (+1,9°C), Bologna (+1,8°C) e Torino (+1,7°C).

Dal 1971 la temperatura media annua mostra un trend crescente per i capoluoghi di regione, con i valori più alti nel decennio 2011-2020. In particolare dal 2014, la temperatura media ha raggiunto  i +16°C, segnale di un riscaldamento in atto nei sistemi urbani.

Il 2020 si presenta come l’anno meno piovoso degli ultimi dieci, insieme al 2011, con una precipitazione totale annua di 661 mm (media delle stazioni osservate). Nelle principali città, sovrapposta alla  tendenza ad aumento generalizzato della temperatura media, la diminuzione della precipitazione è pari a -132 mm sul corrispondente valore medio del periodo 2006-2015.

Le anomalie negative di precipitazione interessano 22 città, con punte a Napoli (-423,5 mm), Catanzaro (-416) e Catania (-359,7). Nei capoluoghi di regione l’anomalia si attesta in media a -91 mm rispetto al valore climatico 1971-2000 e riguarda 15 città: in testa Napoli (-439,6 mm) seguono Genova (-276,9 mm), Catanzaro (-262,1 mm), Firenze (-221,6 mm), Bologna (-211,9 mm) e Milano (-196).

L’INTERAZIONE FRA CLIMA E PRESSIONI AMBIENTALI: MILANO, ROMA, NAPOLI

L’urbanizzazione è causa di pressioni sull’ambiente naturale: consumo di suolo, di risorse naturali, di energia ed emissioni di gas inquinanti e climalteranti. Gli effetti del cambiamento del clima possono intensificare tali pressioni e aumentare la vulnerabilità delle città, rappresentano quindi una sfida per le città che, per accrescere la resilienza, devono considerare azioni di adattamento e di mitigazione, in un’ottica di sostenibilità.

Si conferma il fenomeno dell’Isola di calore urbano (Urban Heat Island UHI): nelle città la temperatura è più alta rispetto alle aree esterne, con un differenziale termico di 1-3°C in quelle di grandi dimensioni, per effetto della concentrazione di strutture costituite da superfici radiative di materiali diversi (cemento, metalli, asfalto, etc.).

In un contesto urbano gli indicatori meteo-climatici, sia di temperatura che di precipitazione, evidenziano interessanti relazioni se collegati a quelli che descrivono fattori di pressione, adattamento e mitigazione, ad esempio inquinamento atmosferico e copertura di aree verdi. Tali relazioni vengono messe in luce dalle analisi riferite alle città di Milano, Roma e Napoli.

Per ciascuna delle tre città esaminate, è stata calcolata la serie storica 2011-2020 delle anomalie annuali di temperatura media e precipitazione totale annue e dell’indice giorni consecutivi senza pioggia rispetto ai valori climatici 1971-2000.

Nel decennio osservato, a Milano la temperatura media risulta in aumento di +2°C sul CLINO, con anomalie che si mantengono positive per tutti gli anni (le più alte di +2,7°C nel 2014 e nel 2015). Allo stesso tempo, la precipitazione totale annua segna in prevalenza anomalie negative, in media -163 mm sul CLINO.

Anche per Roma e Napoli la temperatura media registra anomalie sempre positive nel periodo 2011-2020, con valori medi superiori al CLINO rispettivamente di +2°C e +1,5°C. Le anomalie annuali di precipitazione, per lo più negative rispetto al periodo base per la Capitale, sono invece sempre negative per Napoli in tutti gli anni considerati (escluso il 2019), con uno scostamento medio del periodo 2011-2020 pari a -301 mm sul CLINO, più elevato nel 2018 (circa -550 mm) e nel 2015 (-525 mm).

Nonostante le oscillazioni intorno al valore climatico, per le tre città prevalgono gli anni nei quali l’indice giorni consecutivi senza pioggia segna anomalie positive, più numerosi a Napoli (8 anni) e Roma (7).

INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN LIEVE MIGLIORAMENTO

La qualità dell’aria nelle città dipende dalla concentrazione di diversi inquinanti, tra i quali il particolato (PM10 e PM2,5), il biossido d’azoto (NO2) e l’ozono (O3) sono quelli generalmente riconosciuti come più dannosi per la salute.

