skip to Main Content

Acer: da integrazione mercati elettricità Ue benefici per 34 mld l’anno

Elettricità

L’analisi dell’ACER ha presentato una suite di 13 misure per i responsabili politici per rendere a prova di futuro il design del mercato

“Sebbene l’attuale struttura del mercato meriti di essere mantenuta, alcuni miglioramenti a lungo termine si riveleranno probabilmente fondamentali per far sì che il quadro di riferimento consenta di raggiungere la traiettoria di decarbonizzazione a costi inferiori, garantendo al tempo stesso la sicurezza dell’approvvigionamento”. È quanto ha concluso l’Agenzia dell’UE per la cooperazione tra i regolatori dell’energia (ACER) che ha pubblicato la sua valutazione finale del disegno del mercato all’ingrosso dell’energia elettrica europeo.

BENEFICI PER 34 MLD L’ANNO DA INTEGRAZIONE MERCATI UE

“Nell’ultimo decennio, il commercio transfrontaliero e i grandi sforzi intrapresi per integrare ulteriormente i mercati dell’elettricità in Europa hanno portato dei benefici significativi per i consumatori. Questi benefici sono stimati in circa 34 miliardi di euro all’anno. I benefici sono dovuti alla struttura del mercato dell’energia all’ingrosso che permette il commercio transfrontaliero tra gli Stati membri e il miglioramento della sicurezza dell’approvvigionamento in un’area geografica area geografica”, ha sottolineato Acer. “La struttura del mercato dell’elettricità facilita anche l’adozione significativa della generazione rinnovabile, la cui accelerazione si rivelerà probabilmente un prerequisito per raggiungere l’ambiziosa traiettoria di decarbonizzazione dell’UE al ritmo. Le iniziative in corso per implementare ulteriormente l’attuale struttura del mercato attraverso una serie di norme e regolamenti UE esistenti forniranno ulteriori benefici. Al contrario, misure di emergenza mal concepite o la distorsione dei segnali di prezzo interferendo nella formazione dei prezzi di mercato possono far regredire l’integrazione del mercato dell’UE e la concorrenza in generale, mettendo così a rischio i benefici raggiunti fino ad ora e possibilmente aumentando il livello complessivo del mercato”.

TRASFORMAZIONI NEL FUTURO PER GARANTIRE DECARBONIZZAZIONE UE

In futuro, “l’ambiziosa traiettoria di decarbonizzazione dell’UE richiederà una trasformazione rapida e massiccia in tutti i settori. Dato che una maggiore elettrificazione della domanda di energia è uno dei modi più efficienti in termini di costi per ridurre le emissioni dell’economia in generale, è probabile che questa traiettoria sia guidata in gran parte dalla decarbonizzazione del settore dell’elettricità. L’integrazione del mercato dell’elettricità negli Stati membri dell’UE sarà fondamentale per perseguire tale decarbonizzazione del settore energetico a costi inferiori, a sua volta garantire la sicurezza dell’approvvigionamento essendo in grado di attingere alle giurisdizioni vicine nei momenti di bisogno. Detto altrimenti, mentre una maggiore indipendenza energetica nei confronti di (particolari) paesi terzi è un obiettivo politico di crescente importanza, la sua realizzazione può dipendere da una maggiore interdipendenza energetica interdipendenza energetica tra gli Stati membri dell’UE”, ha aggiunto Acer.

QUALI SONO?

Ma quali dovranno essere tali trasformazioni? Secondo Acer occorre “far funzionare meglio i mercati dell’elettricità a breve termine ovunque”, “guidare la transizione energetica attraverso mercati efficienti a lungo termine”, “aumentare la flessibilità del sistema elettrico”, “proteggere i consumatori dall’eccessiva volatilità affrontando al contempo gli inevitabili compromessi”, “affrontare le barriere non di mercato e gli ostacoli politici”, “prepararsi per futuri alti prezzi dell’energia in ‘tempo di pace’” ed “essere molto prudenti nei confronti dell’intervento sul mercato all’ingrosso in ‘tempo di guerra’”.

OBIETTIVO MINIMO 70% DI CAPACITA’ INTERZONALE ENTRO IL 2025

Secondo Acer l’Ue deve raggiungere l’obiettivo minimo del 70% di capacità interzonale entro il 2025 (quindi migliorare il commercio di elettricità tra gli Stati membri); introdurre quanto prima l’accoppiamento del mercato basato sul flusso nelle regioni regioni centrali e nordiche il più presto possibile; integrare i mercati di bilanciamento nazionali; e rivedere le attuali zone di offerta dell’UE per migliorare i prezzi locali.

MIGLIORARE L’ACCESSO AL MERCATO AI PARTECIPANTI PIU’ PICCOLI

Inoltre ACER sottolinea che l’accesso dei piccoli partecipanti al mercato agli accordi di acquisto di energia (PPA) potrebbe essere migliorato (per esempio attraverso garanzie pubbliche); che la liquidità potrebbe essere ulteriormente stimolata attraverso i cosiddetti sforzi di “market-making” per aiutare le società indipendenti, commercianti ecc. a competere con le grandi imprese consolidate (per esempio tramite gare d’appalto, misure obbligatorie o incentivi finanziari); che i mercati nazionali a termine dovrebbero essere ulteriormente integrati; e che i requisiti di garanzia imposte ai partecipanti al mercato potrebbero beneficiare di una revisione.

AUMENTARE LA FLESSIBILITA’

Per aumentare la flessibilità del sistema elettrico Acer ritiene invece che “segnali di prezzo liberamente determinati e competitivi segnali di prezzo” siano “strumenti inestimabili per mostrare le reali esigenze di flessibilità del sistema” determinando in capo alle autorità nazionali e agli operatori l’obbligo di concentrarsi .”sulla rimozione delle barriere all’uso di tali risorse di flessibilità”.

PROTEGGERE I CONSUMATORI VULNERABILI

Vengono poi richieste misure mirate per proteggere in consumatori vulnerabili “limitando la capacità, ad esempio, delle comunità energetiche o degli aggregatori di fornire servizi energetici innovativi a beneficio del sistema e quindi anche dei consumatori”. E gli Stati membri dovrebbero considerare “un maggiore coordinamento degli approcci e dei piani per la generazione su larga scala e lo spiegamento dell’infrastruttura di rete, come un probabile prerequisito per l’efficiente sviluppo della rete”.

LE 13 MISURE SUGGERITE

L’analisi dell’ACER ha presentato una suite di 13 misure per i responsabili politici per rendere a prova di futuro il design del mercato, ad esempio per: proteggere quei consumatori che necessitano di maggiore protezione dalla volatilità dei prezzi; stimolare il “market making” per migliorare la liquidità nei mercati a lungo termine; accelerare l’integrazione del mercato elettrico, attuando quanto già concordato; integrare meglio i mercati a termine; considerare con prudenza la necessità di interventi di mercato in situazioni di estrema coercizione e, se perseguita, considerare di affrontare le ‘cause profonde’.

WEBINAR IL 5 MAGGIO

ACER ha pubblicato la sua valutazione preliminare nel novembre 2021. Questa valutazione finale adempie al mandato conferito dalla Commissione europea nell’ottobre 2021. L’ACER presenterà la sua valutazione finale in un webinar pubblico il 5 maggio .

QUI IL DOCUMENTO DI ACER

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore