Territori

Cosa deve fare l’Europa dell’Est per scongiurare una crisi energetica

Troppi nodi irrisolti tra i paesi dell’ex blocco sovietico alle prese con indipendenza e sicurezza energetica e decarbonizzazione Scarsi investimenti, impianti datati e inquinanti. Dalla caduta del muro di Berlino, la produzione di energia nell’Europa sudorientale sta continuamente lottando con il suo passato ma anche con il presente per soddisfare la domanda richiesta da imprese e cittadini da un lato e la necessità di essere in regola con le normative europee in materia di clima e di qualità dell’aria dall’altro.

Read More...

Territori

Nucleare, chi e perché preoccupa la centrale britannica di Hinkley Point C

Che cosa ha detto l’autorità di regolamentazione britannica per il settore nucleare ha espresso a Edf Energy

Read More...

Energie del futuro

Nucleare, Calenda: è in arrivo Cnapi

Il ministro su Twitter: Perché ora? Sono pronto a scommettere che il prossimo Governo non lo farà in tempi ragionevoli. Perché la lista c’è ed è giusto che i cittadini la conoscano “La Cnapi sta arrivando, tra questa e la prossima settimana”. Il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda lo aveva garantito parlando con i giornalisti a margine di un convegno del Gestore dei servizi energetici (Gse). Parole con un peso specifico alto specialmente dopo che a gennaio, su Twitter,

Read More...

Energie del futuro

Le strategie di Eni per il futuro? Guardano al “game changer”

Nell’ottica della decarbonizzazione l’azienda italiana investe in Usa nello sviluppo di fonti energetiche alternative con un sempre minor impatto ambientale Eni entra ufficialmente nei progetti di fusione nucleare americani. Insieme a Commonwealth Fusion Systems (Cfs), società nata come spin-out del Massachusetts Institute of Technology, le due società hanno sottoscritto un accordo che permetterà al Cane a sei zampe di acquisire una quota del capitale di Cfs per sviluppare il primo impianto che produrrà energia grazie alla fusione, fonte sicura, sostenibile,

Read More...

Energie del futuro

Ispra dice la sua sul deposito scorie nucleari. Ora tocca ai ministeri

Ma con la fine della legislatura probabilmente spetterà al prossimo esecutivo scoprire le carte Il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda aveva promesso a dicembre – rispondendo a un tweet di Stefano Agnoli, giornalista del Corriere della Sera – che la Carta delle aree idonee a ospitare il tanto atteso deposito nazionale delle scorie nucleari (Cnapi) sarebbe arrivato “prima delle elezioni”. In un tweet del 24 gennaio scorso aggiungeva che il “parere formale Mibact, ultimo passaggio” della vicenda sarebbe arrivato

Read More...

Energie del futuro

Nucleare, chi ospiterà il reattore a fusione?

Entro il 10 aprile la decisione Enea sul Divertor Tokamak Test. L’approfondimento di Energia Oltre

Read More...

Sostenibilità

Che cosa c’è (e cosa manca) nell’agenda finale di Calenda al Mise

Ad una manciata di giorni dalla elezioni il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, si sfoga su Twitter e annuncia l’agenda degli ultimi giorni del suo mandato. Fatti, nomi e approfondimenti

Read More...