Energie del futuro

Prezzi stracciati per le auto elettriche cinesi, ecco perché sono un rischio (anche per Tesla)

auto elettriche

La Cina ha più di 450 produttori di veicoli elettrici che competono per una quota di un mercato di 1,8 milioni di veicoli nel migliore dei casi, secondo una recente analisi del think tank Center for Strategic & International Studies (CSIS)

Nel momento in cui le case automobilistiche occidentali stanno correndo per riconquistare quote di mercato nel grande mercato mondiale delle auto elettriche, in Cina centinaia di produttori cinesi di veicoli elettrici sono spuntati negli ultimi anni per accaparrarsi un pezzo della torta.

Il sostegno del governo all’industria cinese dei veicoli elettrici e le ambizioni del paese di aumentare le vendite di veicoli elettrici fino a rappresentare un quarto delle vendite di auto nel 2025, ha come significato principale il fatto che le autorità cinesi vogliono che l’industria di settore fiorisca e si affermi nel paese e per alcuni analisti ciò sarebbe possibile solo facendo intervenire anche i produttori occidentali nella partita.

ECCESSO DI OFFERTA DI AUTO ELETTRICA UGUALE TAGLIO DEI PREZZI PER L’EXPORT

Gli analisti occidentali, tuttavia, avvertono che un eccesso di offerta di veicoli elettrici cinesi potrebbe portare ad un taglio dei prezzi dell’export di automobili elettriche cinesi, potenzialmente distorcendo e facendo pressione sulle industrie automobilistiche di altri paesi, e creando potenzialmente le premesse per la prossima guerra commerciale Usa-Cina proprio sul fronte dei veicoli elettrici.

TESLA CONSIDERATA LA PIONIERA DA BATTERE

Anche i leader tra i produttori cinesi di veicoli elettrici ammettono che Tesla è il pioniere nel settore. Ma alcuni dei maggiori produttori cinesi di veicoli elettrici credono di poter competere con il produttore statunitense e di poter produrre buone auto elettriche, scrive Jeanne Whalen, corrispondente del Washington Post. Tesla ha appena consegnato le sue prime auto ai clienti della sua nuova Gigafactory di Shanghai, appena un anno dopo aver aperto il cantiere per la costruzione dell’impianto.

Per i produttori cinesi, Tesla era il costruttore di auto elettriche da battere anche prima che la società statunitense iniziasse a consegnare auto prodotte localmente che non sono soggette a tariffe d’importazione e che ora, in quanto di produzione nazionale, sono ammissibili agli incentivi. I produttori cinesi di veicoli elettrici credono che sia ora la loro seconda possibilità di provare a produrre auto elettriche di buona qualità, dopo che la Cina ha fallito nella produzione di veicoli convenzionali di produzione cinese alcuni decenni fa. Nel mercato dei veicoli elettrici, “l’occasione è arrivata di nuovo”, ha detto Izzy Zhu, dirigente del produttore cinese di veicoli elettrici NIO, al Washington Post.

MOLTI CINESI INSODDISFATTI DELLE AUTO NAZIONALI. COMPRANO PER AVERE LE TARGHE

La produzione di questi veicoli in Cina, in termini di infrastrutture ingegneristiche è più leggera e semplice rispetto alla produzione di automobili con motori a combustione interna, secondo Zhu, che in precedenza era un dirigente della BMW. Alcuni proprietari cinesi di veicoli elettrici, tuttavia, non sono del tutto soddisfatti dei prodotti cinesi, ma acquistano solo per “ottenere immediatamente le targhe auto” scrive Oilprice.com ricordando che il governo fa aspettare i conducenti anche mesi quando si tratta di auto a benzina.

CALANO I SUSSIDI MA IL TARGET SI ALZA

Anche se la Cina ha iniziato a diminuire gradualmente i generosi sussidi per le vendite di veicoli elettrici negli ultimi mesi, Pechino punta ancora a far sì che tali veicoli detengano una grande quota di mercato nelle vendite di automobili nel corso del prossimo mezzo decennio. Pechino vuole raggiungere il target del 25% nel 2025, ma “con i massicci tagli dei sussidi, il più grande mercato mondiale di veicoli elettrici potrebbe incontrare una sfida enorme nel raggiungere l’obiettivo”, ha detto IHS Markit il mese scorso. Anche se secondo gli analisti la Cina continuerà a fornire sussidi.

QUANTI SONO I PRODUTTORI CINESI

La Cina ha più di 450 produttori di veicoli elettrici che competono per una quota di un mercato di 1,8 milioni di veicoli nel migliore dei casi, secondo una recente analisi del think tank Center for Strategic & International Studies (CSIS) con sede a Washington. “Nonostante la pretesa cinese di svezzare i produttori e i consumatori dalle sovvenzioni, stimiamo che nel 2018 i soli sussidi settoriali formali ammontavano ancora a 123 miliardi di yuan (17,6 miliardi di dollari)”, hanno scritto in ottobre Scott Kennedy e Daniel H. Rosen del CSIS. “Le maggiori sfide derivanti dalla strategia cinese non si verificheranno in Cina, ma in altri mercati”, ha detto Kennedy nel novembre 2018 in un rapporto intitolato “China’s Risky Drive into New-Energy Vehicles“.

PER IL CSIS LE AUTO CINESI A BASSO COSTO INVADERANNO ANCHE L’OCCIDENTE

Il CSIS prevede che l’offerta cinese di veicoli elettrici supererà la domanda in futuro, inducendo i produttori cinesi ad aumentare le esportazioni, “molto probabilmente a prezzi ridotti”. Le esportazioni iniziali potrebbero essere verso le economie in via di sviluppo e quelle vicine, ma alla fine le vetture potrebbero raggiungere i mercati industrializzati sviluppati, secondo Scott. “Anche se il mercato mondiale dell’auto non ha l’esatta dinamica di materie prime come l’acciaio e i pannelli solari, una corsa delle esportazioni cinesi potrebbe creare sfide non solo per i singoli concorrenti all’estero, ma anche mettere sotto pressione l’intera industria automobilistica di altri paesi e la catena di fornitura globale”, ha detto Scott.