Advertisement vai al contenuto principale
Auto

Settembre nero per le auto elettriche ma il mercato accelera

Il mercato delle auto riparte in quarta ma le vendite di vetture elettriche rallentano a settembre. Quali sono le più acquistate? L’ultimo “Rapporto mensile sull’andamento del mercato italiano delle autovetture” di ANFIA

Il mercato automotive accelera, ma le immatricolazioni delle auto a batteria rallentano. Le più acquistate da gennaio sono le ibride mild e full, che superano la benzina, salda al secondo posto della classifica. Calano invece le immatricolazioni di vetture diesel, mentre il metano continua la sua discesa libera. Sono solo alcuni dei dati che emergono dall’ultimo “Rapporto mensile sull’andamento del mercato italiano delle autovetture” dell’Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica (ANFIA).

IL MERCATO AUTO ACCELERA E PREMIA LE ALTERNATIVE

Il mercato italiano automotive conferma la ripresa dopo lo stop del 2022, secondo il “Rapporto mensile sull’andamento del mercato italiano delle autovetture” di ANFIA.

Infatti, le automobili immatricolate nei primi 9 mesi di quest’anno sono state 1,18 milioni, il 20,5% in più rispetto al 2022. Una percentuale che è salita al 22,7% nel solo mese di settembre, quando sono state registrate più di 136.000 unità.

Nel mese di settembre le alimentazioni alternative hanno mantenuto il primato, con 75.135 vetture (+26,9% rispetto allo stesso mese del 2022) e una quota di mercato del 55,2%. Inoltre, i primi nove mesi dell’anno si sono chiusi con un trend positivo: +22,8% di immatricolazioni.

IMMATRICOLAZIONI: IBRIDE SU, ELETTRICHE IN CALO

Le autovetture elettrificate hanno rappresentato il 47,1% delle vetture nuove immatricolate a settembre (+31,2% rispetto allo stesso mese del 2022), percentuale che scende leggermente nel cumulato dei nove mesi, attestandosi sul 44,1%. Nel gruppo spiccano le ibride mild e full, con vendite in crescita del 34,8%, raggiungendo una quota di mercato del 39,4%. Percentuali che scendono al 26,6% e 35,7% analizzando il periodo gennaio-settembre.

Entrando nel dettaglio, le immatricolazioni di automobili ricaricabili sono salite del 15,1% a settembre e del 18,5% nel cumulato. Tuttavia, le vendite di vetture elettriche sono scese del 2,3% nel mese di settembre. Un trend opposto rispetto alle ibride plug-in, le cui immatricolazioni sono aumentate del 37,1% rispetto allo stesso mese del 2022. Guardando ai primi nove mesi dell’anno, invece, emerge che entrambe le alimentazioni sono cresciute del 27,6% e dell’11,6%.

AUTO: IL DIESEL RALLENTA, LA BENZINA NON SBANDA

La benzina ha dovuto cedere lo scettro alle alimentazioni alternative, ma fa registrare ancora numeri importanti. Infatti, le immatricolazioni di queste vetture sono aumentate del 32,2% a settembre (sullo stesso mese del 2022) e del 22,6% nei primi 9 mesi del 2023. Al contrario, lo scorso mese le vendite di macchine a diesel nuove sono scese del 2,5%. Un trend che non si conferma però nel periodo gennaio-settembre, caratterizzato da un +11,3% (18,4% delle unità totali vendute).

CONTINUA IL CROLLO DEL METANO, IL GPL CRESCE

In ultima posizione nella classifica delle alimentazioni troviamo le automobili a gas, che hanno rappresentato appena l’ 8,1% del totale a settembre.

In particolare, la maggior parte delle nuove auto registrate a settembre sono alimentate dal Gpl (l’8,0% del totale, con 20.656 unità, +12,4% su settembre 2022). Male invece le vetture a metano, che rappresentano lo 0,1% delle vendite, in calo dell’84,2% rispetto a settembre dell’anno scorso. Il quadro è ancora peggiore per questa fonte se guardiamo ai primi nove mesi, dove il metano ha fatto registrare un calo dell’85,9%.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su