skip to Main Content

Snam e Fondazione Cdp insieme per creare nuovi polmoni verdi con Arbolia

Co2

La forestazione è decisiva per combattere i cambiamenti climatici e rendere l’aria più respirabile nelle città. A Parma i primi boschi urbani della nuova start-up green di Snam e Fondazione Cdp che si chiama Arbolia

Oggi l’Italia conta circa 12 miliardi di alberi e una superficie boschiva di oltre 11 milioni di ettari, pari a quasi il 35% del territorio. Un enorme patrimonio che può essere utilizzato anche come soluzione “green” ai problemi climatici: la forestazione è infatti una delle più semplici e anche efficaci. Piantare alberi fa bene sia al pianeta, perché assorbe le emissioni di CO2 causa del riscaldamento globale, sia ai singoli territori, perché ripulisce l’aria, riequilibra le temperature e riduce il rischio di frane e smottamenti.

AL VIA ARBOLIA

Grazie alle iniziative di forestazione potrebbero nascere 500mila nuovi alberi all’anno, rafforzando ulteriormente la biodiversità e rendendo le città più vivibili e resilienti. L’attività interessa a tutti: pubblica amministrazione e aziende, impegnate nella compensazione delle emissioni, e cittadini, sempre più sensibili all’ambiente. Da qui l’iniziativa di Snam e Fondazione Cassa depositi e prestiti, che hanno dato vita recentemente ad Arbolia (https://www.snam.it/it/arbolia/), nuova società benefit per sviluppare aree verdi in Italia.

COSA FA ARBOLIA

Arbolia progetta, promuove e realizza iniziative di imboschimento e di rimboschimento su terreni messi a disposizione dalla pubblica amministrazione e dai privati con il supporto di chiunque desideri contribuire al miglioramento dell’ambiente.

ESORDIO A PARMA

L’esordio di Arbolia è stato a Parma: in accordo con il Comune, e grazie al contributo delle aziende del territorio Max Streicher SpA e Impresa Tre Colli SpA, la società ha recentemente avviato la realizzazione di due boschi urbani nella periferia Sud della città da circa 4.000 alberi.

ALTRO ACCORDO A TARANTO

Nelle scorse settimane un altro accordo, stavolta a Taranto, dove il Comune ha approvato un protocollo di intesa con Arbolia con l’obiettivo di individuare aree verdi per la possibile realizzazione di boschi urbani.

E mentre proseguono le interlocuzioni con altri enti, il 21 novembre, in occasione della Giornata nazionale degli alberi, Arbolia ha messo a dimora un carpino nella sede di Snam, primo esemplare di una foresta di oltre 3mila piante che nascerà nel 2021 e che l’azienda dedicherà a tutto il personale (si chiamerà Snamwood, il nome è stato scelto grazie a un concorso interno tra i dipendenti). Un leccio, invece, è stato piantato a Genova nella sede di RINA, la società internazionale di certificazione che ha avviato una collaborazione con Arbolia nell’ambito del suo progetto di azzeramento delle proprie emissioni di CO2.

UNA SOCIETA’ BENEFIT CHE HA DONATO PER NATALE UN ABETE ROSSO ALLA PARROCCHIA SAN MARTINO DI SERGNANO, IN PROVINCIA DI CREMONA.

Arbolia è una società “benefit”, forma giuridica nata negli Stati Uniti qualche anno fa e che l’Italia, tra i primi Paesi al mondo, ha voluto recepire. Le società benefit, oltre a perseguire obiettivi economici, mirano alla creazione di un impatto positivo sulla società e sull’ambiente, bilanciando gli interessi dei soci con quelli della collettività

In occasione del Natale, Arbolia ha donato un abete rosso all’oratorio della parrocchia San Martino di Sergnano, in provincia di Cremona.

live
Back To Top