Scenari

Perché l’Oms sottovaluta la trasmissione aerea del Covid

cnr

Secondo i 239 scienziati firmatari della lettera aperta all’Oms sarebbe necessaria una maggiore ventilazione degli ambienti indoor

Dallo scorso marzo 36 scienziati (tra cui 2 italiani, Giorgio Buonanno e Livio Mazzarella) stanno cercando di far accettare all’Oms e alla comunità dei virologi ciò che è evidenza scientifica, ovvero che la SARS-CoV-2 si può trasmettere per via aerea. L’Oms, dopo riunioni e scambi di e-mail, rimane ancora oggi sulle proprie posizioni, nonostante diverse autorità scientifiche a livello internazionale riconoscano questa possibilità di contagio.

LA LETTERA

Nel frattempo, la rivista Clinical Infectious Diseases, tra le più quotate per le malattie infettive, ha pubblicato una lettera a firma di Lidia Morawska, autorità mondiale indiscussa nel settore della diffusione di particelle in aria, e Donald K. Milton, altrettanto famoso per i suoi studi sulla trasmissione via aerosol, in cui i due scienziati invitano l’Oms a riconoscere la trasmissione del SARS-CoV-2 per via aerea. La lettera, i cui contenuti sono basati su solide evidenze scientifiche, è stata firmata da 239 studiosi di 32 Paesi, tra cui 4 italiani.

COSA CHIEDONO GLI SCIENZIATI

Nella lettera aperta che dovrebbe essere pubblicata questa settimana gli scienziati chiedono un maggiore riconoscimento del ruolo della diffusione aerea del nuovo coronavirus e della necessità per i governi di attuare misure di controllo. La guida dell’Oms afferma al contrario che il virus viene trasmesso principalmente attraverso goccioline respiratorie e contatto. I membri del Comitato di prevenzione delle infezioni dell’Oms hanno affermato che, sebbene la trasmissione via aerosol possa svolgere un ruolo, vi sono prove schiaccianti che le vie principali di contagio sono il contatto diretto e le goccioline respiratorie espulse durante la tosse, lo starnuto o la parola. Il Comitato ha anche detto che introdurre nuove misure per prevenire la trasmissione via aerosol è impossibile e che probabilmente non avrebbe fatto molta differenza nella diffusione dell’infezione.

MORAWSKA SICURA AL 100%

“Ne siamo sicuri al 100%”, ha affermato Lidia Morawska , professore di scienze atmosferiche e ingegneria ambientale presso la Queensland University of Technology di Brisbane, in Australia secondo quanto riportato dal Los Angeles Times.

“Numerosi studi dimostrano che le particelle conosciute come aerosol – goccioline respiratorie – possono rimanere sospese nell’aria per lunghi periodi e galleggiare, rendendo pericolosi ambienti scarsamente ventilati, autobus e altri spazi chiusi, anche quando le persone rimangono a poca distanza l’uno dall’altro”, si legge sul La Times, che aggiunge: “Nelle interviste, gli esperti hanno affermato che la trasmissione di aerosol sembra essere l’unico modo per spiegare diversi eventi di ‘super-diffusione’, tra cui l’ infezione dei commensali in un ristorante cinese seduto a tavoli separati e dei membri del coro nello stato di Washington che hanno preso precauzioni durante una prova”.

SCETTICISMO

Benedetta Allegranzi , una delle massime esperte dell’Oms in materia di prevenzione e controllo delle infezioni, ha dichiarato in risposta alle domande del L.a. Times che Morawska e il suo gruppo hanno presentato teorie basate su esperimenti di laboratorio piuttosto che prove sul campo. “Apprezziamo e rispettiamo le loro opinioni e contributi a questo dibattito” – ha scritto Allegranzi in una e-mail -. Ma nelle teleconferenze settimanali, una grande maggioranza del gruppo di oltre 30 esperti internazionali che consigliano l’Oms non ha giudicato le prove esistenti sufficientemente convincenti da considerare la trasmissione aerea come un ruolo importante nella diffusione di COVID-19″. E ha sottolineato che tale trasmissione se fosse vera “avrebbe comportato molti più casi e una diffusione ancora più rapida del virus”.

