Fact checking e fake news

Come si gasano i conti di Snam

Alverà: Nel primo semestre abbiamo ottenuto risultati in crescita, in linea con gli obiettivi di piano, ponendo le basi per un altro anno di creazione di valore per tutti i nostri stakeholder

Con un utile netto di 581 milioni di euro (+58 milioni di euro; +11,1% rispetto al primo semestre 2018), un utile operativo pari a 756 milioni di euro (+27 milioni di euro; +3,7% rispetto al primo semestre 2018), e un Free cash flow 794 milioni di euro, si chiude un semestre positivo per i conti di Snam.

I CONTI DI SNAM

Nel semestre i ricavi totali ammontano a 1.332 milioni di euro, in aumento di 61 milioni di euro, pari al 4,8%, rispetto al corrispondente valore del primo semestre 2018. Al netto delle componenti che trovano contropartita nei costi, i ricavi totali ammontano a 1.303 milioni di euro, in aumento di 61 milioni di euro, pari al 4,9%. L’aumento è dovuto principalmente ai maggiori ricavi regolati (+40 milioni di euro; +3,3%), attribuibili essenzialmente al settore trasporto, nonché all’incremento dei ricavi non regolati (+21 milioni di euro; +70,0%) a seguito principalmente del contributo delle imprese entrate nel perimetro di consolidamento.

INDEBITAMENTO SOTTO CONTROLLO

L’indebitamento finanziario netto si è attestato a 11.523 milioni di euro (11.548 milioni di euro al 31 dicembre 2018) mentre gli investimenti tecnici sono stati pari a 408 milioni di euro (349 milioni di euro nel primo semestre 2018) inclusi gli investimenti in innovazione e transizione energetica (Snamtec) di 89 milioni di euro, con una guidance sull’utile netto 2019: +6-7% rispetto al 2018 (rispetto alla precedente previsione di crescita del +5%).

ALVERÀ: SNAM CONFERMA IL PROPRIO RUOLO DI PROTAGONISTA DELLA TRANSIZIONE ENERGETICA snam

“Nel primo semestre abbiamo ottenuto risultati in crescita, in linea con gli obiettivi di piano, ponendo le basi per un altro anno di creazione di valore per tutti i nostri stakeholder – ha commentato l’Amministratore Delegato di Snam Marco Alverà -. I nostri investimenti in Italia sono in aumento di oltre il 15% rispetto al primo semestre del 2018 e prevediamo di raggiungere 1 miliardo nell’intero anno, anche con il contributo delle iniziative del progetto Snamtec. Le infrastrutture del gas hanno confermato di avere una funzione centrale nel percorso di decarbonizzazione, garantendo flessibilità e sicurezza degli approvvigionamenti in un contesto di incremento dei volumi del 17% nel settore termoelettrico, anche a scapito della generazione a carbone. La nostra rete è sempre più moderna, sostenibile e proiettata nel futuro, come dimostra l’avvio della sperimentazione sull’idrogeno nel corso del semestre. Snam conferma così il proprio ruolo di protagonista della transizione energetica, al servizio dello sviluppo dei territori nei quali opera”.