skip to Main Content

NeXtWind fa sventolare l’eolico in Germania

Eni

NeXtWind ha acquistato tre parchi eolici onshore nel nord della Germania con l’obiettivo di ristrutturarli ed ampliarli

NeXtWind scommette sull’eolico tedesco. La società ha annunciato l’acquisto di tre parchi eolici onshore nel nord della Germania, con una capacità combinata di 70 megawatt (MW). Un passo importante verso l’obiettivo di creare un portafoglio da 1 gigawatt (GW) di risorse prive di carbonio. Tutti i dettagli.

L’ACCORDO

La società di investimento NextWind ha acquisito 34 turbine, posizionate negli stati della Bassa Sassonia e Sassonia-Anhalt, che hanno un’età media di 14 anni. L’azienda mira a prolungare la vita degli asset di energia verde esistenti, che stanno per perdere i diritti al sussudio, e, ove possibile, ad aumentare la loro capacità. L’obiettivo, in questo caso, è quello di di triplicare l’attuale produzione annuale dei siti a circa 300 gigawattora (GWh) all’anno tra il 2024 e il 2026.

I COSTI

Per l’acquisto, NextWind ha messo sul piatto oltre la metà dei 100 milioni di dollari raccolti dalla società in un round di finanziamento supportato investitori istituzionali e individui, cui hanno partecipato Crestline Investors, Ferd e ARB Investment Partners. La società, avrebbe rivelato a Reuters,  punta ad utilizzare il resto del denaro nei prossimi 12 mesi, mentre pianifica ulteriori raccolte di fondi per una seconda fase di spesa in Germania e in Europa.

I CONTATTI CON LE COMUNITA’ LOCALI

La produzione delle turbine sarà commercializzata con accordi a prezzo fisso chiamati accordi di acquisto di energia (PPA), con l’aiuto delle utility. “La proprietà di questi siti di progetto obsoleti, in particolare in Germania, è altamente frammentata, quindi solide relazioni con il mercato locale sono essenziali per reperire e realizzare con successo opportunità di investimento”, ha affermato il Chief Investment Officer Lars Meyer.

 

Back To Top