Energie del futuro

Cosa fanno NextEra e OPAL sul gas rinnovabile

gas rinnovabile

Il progetto Pine Bend RNG, negli Stati Uniti, produrrà 6 milioni di galloni di gas naturale rinnovabile all’anno

Le aziende energetiche americane OPAL Fuels e NextEra Energy Marketing – una sussidiaria di NextEra, il più grande fornitore di energia solare ed eolica al mondo – hanno annunciato la settimana scorso un piano per la costruzione di un impianto per la produzione di gas naturale rinnovabile dai rifiuti in Minnesota, negli Stati Uniti.

L’IMPIANTO

Le due aziende collaboreranno alla sostituzione di una struttura per la generazione energetica con un nuovo stabilimento per la produzione di gas naturale rinnovabile. Il nome del progetto è Pine Bend RNG Project. Stando alle stime, l’impianto catturerà 3200 piedi cubi di gas di discarica al minuto e produrrà oltre 6 milioni di galloni di gas equivalenti all’anno di gas naturale rinnovabile.

IL GAS DI DISCARICA

Il gas di discarica è composto principalmente da metano. Può essere lavorato, rimuovendone le impurità, e iniettato nelle infrastrutture per il trasporto del gas naturale oppure consumato direttamente sul sito.

I NUMERI DI NEXTERA

NextEra possiede una capacità rinnovabile di 22 gigawatt. Entro il 2030 ha intenzione di installare 30 milioni di nuovi pannelli solari in Florida, dove ha sede.

COSA FA OPAL FUELS

OPAL Fuels è nata dalla fusione di due aziende energetiche americane: Fortistar Methane Group e TruStar Energy. Pine Bend è il sesto di una serie di dodici progetti sul gas naturale rinnovabile, che richiederanno investimenti per quasi 500 milioni di dollari.

LA CO2 CATTURATA

OPAL ha detto che l’impianto in Minnesota permetterà la cattura di oltre 2 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalente all’anno: all’incirca la stessa quantità di CO2 prodotta da 435mila automobili.

IL SITO DELLA STRUTTURA

La struttura verrà installata in una discarica gestita da Republic Services, uno degli operatori del settore dei rifiuti più grandi degli Stati Uniti. L’impianto sarà collegato ad una condotta di proprietà di Xcel Energy, fornitore di energia elettrica e di gas molto presente nello stato del Minnesota.

GLI OBIETTIVI ENERGETICI E CLIMATICI DEGLI STATI UNITI

Il presidente Joe Biden vuole che gli Stati Uniti riducano di almeno il 50-52 per cento le emissioni di gas serra entro il 2030, rispetto ai livelli del 2005. Vuole che la rete elettrica nazionale sia alimentata esclusivamente da fonti di energia “pulite” entro il 2035, e che il paese raggiunga la neutralità carbonica – ovvero l’azzeramento netto delle emissioni – entro il 2050.