Advertisement
skip to Main Content

Perché si parla tanto di energia pulita ma si continua a finanziare l’Oil & Gas

L’ultimo rapporto sul clima rivela che le 60 maggiori banche nel 2021 hanno destinato 185 miliardi di dollari nelle 100 società più attive nell’espansione dei combustibili fossili

Il settore dell’energia pulita negli Stati Uniti è cresciuto così tanto all’indomani dell’approvazione da parte del Senato di uno storico disegno di legge climatica ed energetica, che gli esperti hanno salutato come il più grande investimento nella lotta al cambiamento climatico mai realizzato dal Paese. Soprannominato “Inflation Reduction Act”, il disegno di legge stanzia 369 miliardi di dollari per le energie rinnovabili, e l’American Clean Power Association stima che potrebbe più che triplicare la produzione di energia pulita, ridurre le emissioni del 40% entro il 2030 e creare 550.000 posti di lavoro nel settore dell’energia pulita.

La legge sulla riduzione dell’inflazione estenderà una serie di crediti d’imposta già disponibili per le energie rinnovabili e creerà anche nuovi incentivi per gli investimenti nella tecnologia dell’energia pulita o nella generazione di energia. Per la prima volta in assoluto, gli aspiranti investitori nell’energia pulita avranno dal governo federale delle garanzie sotto forma di un decennio di sussidi.

Ciononostante non bisogna illudersi: ogni anno centinaia di miliardi di dollari continuano a fluire nei combustibili fossili, e questa tendenza non sembra destinata a cambiare molto presto.

IL RAPPORTO SUL CLIMA E LE SCELTE DELLE BANCHE MONDIALI

L’ultimo rapporto sul clima, approvato da 505 organizzazioni di 51 Paesi in tutto il mondo, rivela che le 60 banche più grandi del mondo hanno raggiunto l’incredibile cifra di 4,6 trilioni di dollari nei sei anni dall’adozione dell’accordo di Parigi nel 2015, con 742 miliardi di dollari destinati al finanziamento di combustibili fossili nel solo 2021. Il rapporto afferma che, anche se gli impegni sullo zero netto sono stati ampiamente discussi, il settore finanziario ha continuato a guidare il caos climatico come sempre.

Il rapporto, intitolato “Banking On Climate Chaos”, afferma che nel complesso, JPMorgan Chase, Citi, Wells Fargo e Bank of America sono i principali finanziatori mondiali di combustibili fossili, e insieme rappresentano un quarto di tutti i finanziamenti di combustibili fossili negli ultimi 6 anni. RBC è il peggior banchiere canadese di combustibili fossili, Barclays il peggiore in Europa e MUFG il principale finanziatore in Giappone.

Il rapporto lamenta il fatto che queste banche continuano a promuovere i loro impegni nell’aiutare i propri clienti nella transizione, eppure queste 60 banche nel 2021 hanno destinato 185,5 miliardi di dollari nelle 100 società più attive nell’espansione del settore dei combustibili fossili, come l’araba Saudi Aramco ed ExxonMobil, anche quando i carbon budget chiariscono che non possiamo permetterci nuove forniture o infrastrutture di carbone, gas o petrolio.

I SETTORI ENERGETICI PIÙ FINANZIATI NEL 2021

Ecco alcuni tra i dati più salienti del rapporto:

Sabbie bituminose: in modo allarmante, le sabbie bituminose hanno visto un aumento del 51% dei finanziamenti dal 2020 al 2021, a 23,3 miliardi di dollari, con l’aumento più grande proveniente dalle banche canadesi RBC e TD.

Petrolio e gas artico: lo scorso anno JPMorgan Chase, SMBC Group e Intesa Sanpaolo sono stati i principali banchieri di petrolio e gas artico. Il settore ha visto 8,2 miliardi di dollari di finanziamenti nel 2021, sottolineando che le politiche che limitano il finanziamento diretto dei progetti non vanno abbastanza lontano.

Petrolio e gas offshore: l’anno scorso le grandi banche hanno destinato 52,9 miliardi di dollari in petrolio e gas offshore, con le banche statunitensi Citi e JPMorgan Chase che hanno fornito la maggior parte dei finanziamenti. BNP Paribas è stato il più grande banchiere di petrolio e gas offshore nel periodo di 6 anni dall’Accordo di Parigi.

Petrolio e gas fracking: il fracking nel 2021 ha visto finanziamenti per 62,1 miliardi di dollari, dominato dalle banche nordamericane – con Wells Fargo in cima – che finanziano produttori come Diamondback Energy e società di oleodotti come Kinder Morgan.

Gas naturale liquefatto (GNL): Morgan Stanley, RBC e Goldman Sachs sono stati i peggiori banchieri di GNL del 2021, un settore che punta sul sostegno delle banche per far passare una serie di enormi progetti infrastrutturali.

Estrazione del carbone: i cinesi guidano il finanziamento dell’estrazione del carbone, con China Everbright Bank e China CITIC Bank in cima alla lista 2021 e le grandi banche che hanno fornito complessivamente 17,4 miliardi di dollari al settore.

Energia dal carbone: nonostante il fatto che il carbone dovrebbe essere destinato all’eliminazione graduale, negli ultimi tre anni in termini di finanziamento il segmento è rimasto sostanzialmente piatto, con circa 44 miliardi di dollari di finanziamenti, sempre guidati dalle banche cinesi.

GLI INVESTIMENTI, TRA PROGETTI VERDI E COMBUSTIBILI FOSSILI

Wall Street avanza nel settore energetico, a cavallo tra il finanziamento del petrolio e del gas e le prospettive sempre più attraenti dell’energia pulita. Secondo Dealogic, nel 2021 la quantità di denaro raccolta attraverso obbligazioni e prestiti per progetti verdi e dalle compagnie petrolifere e del gas è stata quasi identica, a circa 570 miliardi di dollari. La raccolta fondi potrebbe essere leggermente rallentata, ma ciò è in gran parte dovuto alla volatilità del mercato, piuttosto che alla contrapposizione energia sporca-energia pulita. Dealogic afferma che il rapporto tra finanziamento di combustibili verdi e combustibili fossili è rimasto più o meno simile.

Molti investitori affermano che è quasi impossibile rinunciare completamente agli investimenti nei combustibili fossili, perché petrolio, gas e carbone rappresentano ancora circa l’80% dell’energia mondiale. La carenza di energia e cibo causata dalla guerra in Ucraina ha messo in luce questa realtà, evidenziando i rischi di spostamenti frettolosi o casuali dai combustibili fossili in molti Paesi europei.

Il disegno di legge IRA approvato venerdì scorso dalla Camera dei rappresentanti USA sembra prendere una direzione simile, con il principale sostegno del senatore Joe Manchin e altri che lo hanno definito una “politica energetica globale”.

“La risposta non è né se oppure, è tutto quanto sopra”, ha detto al Wall Street Journal Megan Starr, responsabile globale dell’impatto della società di private equity Carlyle Group. È vero che alcuni nel settore petrolifero hanno avuto problemi con le nuove normative dell’amministrazione Biden – come tasse più elevate per le perdite di metano e altri aspetti dell’IRA – tuttavia, molti altri la vedono come una grande opportunità per la sezione energetica, e non solo per il segmento pulito.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore