Scenari

Nucleare, decine di centrali Usa a rischio clima. Il report Moody’s

USa

Alcune unità Usa “stanno cercando di estendere la loro operatività di 20, o anche 40 anni”, ha detto Moody’s, “gli operatori del nucleare dovranno considerare questi rischi quando implementeranno misure di resilienza”

Decine di centrali nucleari statunitensi, che comprendono quasi la metà della capacità di generazione nucleare operativa del paese, “dovranno affrontare rischi di credito crescenti” nei prossimi 10-20 anni a causa di inondazioni, uragani, stress da calore e altri impatti previsti del cambiamento climatico, ha detto il Moody’s Investors Service in un report.

LE CONSEGUENZE DEI CAMBIAMENTI CLIMATICI

“Le conseguenze del cambiamento climatico possono influire su ogni aspetto del funzionamento delle centrali nucleari – dalla gestione del combustibile e dalla produzione di energia elettrica e vapore alla manutenzione, ai sistemi di sicurezza e al trattamento delle scorie”, ha detto il rapporto, osservando che “la gravità di questi rischi varierà da regione a regione, con un impatto finale sul credito che dipenderà dalla capacità dei gestori delle centrali di investire in misure di mitigazione per gestire questi rischi”. Moody’s non ha specificato le misure di mitigazione che sono, o dovrebbero essere, adottate.

Le esigenze di raffreddamento dell’acqua espongono gli impianti al rischio di inondazioni, innalzamento del livello del mare e uragani, e “circa 37 gigawatt (GW) di capacità nucleare statunitense hanno un’elevata esposizione al rischio di inondazioni”, ha detto Moody’s.

Inoltre, il rapporto ha osservato, che “l’aumento del calore e dello stress idrico può avere un impatto negativo sulle operazioni dell’impianto”, con “circa 48 GW di capacità nucleare che hanno un’elevata esposizione all’aumento combinato del calore e dello stress idrico”.

RISCHIO INONDAZIONI PER ALCUNI IMPIANTI COSTIERI

Gli impianti nucleari regolamentati o basati sui costi”, cira 55 GW di capacità negli Stati Uniti, “sono esposti ad un elevato stress idrico e termico nella maggior parte delle località, con un rischio da moderato ad alto rischio di inondazioni, uragani e innalzamento del livello del mare per alcuni impianti costieri”, ha detto Moody’s. Tuttavia, ha aggiunto l’agenzia di rating “l’impatto creditizio di questi rischi climatici sarà probabilmente più modesto per gli operatori di queste centrali nucleari, rispetto alle centrali basate sul mercato, perché hanno la capacità di recuperare i costi attraverso meccanismi di recupero dei tassi”.

Al contrario, le “centrali basate sul mercato”, un totale di circa 44 GW di capacità, “devono affrontare un elevato stress termico e un maggiore stress idrico rispetto alle centrali regolate e basate sui costi, con un minor numero di centrali a rischio di inondazioni e uragani”.

QUANTI SONO GLI IMPIANTI A RISCHIO

Secondo il rapporto, cinque impianti con una capacità combinata di circa 9,1 GW sono nella categoria più a rischio inondazioni. Circa 13 impianti con una capacità combinata di circa 23,8 GW sono stati trovati a rischio per lo stress da calore. Le categorie degli uragani, dell’innalzamento del livello del mare e dello stress idrico avevano ciascuna un impianto a rischio .

Poiché alcune unità nucleari statunitensi “stanno cercando di estendere la loro operatività di 20, o anche 40 anni”, ha detto Moody’s, “gli operatori dovranno considerare questi rischi quando implementeranno misure di resilienza”.