Advertisement vai al contenuto principale
OPEC, Monthly Oil Market Report

Perché la causa di ClientEarth contro Shell può rappresentare un precedente importante

Secondo ClientEarth Shell non si è mossa abbastanza velocemente per quanto riguarda il clima, il che ha minacciato il successo dell’azienda e ha fatto sprecare i soldi dei suoi investitori in progetti di combustibili fossili non necessari

Il citare in giudizio le aziende energetiche per il greenwashing o per il fallimento delle loro azioni per il clima da parte delle organizzazioni ambientaliste non è una novità. ClientEarth, però, la scorsa settimana è entrata in un nuovo territorio, intraprendendo un’azione legale contro gli 11 direttori di Shell, piuttosto che contro la società stessa. Ciò ha portato ad ipotizzare che possa essere in arrivo una nuova ondata di controversie sul clima rivolte ai direttori delle società. Ma la causa legale di ClientEarth è legittima o no?

LA CAUSA DI CLIENTEARTH CONTRO SHELL

ClientEarth – scrive Felicity Bradstock su Oilprice.com – ha una partecipazione simbolica in Shell e sta facendo causa alla società ai sensi del Companies Act del Regno Unito, con il sostegno di un gruppo di grandi fondi pensione e altri investitori. Il gruppo ha deciso di intraprendere un’azione legale contro Shell lo scorso anno, affermando che la major petrolifera non si è mossa abbastanza velocemente per quanto riguarda il clima, il che ha minacciato il successo dell’azienda e ha fatto sprecare i soldi dei suoi investitori in progetti di combustibili fossili non necessari.

L’avvocato di ClientEarth, Paul Benson, ha affermato che “Shell potrebbe realizzare profitti record ora, ma a lungo termine potrebbe essere un segno premonitore sui combustibili fossili”. Sostiene che “il passaggio ad un’economia a basse emissioni di carbonio non è solo inevitabile, ma sta già accadendo. Eppure il consiglio persiste con una strategia di transizione che è fondamentalmente viziata, nonostante il dovere legale del consiglio di gestire tali rischi. A lungo termine – ha aggiunto Benson – è nell’interesse dell’azienda, dei suoi dipendenti e dei suoi azionisti, così come del pianeta, che Shell riduca le sue emissioni più duramente e più velocemente di quanto il consiglio di amministrazione stia attualmente pianificando.

L’Agenzia Internazionale per l’Energia nel 2021 ha affermato che nessun nuovo progetto di petrolio e gas è compatibile con le zero emissioni nette entro il 2050. Il raddoppio da parte di Shell su nuovi progetti di petrolio e gas non è un piano credibile, è una ricetta per stranded asset”.

IL SOSTEGNO ALLA CAUSA E LA RISPOSTA DI SHELL

La causa sembra essere la prima del suo genere e, sebbene non convenzionale, ha ricevuto un importante sostegno finanziario da diverse istituzioni. Nest – il più grande regime pensionistico sul posto di lavoro del Regno Unito, con 10 milioni di membri – che sta contribuendo a finanziare la causa, ritiene che “gli investitori vogliono vedere un’azione in linea con il rischio che il cambiamento climatico presenta e sfideranno coloro che non stanno facendo abbastanza per trasferire la propria attività. Ci auguriamo che l’intero settore energetico si alzi e se ne accorga”.

Nel 2021 un tribunale olandese aveva già ordinato a Shell di ridurre le sue emissioni di petrolio e gas del 45% entro il 2030. Ora ClientEarth chiede che il cda della compagnia adotti una strategia per gestire il rischio climatico in linea con i suoi doveri, ai sensi del Companies Act , nonché in conformità con la sentenza sulle emissioni del tribunale olandese. Il gruppo ambientalista è in attesa che l’alta corte decida se il reclamo può procedere.

In risposta, un portavoce di Shell ha dichiarato che “non accettiamo le accuse di ClientEarth. I nostri amministratori hanno adempiuto ai loro doveri legali e hanno agito sempre nel migliore interesse della società. Riteniamo che i nostri obiettivi climatici siano allineati con l’obiettivo più ambizioso dell’accordo di Parigi (1.5C). I nostri azionisti sostengono fortemente i progressi che stiamo facendo sulla nostra strategia di transizione energetica, con l’80% di voti a favore di questa strategia durante la nostra ultima assemblea generale”.

Se però Shell afferma che i suoi obiettivi climatici sono in linea con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi, le valutazioni di ClientEarth suggeriscono il contrario: le analisi di terze parti fornite a ClientEarth mostrano che la strategia di Shell non include obiettivi a breve e medio termine per ridurre le emissioni dei prodotti che vende, nonostante questa attività rappresenti il 90% delle emissioni dell’azienda.

IL PARERE DEGLI ESPERTI DI DIRITTO

La domanda ora è se questa causa legale segnerà una nuova era di responsabilità nel petrolio e nel gas, e potenzialmente in altri settori. Sebbene il contenzioso possa aver attirato l’attenzione del mondo, alcuni esperti di diritto ritengono improbabile che la causa possa reggere in tribunale. David Gibbs-Kneller, docente presso l’Università dell’East Anglia, ha affermato che ” in genere la strategia e la gestione aziendale sono questioni di giudizio commerciale che il tribunale non contesterà”. Inoltre, “l’evidenza di ClientEarth secondo cui la strategia può imporre un rischio maggiore alla società non prova che non tenesse conto degli interessi più ampi della società o che gli amministratori non credano, in buona fede, che la strategia promuoverà il successo dell’azienda. In effetti, è implicito nella strategia di Shell per ridurre le emissioni di carbonio che abbiano considerato quegli interessi più ampi nell’adempiere al proprio dovere nei confronti dell’azienda. Nessun amministratore considererebbe questa affermazione nell’interesse dell’azienda quando le prove, nella migliore delle ipotesi, sembrano essere speculative”, ha spiegato Gibbs-Kneller.

Mentre ClientEarth attende che l’alta corte del Regno Unito decida il destino della sua causa, indubbiamente sta attirando l’interesse del mondo sulla sua causa. Il gruppo ambientalista mette in discussione la responsabilità degli amministratori di un’azienda per la sua strategia e azione ESG, piuttosto che l’azienda stessa, incoraggiando probabilmente altri a fare lo stesso. Indipendentemente dal risultato, ClientEarth ha attirato molta attenzione sulla situazione, che potrebbe rappresentare un precedente per future azioni legali.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su