Per l’insieme dei capoluoghi i superamenti dei limiti di legge e dei valori di riferimento stabiliti dall’Oms, rilevati dalle centraline di monitoraggio, sono leggermente diminuiti tra il 2013 e il 2020, salvo alcuni peggioramenti nel 2015 e nel 2017, raggiungendo il valore più basso nel 2019, mantenuto anche nel primo anno di pandemia.

A Milano la frequenza dei superamenti è stata circa il doppio della media dei capoluoghi, anche se negli ultimi anni la dinamica dell’inquinamento segue quella dell’insieme dei capoluoghi. Prevalgono i superamenti da particolato (PM10 e PM2,5) mentre diminuiscono quelli da biossido d’azoto (NO2). Dal 2015 una quota stabile e significativa di centraline registra il mancato rispetto dell’obiettivo per l’ozono (non superare 120 g/m3 per più di 25 giorni l’anno), in chiara connessione con il trend delle variabili meteoclimatiche.

Anche a Roma e Napoli prevalgono i superamenti da particolato, anche se negli ultimi due anni le frequenze si sono allineate alla media dei capoluoghi. Napoli presentava frequenze più elevate prima del 2019, benché nettamente inferiori a quelle di Milano, mentre nel biennio 2019-2020 non ha registrato per l’ozono superamenti della soglia di 120 g/m3 per più di 25 giorni/anno.

SEMPRE PIÙ AUTO, ANCHE SE MENO INQUINANTI

La pressione sull’ambiente generata dal traffico veicolare può essere rappresentata da due indicatori: un tasso di motorizzazione, che rapporta i veicoli circolanti alla popolazione residente, e un indice del potenziale inquinante, che sintetizza la composizione del parco circolante per tipo di alimentazione e classe di emissioni. Entrambi sono riferiti alle autovetture, che nel 2020 rappresentano oltre il 75% dei veicoli circolanti in Italia.

L’Italia ha il tasso di motorizzazione più elevato nell’Ue dopo il Lussemburgo: 668 auto per mille abitanti nel 2020 (+0,9% sull’anno precedente e +7,7% rispetto al 2015). Nei comuni capoluogo, tuttavia, il tasso è inferiore (627 per mille) e la sua crescita più lenta (+0,3% sull’anno precedente e +4,7% rispetto al 2015). L’indice del potenziale inquinante migliora costantemente dal 2015 al 2020, scendendo da 170 a 130,7 sull’intero territorio nazionale e da 162,3 a 127 nei comuni capoluogo. Valori superiori a 100 indicano comunque che le auto più obsolete e inquinanti (da Euro 0 a Euro 3) restano più numerose di quelle a basse emissioni (elettriche, ibride e alimentate a gas o bi-fuel).

IN DIMINUZIONE IL CONSUMO TOTALE DI ENERGIA NEI COMUNI CAPOLUOGO

La pressione sull’ambiente generata dal consumo di energia può essere rappresentata da un indicatore che esprime i consumi finali complessivi di gas naturale ed energia elettrica in tonnellate di petrolio equivalenti (tep) per 100 abitanti.

Nei comuni capoluogo il consumo totale di energia è stato pari a 75,2 tep per 100 abitanti nel 2020, in diminuzione del 4,5% rispetto all’anno precedente (79,5) e del 17,4% nel confronto con il 2010 (91,1). Il calo dell’ultimo anno può essere associato alla pandemia, ma in ogni caso si inserisce in un trend discendente già in atto riscontrato su tutto il territorio nazionale. I livelli di consumo, che risentono delle differenti condizioni climatiche dei territori, sono invece fortemente diversificati per ripartizione geografica.

Nel 2020, il consumo totale di energia di Milano è stato pari a 96,5 tep per 100 abitanti, superiore alla media nazionale dei capoluoghi ma leggermente inferiore a quella delle città del Nord (99,5). Il valore di Milano è in calo del 3,4% rispetto all’anno precedente ed è il più basso dal 2010 (-22,9%).

