Territori

Agsm-Aim-A2A, dai sindacati via libera all’operazione

agsm

Secondo le parti sociali il Protocollo d’intesa sull’operazione che riguarda la salvaguardia dell’occupazione, il legame da mantenere tra Agsm e territorio e il mantenimento in mano pubblica della futura società, è ok

Per i sindacati il Protocollo d’intesa sull’operazione Agsm-Aim-A2A sulla salvaguardia dell’occupazione è ok. Secondo quanto ricostruisce il Corriere di Verona, l’operazione multiutility prosegue e segna un altro tassello importante.

COSA DICONO I SINDACATI

“’Le aggregazioni sono necessarie e questo accordo è importante sul piano politico: adesso andrà seguito anche sul piano più strettamente sindacale’. I segretari provinciali di Cgil, Cisl e Uil commentano all’unisono il Protocollo d’intesa sull’operazione Agsm-Aim-A2A.Il Protocollo riguarda la salvaguardia dell’occupazione, il legame da mantenere tra l’Agsm ed il territorio ed il mantenimento in mano pubblica della futura società. ‘Abbiamo messo nero su bianco e sottoscritto assieme quanto ho sempre detto, fin dall’inizio di questa operazione’, ha detto Sboarina. Secondo Massimo Castellani (Cisl) ‘le aggregazioni sono necessarie e forse si sarebbe dovuto agire prima, con una maggiore possibilità di scegliere il partner, ma adesso occorre decidere’. Stefano Facci (Cgil) sottolinea che ‘le garanzie dei posti derivano dalla legge ma anche da questo Protocollo, che pone grandi responsabilità su chi amministra Verona, mentre starà anche ai sindacati assicurarne la migliore applicazione’. E Lucia Perina (Uil) sottolinea il rilievo dell’operazione ‘per il suo valore industriale, per lo sviluppo delle aziende ma anche sul versante di ottenere tariffe eque’”.

TOSI ALL’ATTACCO

“Poche ore prima della firma, Flavio Tosi era tornato all’attacco, diffondendo documenti su precedenti aggregazioni da parte di A2A. Secondo Tosi il rischio è che si preparino adesso circa 300 licenziamenti anche a Verona. Il sindaco ha definito la previsione come ‘squallido allarmismo a fini politici sulla pelle delle famiglie dei lavoratori’. E Castellani ha invitato ‘le persone di buon senso a non gettare benzina sul fuoco con proclami scandalistici’”.