Advertisement Skip to content
Enagas

Perché Enagas vuole passare dal GNL al settore dell’ammoniaca e della CO2

La corsa per rallentare il cambiamento climatico aumenterà la necessità di trasportare CO2 per il sequestro permanente nelle formazioni geologiche, mentre l’ammoniaca verrà utilizzata per trasportare l’idrogeno

Enagas, il più grande operatore europeo di terminali GNL, sta progettando di entrare nel business del trattamento di ammoniaca e CO2, cercando di diversificarsi gradualmente dalla distribuzione del gas naturale e verso mercati che acquisiranno importanza con la transizione energetica. “Vogliamo includere nel nostro aggiornamento strategico – che sarà presentato entro quest’anno – la nostra partecipazione nei business della CO2 e dell’ammoniaca dal punto di vista delle infrastrutture”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Enagas, Arturo Gonzalo, in un’intervista a Madrid.

LA STRATEGIA ENERGETICA DI ENAGAS

La mossa fa parte dello sforzo della società spagnola di capitalizzare la sua grande infrastruttura del gas per creare nuove fonti di reddito legate all’energia pulita e alla riduzione delle emissioni di carbonio, mentre i profitti dalle attività regolamentate diminuiscono. La corsa per rallentare il cambiamento climatico aumenterà la necessità di trasportare CO2 per il sequestro permanente nelle formazioni geologiche, mentre l’ammoniaca verrà utilizzata per trasportare l’idrogeno. “Pensiamo che ci sarà un lato infrastrutturale in queste attività. Avremo bisogno di hardware, strutture di carico, serbatoi… Tutto questo può essere fornito da Enagas nel modo più competitivo”, ha affermato Gonzalo.

ENAGAS E IL PASSAGGIO DAL GAS ALL’AMMONIACA

Il passaggio dal gas all’ammoniaca è già un’opzione inclusa nell’accordo di prelievo a lungo termine per il primo terminal di importazione di GNL terrestre della Germania, che Enagas gestirà. L’ammoniaca liquida è più densa del GNL, quindi il riadattamento dei serbatoi di gas ridurrebbe la loro capacità a circa il 70%, ma un impianto GNL “è ancora il posto migliore per liquefarlo, così come per liquefare la CO2”, ha spiegato Gonzalo, che ha proseguito: “abbiamo una posizione dominante molto forte anche per queste nuove molecole; ciò a cui stiamo lavorando è come far evolvere i nostri impianti GNL in impianti multi-molecola”.

Secondo Gonzalo, Enagas potrebbe utilizzare anche delle navi di volume più piccolo per le nuove operazioni, tra 10.000 e 20.000 metri cubi, paragonabili alla nave bunkeraggio di GNL da 12.000 metri cubi che opera nel porto di Algeciras, nel Sud della Spagna.

NUOVA CAPACITÀ

Il business del gas naturale resta la priorità dell’azienda ma, “finché avremo capacità inutilizzata o sarà in grado di costruire nuova capacità negli impianti esistenti, potremo entrare in questi nuovi business”, ha affermato Gonzalo, aggiungendo che gli impianti di gas avranno gradualmente bisogno di meno capacità: “se ci sarà un rendimento interessante in termini di CO2 e ammoniaca che richiedesse la costruzione di nuove capacità, ovviamente lo prenderemo in considerazione”.

La partecipazione di Enagas in Tallgrass Energy Partners sta aiutando l’azienda madrilena a sviluppare competenze nel business della CO2, mentre l’unità della compagnia statunitense di trasporto del gas Trailblazer sta revisionando il suo sistema di gasdotti per trasportare la CO2 per il sequestro permanente.

LA PARTECIPAZIONE DI ENAGAS IN TALLGRASS

La società ha anche tagliato il dividendo annuale del 43%, ad 1 euro per azione, per finanziare il suo piano di investimenti per asset sull’idrogeno di circa 3,2 miliardi di euro, perciò “non ha fretta” di vendere la sua partecipazione di circa il 30% in Tallgrass, ha spiegato ancora Gonzalo.

Enagas si aspetta che la sua base patrimoniale regolamentata (RAB) crescerà di circa il 10% annuo fino al 2030. Le attività di idrogeno dovrebbero raggiungere i 3 miliardi di euro nel 2030, quando supereranno quelle del gas, che dovrebbero ridursi a 2 miliardi di euro.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su