A Roma (61,1 tep per 100 abitanti) e nei capoluoghi del Centro (68,4) il livello dei consumi di energia è inferiore alla media dei capoluoghi. Come a Milano, anche nella Capitale il consumo 2020 segna una consistente riduzione rispetto all’anno precedente (-6,7%) ed è il più basso dal 2010 (-20,8%).

A Napoli e nei capoluoghi del Mezzogiorno (con 37,6 e 45,8 tep per 100 abitanti, rispettivamente), il consumo complessivo di energia nel 2020 è circa la metà di quello medio. Tuttavia, in questi territori il trend di riduzione dell’ultimo decennio è stato assai meno accentuato. I consumi di Napoli, diminuiti del 6% sull’anno precedente, hanno infatti registrato una riduzione di appena il 12,8% rispetto al 2010 (-9,6% per l’insieme dei capoluoghi del Mezzogiorno).

La dinamica delle concentrazioni degli inquinanti atmosferici, modulate dalle condizioni meteoclimatiche, si accorda con quella dei consumi energetici: per entrambe si osserva una tendenza alla diminuzione nell’ultimo decennio ma la situazione resta particolarmente critica a Milano (e in generale nelle città del Nord), dove si registrano i livelli più alti di consumo di energia.

PERDITE IDRICHE E RAZIONAMENTO DELL’ACQUA, LE MAGGIORI CRITICITÀ NEL MEZZOGIORNO

Gli impatti dei cambiamenti climatici e delle attività antropiche stanno aumentando la pressione sui corpi idrici, nonché sulle infrastrutture idriche già fortemente indebolite dal forte invecchiamento delle reti e da una non adeguata manutenzione. Criticità di lunga data nel nostro Paese, le perdite idriche generano importanti ripercussioni anche per i frequenti episodi di scarsità idrica.

Nelle reti di distribuzione dell’acqua potabile dei comuni capoluogo di provincia e di città metropolitana, dove si convoglia circa il 33% dell’acqua complessivamente movimentata in Italia, nel 2020 a fronte dei 2,4 miliardi di metri cubi di acqua (370 litri per abitante al giorno) ne sono stati erogati agli utenti finali soltanto 1,5 miliardi di metri cubi (236) per gli usi autorizzati (fatturati o ad uso gratuito), con una perdita totale in distribuzione di 0,9 miliardi di metri cubi, pari al 36,2% dell’acqua immessa in rete (erano del 37,3% nel 2018).

Nelle reti dei capoluoghi si disperdono giornalmente circa 2,4 milioni di metri cubi, pari a 41 metri cubi per chilometro di rete (44 nel 2018). Un volume cospicuo che riuscirebbe a soddisfare le esigenze idriche di circa 10 milioni di persone.

L’analisi territoriale ripropone l’usuale gradiente Nord-Sud, con le maggiori criticità nel Mezzogiorno: in più di un capoluogo su tre si registrano perdite totali percentuali superiori al 45%. I livelli di perdite presentano il minimo nei capoluoghi del Nord-ovest (23,5%), per poi aumentare al Nord-est (32,8%), Centro (37,3%), Sud (43,6%) e toccare il massimo nelle Isole (52,2%). In nove comuni si registrano perdite totali lineari superiori ai 100 metri cubi giornalieri per chilometro di rete. Le perdite sono proporzionali all’estensione della rete e al numero di allacci. Le perdite totali percentuali sono più basse tra i 14 capoluoghi di città metropolitana (32,9%, contro il 40,2% negli altri capoluoghi), mentre le lineari sono più alte (61 mc/km/gg contro 32).

A compromettere ulteriormente le criticità idriche sul territorio, per fronteggiare l’obsolescenza dell’infrastruttura, i problemi di qualità della risorsa idrica e gli episodi di riduzione della portata delle fonti di approvvigionamento, 11 capoluoghi hanno adottato misure di razionamento nella distribuzione dell’acqua agli utenti finali nel 2020, attraverso la riduzione o sospensione dell’erogazione.

