Scenari

Petrolio, il mondo ha ancora bisogno di miliardi di barili

Petrolio

Il settore si aspetta ancora almeno un altro decennio circa di crescita della domanda prima che il fabbisogno globale di petrolio raggiunga il massimo

Il picco della domanda di petrolio è già arrivato? Difficile da dire: alcuni esperti dicono inequivocabilmente di sì. Affermano che il picco del petrolio è già alle porte, grazie al colpo devastante che la pandemia di Covid-19 ha inferto alla domanda globale di petrolio e alla transizione mondiale in continua crescita verso l’energia pulita. Ma ci sono altrettanti analisti che affermano il contrario.

Indipendentemente dal fatto che la domanda di petrolio abbia raggiunto il picco o si sia stabilizzata durante la pandemia, ciò che è innegabilmente vero è che il mondo brucerà ancora molto petrolio in futuro prima che la comunità globale decarbonizzi completamente il sistema, un obiettivo che è ancora molto lontano.

ANCORA MILIARDI DI BARILI DA BRUCIARE

“Si prevede che il mondo brucerà centinaia di miliardi di barili di petrolio nei prossimi decenni – ha riferito questa settimana Bloomberg Markets -. Questo dà un grande incentivo a giganti come Total o Royal Dutch Shell, oltre alle centinaia di piccoli esploratori che rimangono in attività, a continuare a cercare le frontiere del mondo per il prossimo posto dove trivellare”.

TOTAL IN AFRICA

In effetti, Total dovrebbe ottenere l’approvazione per un nuovo mega-progetto nel fine settimana per perforare i giacimenti petroliferi non ancora sfruttati in Uganda e Tanzania. L’impresa dell’Africa orientale di Total costerà circa 5,1 miliardi di dollari e comporterà la perforazione lungo la costa del lago Albert in Uganda, oltre alla costruzione di un gasdotto riscaldato di 1.443 chilometri (897 miglia) per consegnare il greggio estratto al porto di Tanga in Tanzania, da dove verrà esportato.

LO STUDIO DI NATURE

Questa è una notizia allarmante per gli ambientalisti. Nel 2015, uno studio empirico peer-reviewed pubblicato sulla rivista Nature aveva scoperto che per evitare i peggiori effetti del cambiamento climatico, almeno l’80% delle riserve di combustibili fossili conosciute nel mondo sarebbero dovute rimanere nel terreno. (Quella cifra include oltre il 90% del carbone statunitense e un intero 100% delle riserve di petrolio e gas dell’Artico).

BP UNICA MAJOR AD AMMETTERE LA FINE DELL’ERA PETROLIFERA

Finora, questa posizione è rimasta relativamente relegata alle sfere ambientaliste. Ad oggi, BP ì è l’unica major petrolifera che ha riconosciuto esplicitamente la fine dell’era petrolifera, ammettendo che la crescita della domanda non sarà più la norma nel prossimo futuro.

“Il resto del settore si aspetta ancora almeno un altro decennio circa di crescita della domanda prima che il fabbisogno globale di petrolio raggiunga il massimo – riporta Bloomberg Markets -. E anche le prospettive meno rialziste della BP mostrano un mondo in cui verrà utilizzato molto più petrolio”. Secondo il modello “business as usual” di BP, in cui la domanda di petrolio rimane stabile e ci sono pochi o nessun progresso per ridurre le emissioni di carbonio del settore, nei prossimi 30 anni, entro il 2050, saranno stati consumati altri 1.1 trilioni di barili di petrolio.

COMPENSARE O CATTURARE LA CO2

“La buona notizia è che parte del carbonio prodotto dalla combustione di tutti quei combustibili fossili nei prossimi decenni può essere compensato o catturato. Con gli sforzi congiunti concertati dei settori pubblico e privato per aumentare le iniziative di cattura del carbonio, il contributo dell’industria petrolifera all’impronta di carbonio globale potrebbe essere ridotto in una certa misura nel periodo compreso tra oggi e l’obiettivo a lungo termine del 100% di energia rinnovabile. Ciò che accade nell’industria energetica mondiale in questo decennio è della massima importanza per il futuro ecologico globale del mondo. Accettare che il petrolio non scomparirà dall’oggi al domani sarà una parte importante per assicurarci di allontanarci dal nostro corso attuale verso gli effetti più gravi del cambiamento climatico”, ha concluso Oilprice.