Territori

Sboarina: fusione Agsm-A2a-Aim ‘non ancora conclusa’

Agsm

L’operazione dovrebbe concludersi entro fine giugno, con avvio della nuova società tra Agsm, A2a e Aim il primo luglio

“Appuntamento a fine mese per capire quali saranno davvero i tempi per l’operazione Agsm-Aim-A2A. Dopo le smentite ad alcune voci che davano per firmato l’accordo, il sindaco, Federico Sboarina precisa che ‘è un percorso che non è ancora concluso ma che adesso è ancora più importante di quanto lo fosse tre mesi fa. Mentre io sono impegnato nel contrasto dell’epidemia, – aggiunge il sindaco – i tavoli tecnici stanno continuando il lavoro per arrivare alla proposta da sottoporre ai soci. Quando avremo in mano tutti i contenuti dell’operazione – conclude Sboarina – li esamineremo, e giova sottolineare che l’obiettivo da cui siamo partiti è di dare un vantaggio competitivo ad Agsm, vantaggio che sarà importante per la ripartenza nel post Coronavirus’”. È quanto riporta il Corriere di Verona.

IL CRONOPROGRAMMA ORIGINALE PREVEDEVA UN ACCORDO ENTRO MARZO

“Agsm, Aim e A2A, avevano precisato domenica scorsa che ‘nessun accordo è stato ancora raggiunto e che i tavoli di lavoro congiunti sono attualmente in corso per la definizione di una proposta: una volta perfezionata e condivisa, la stessa sarà sottoposta agli organi competenti per la relativa valutazione ed eventuale approvazione’ . Il cronoprogramma originale prevedeva un accordo entro marzo, ma si parla di un ritardo (comprensibilmente legato all’emergenza virus) di una ventina di giorni”, ha aggiunto il quotidiano.

OPERAZIONE CONCLUSA ENTRO FINE GIUGNO

Il presidente di A2A, Giovanni Valotti, ha comunque spiegato che la proposta definitiva di A2A arriverà entro questo mese ‘e poi – ha spiegato due settimane fa Valotti – vedremo i passi formali di approvazione nei cda e nei consigli comunali’. L’operazione dovrebbe concludersi entro fine giugno, con avvio della nuova società il primo luglio, anche perché, in caso contrario, toccherebbe probabilmente rifare parte dei conti fatti finora, sulla base dei bilanci aziendali precedenti”, ha concluso il quotidiano.