Le misure di razionamento sono state adottate solo nel Mezzogiorno: in quasi tutti i capoluoghi della Sicilia (esclusi Messina e Siracusa), in due della Calabria (Reggio di Calabria e Cosenza), uno dell’Abruzzo (Pescara) e uno della Campania (Avellino), con caratteristiche diverse su durata e residenti coinvolti. Rispetto al 2019 sono aumentate le città interessate (+2), restano invariati i giorni.

AREE DI FORESTAZIONE URBANA IN AUMENTO IN TUTTI I CAPOLUOGHI

La tutela e il potenziamento delle aree verdi ricopre un ruolo importante nella strategia di contrasto al cambiamento climatico. Diversi programmi comunitari e nazionali, fra cui il Green deal europeo, il PNRR e il Programma sperimentale di interventi per l’adattamento ai cambiamenti climatici in ambito urbano, sono indirizzati alla realizzazione di nuove aree verdi e di interventi di forestazione urbana e periurbana come misure di mitigazione del cambiamento climatico.

Nell’ambito del Green deal, la L. 111/2019 (“DL Clima”) prevede la realizzazione di nuove foreste urbane e periurbane nei comuni delle 14 Città metropolitane che sono in procedura di infrazione per la qualità dell’aria. La linea di azione 2.3 del Pnrr promuove invece la rigenerazione di parchi urbani e giardini storici, definiti centri di “bellezza pubblica”, e la linea 3.1 prevede la piantumazione di 6,6 milioni di alberi per 6.600 ettari di nuovi boschi urbani e periurbani. Il “Programma sperimentale”, infine, prevede la realizzazione di nuovi spazi verdi in ambito urbano e interventi di forestazione urbana e periurbana nei capoluoghi delle città metropolitane e negli altri comuni con più di 60mila abitanti.

Nei comuni capoluogo, dove vive circa il 30% della popolazione italiana (17,7 milioni di abitanti), l’estensione delle aree verdi urbane è di oltre 550 km2, pari al 2,8% del territorio comunale, corrispondente a una disponibilità di 31 m2 per abitante. Considerando anche le aree naturali protette, l’incidenza raggiunge il 19,3% del territorio (3.775 km2).

La superficie complessiva delle aree verdi urbane è in continuo aumento: in media +0,4% all’anno dal 2011 (+0,6% nei capoluoghi metropolitani). La disponibilità di aree verdi è massima nei capoluoghi del Nord-est (62,2 m2 per abitante, contro i 27,2 del Centro e il 25,1 del Nord-ovest), minima in quelli del Mezzogiorno (20,8 m2 per abitante al Sud e 19,5 nelle Isole).

Trova crescente diffusione nei capoluoghi la forestazione urbana e periurbana, che consiste nella creazione di nuovi boschi a sviluppo naturale, intesi a mitigare uno degli effetti più rilevanti delle alterazioni climatiche dell’ambiente urbano, le già citate “isole di calore”. Nel 2020 sono stati realizzati interventi di forestazione urbana in 47 capoluoghi (erano 31 nel 2011).

La superficie dedicata alla forestazione urbana ammonta a oltre 11,6 milioni di m2, ossia in media 30 m2 per ettaro di superficie urbanizzata. La distribuzione è tutt’altro che uniforme, infatti meno della metà dei capoluoghi si colloca sopra la media, con il Nord che presenta valori molto superiori a quelli delle altre ripartizioni: 71,2 m2 per ettaro nel Nord-est e 40,4 nel Nord-ovest, 13,1 nel Centro, 6,8 al Sud e 5,2 nelle Isole.

Negli ultimi 10 anni la superficie dedicata alla forestazione urbana è progressivamente aumentata (+14,9%). Gli incrementi più marcati si sono registrati nei capoluoghi delle Isole (+31,0 %), seguiti da quelli del Nord (16,3%). Decisamente meno significativi gli aumenti al Centro (+6,0%) e al Sud (+2,5%). A fronte di un aumento medio del 15% dal 2011, gli incrementi risultano più alti tra i capoluoghi delle città metropolitane (+22,7%) rispetto a quelli degli altri capoluoghi di provincia (+12,6%).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore