Scenari

Usa, con la pandemia carbone a picco. Bene le rinnovabili. Il report Moody’s

carbone

Il declino della domanda di energia potrebbe accelerare il declino della generazione di carbone indebolendo ulteriormente la redditività economica di tali centrali e spingendo il passaggio permanente” alla produzione alimentata a gas

Le rinnovabili dovrebbero generare più energia negli Stati Uniti rispetto agli impianti a carbone nel 2020: una novità per l’anno in corso, guidata da un calo della domanda di servizi da parte delle unità a carbone causato dalla pandemia di coronavirus. È quanto emerge da un report di Moody’s Investor Service.

COME SONO ANDATI I COMBUSTIBILI IN USA

Secondo l’agenzia di rating, mentre la produzione di energia degli Stati Uniti è diminuita del 5,4% da un anno all’altro a metà maggio, “questo non ha influenzato tutti i combustibili allo stesso modo, con il gas e le energie rinnovabili che hanno aumentato la loro quota, la tenuta del nucleare è rimasta stabile e la quota del carbone si è ridotta al 17,5% dal 15 maggio 2020 a partire dal 24,8% nello stesso periodo del 2019”, ha dichiarato Moody’s nel report.

A FINE MARZO RINNOVABILI SOPRA IL CARBONE

Alla fine di marzo, in seguito alla diffusione del coronavirus negli Stati Uniti, la generazione rinnovabile aveva superato il carbone per via dell’influenza dettata dal lockdown sulla domanda. Nel suo outlook energetico a breve termine diffuso a giugno, la US Energy Information Administration ha affermato che la generazione da fonti rinnovabili dovrebbe crescere dell’11% su base annua nel 2020, mentre la produzione di carbone dovrebbe scendere del 25%, il che vedrebbe le fonti rinnovabili rappresentare una quota maggiore di generazione degli Stati Uniti rispetto alle unità a carbone nel corso dell’anno.

ANTICIPO DELLE PREVISIONI

“La previsione di Moody’s dell’anno scorso prevedeva che il carbone scendesse al di sotto di una quota di generazione del 20% nel 2023, quindi l’attuale situazione anticipa tale livello di diversi anni”, afferma il rapporto.

Con la diminuzione della generazione alimentata a carbone, i mercati del settore avvertiranno gli “effetti a catena”, ha detto Moody’s, di un’industria “che sta già lottando contro i venti contrari di un mercato in calo”.

Il calo della generazione alimentata a carbone dovrebbe portare a un calo di 100 milioni di tonnellate nel consumo di carbone termico negli Stati Uniti nel 2020 per il secondo anno consecutivo, portando l’uso totale degli Stati Uniti sotto i 500 milioni di tonnellate.

SI ACCELERA IL PASSAGGIO AL GAS

Inoltre, “il declino della domanda di energia potrebbe accelerare il declino della generazione di carbone indebolendo ulteriormente la redditività economica di tali centrali e spingendo il passaggio permanente” alla produzione alimentata a gas, ha detto Moody’s.

“Di conseguenza, anche se la domanda ritornerà, il mercato dell’energia potrebbe scegliere fonti di energia alternative man mano che le chiusure delle centrali a carbone accelereranno e una maggiore capacità di generazione di energia rinnovabile verrà messa in circolazione per sostituirla”, ha aggiunto l’agenzia di rating.