Territori

A2A, sui conti pesa il Covid: Meno ricavi per mezzo miliardo

a2a
FOTO IPP/TOMMASO BALESTRA - MILANO 27/04/2009 - CENTRALE ENERGETICA TELERISCALDAMENTO 'CANAVESE' A2A DI VIALE FORLANINI - IMPIANTO CON POMPA DI CALORE - ENERGIA BOLLETTE BOLLETTA LUCE GAS

Sì alla Semestrale, l’ad di A2A Mazzoncini è sereno: “Gli investimenti sono destinati a crescere”

“La pandemia ha contagiato anche i conti di A2A, diminuendo i ricavi e l’utile, ma la multiutility ha scelto di non penalizzare gli investimenti che sono rimasti uguali allo stesso periodo dell’anno precedente: 250 milioni di euro. E, con l’approvazione della semestrale, dopo il Cda sotto la presidenza di Marco Patuano, la multiutility registra ‘riduzioni contenute’ dei risultati semestrali al 30 giugno”. È quanto riporta il Corriere della Sera edizione Brescia.

I CONTI

“L’utile netto di pertinenza del gruppo nel primo semestre del 2020 è 154 milioni di euro, in calo del 7,2% rispetto a quello registrato nel corrispondente periodo del 2019 (166 milioni di euro), ma la riduzione del risultato operativo netto è stata ridimensionata dalla diminuzione degli onore finanziari netti e delle imposte. Il margine operativo lordo si attesta a 559 milioni di euro, in calo di 23 milioni di euro rispetto al primo semestre 2019 (-4%). I ricavi sono 3.181 milioni di euro, in contrazione del 14,3% rispetto all’anno precedente: 530 milioni di euro in meno”, ha aggiunto il quotidiano.

UN ANNO DI DIFFICOLTÀ

“Il 2020 è un anno che, ‘al netto delle difficoltà, vede l’azienda decisamente in forma e pronta ad agganciare il rimbalzo che tutti si aspettano già nel prossimo semestre’. Lo ha detto l’amministratore delegato di A2A, Renato Mazzoncini, in conference call”, ha proseguito il quotidiano.

“ABBIAMO SCELTO DI NON PENALIZZARE GLI INVESTIMENTI”

“’Credo che il ruolo svolto da A2A, così come quello delle altre multiutilities radicate nei territori, in un contesto molto complicato come quello generato dall’emergenza sanitaria sia stato essenziale. Il Gruppo è riuscito a garantire gli usuali, elevati standard di qualità dei servizi erogati, con flessibilità e sicurezza’ ha commentato ancora Mazzoncini. “Abbiamo scelto di non penalizzare gli investimenti, che pensiamo possano addirittura essere in crescita alla fine dell’anno e le iniziative a supporto dei territori serviti. I risultati ottenuti nel primo semestre dal gruppo, sono stati soddisfacenti: i rilevanti effetti generati dal Covid-19, legati in particolare ai prezzi delle commodities – ha spiegato ancora Mazzoncini commentando i conti — sono stati infatti quasi completamente compensati dalle azioni di mitigazione realizzate’”, ha concluso il quotidiano.