ALCUNE STUDI PROVANO CHE IL VIRUS RIMANE SOSPESO IN ARIA

Già a metà marzo, uno studio sul New England Journal of Medicine aveva scoperto che quando il virus è sospeso nella nebbia in condizioni di laboratorio è rimasto “vitale e infettivo” per tre ore, un elemento che secondo i ricercatori equivale a mezz’ora nelle condizioni del mondo reale. Era già stato stabilito che alcune persone, note come “super spargitori”, sarebbero particolarmente portate a espirare materiale infetto, producendo 1.000 volte più di altre un rischio di contagio.

Un recente studio ha rilevato, inoltre, l’RNA del coronavirus nei corridoi vicino alle stanze d’ospedale dei pazienti COVID-19. Un altro ha sollevato preoccupazioni sul fatto che gli aerosol carichi del virus siano stati eliminati dalle attrezzature per la pulizia dei pavimenti e dagli operatori sanitari che hanno rimosso i dispositivi di protezione individuale. I ricercatori cinesi hanno trovato prove di aerosol contenenti il ​​coronavirus in due ospedali di Wuhan.

Donald Milton, professore di salute ambientale dell’Università del Maryland ed esperto di aerosol e uno dei firmatari della lettera, ha affermato che la persona media respira 10.000 litri di aria ogni giorno. “Hai solo bisogno di una dose infettiva di coronavirus in 10.000 litri, e può essere molto difficile trovarlo e dimostrare che è lì, che è uno dei problemi che abbiamo avuto”, ha ammesso il dottore al L.a Times.

IL PROBLEMA DELLA SCARSA VENTILAZIONE

“Se la trasmissione aerea è un fattore significativo nella pandemia, specialmente in spazi affollati con scarsa ventilazione, le conseguenze per il contenimento saranno significative. Le maschere possono essere necessarie al chiuso, anche in ambienti socialmente distanti. Gli operatori sanitari potrebbero aver bisogno di maschere N95 che filtrano anche le più piccole goccioline respiratorie mentre si prendono cura dei pazienti con coronavirus. I sistemi di ventilazione nelle scuole, nelle case di cura, nelle residenze e nelle aziende potrebbero dover ridurre al minimo l’aria di ricircolo e aggiungere nuovi potenti filtri. Le luci ultraviolette potrebbero essere necessarie per uccidere le particelle virali che galleggiano in minuscole goccioline all’interno”, si legge sul New York Times.

Tuttavia, si legge sempre sul NYT, “gli scienziati non sono stati in grado di far crescere il coronavirus dagli aerosol in laboratorio. Ma ciò non significa che gli aerosol non siano infettivi, per questo la dott.ssa Linsey Marr, esperta nella trasmissione aerea di virus alla Virginia Tech, ha dichiarato: ‘La maggior parte dei campioni in quegli esperimenti provengono da stanze di ospedale con un buon flusso d’aria che diluirebbe i livelli virali’. Nella maggior parte degli edifici, ha affermato, ‘il tasso di cambio dell’aria è generalmente molto più basso, consentendo ai virus di accumularsi nell’aria e comportare un rischio maggiore’”.

Soumya Swaminathan, capo scienziato dell’Oms, ha replicato che i membri dello staff dell’agenzia cercheranno di valutare le nuove prove scientifiche il più rapidamente possibile, ma senza sacrificare la qualità della loro revisione. Ha aggiunto che l’agenzia cercherà di ampliare le competenze e le comunicazioni dei comitati per assicurarsi che tutti siano ascoltati. ‘Prendiamo sul serio quando giornalisti o scienziati o chiunque ci sfida e diciamo che possiamo fare di meglio’, ha detto. ‘Vogliamo sicuramente fare di meglio’”, ha concluso.