skip to Main Content

Acciaio, ecco perché produttori cinesi continueranno con M&A

Grafite

La quota di produzione di acciaio grezzo dei primi dieci produttori cinesi è aumentata a circa il 43% della produzione totale del paese

Procede senza soste il consolidamento del settore dell’acciaio in Cina, grazie ad un’accelerazione delle operazioni di fusioni e acquisizioni (M&A) tra i principali produttori di acciaio del paese.

ACCIAIO: PRIMI 10 PRODUTTORI PRODUCONO 43% DEL TOTALE

La quota di produzione di acciaio grezzo dei primi dieci produttori del Dragone è aumentata a circa il 43% della produzione totale del paese alla fine di settembre, con un aumento di 4 punti percentuali dall’inizio del 2021. A rivelarlo S&P Global Platts, prendendo a riferimento i dati relativi alle transazioni annunciate da gennaio a settembre, mentre alcune fonti indicano che il consolidamento del settore continuerà per almeno altri tre o quattro anni.

OBIETTIVO: ARRIVARE AL 60% ENTRO IL 2025

La Cina si sta piano piano avvicinando all’obiettivo di aumentare il rapporto tra la produzione di acciaio grezzo dei primi 10 produttori di acciaio e la produzione totale della Cina al 60% entro il 2025, mossa che darà al paese un maggiore potere negoziale per i prezzi delle materie prime.

Secondo alcuni esperti il consolidamento del settore dell’acciaio in Cina è necessario per beneficiare delle sinergie, considerando gli obiettivi ambiziosi di decarbonizzazione della Cina, con l’industria siderurgica cinese che rappresenta circa il 15%-20% delle emissioni annuali di carbonio del paese.

Back To Top