Scenari

Clima, Mercalli contro Cingolani: assistiamo attoniti a transizione eco-illogica

Cingolani

“La cifra di Cingolani sembra essere l’addizione verde più che la sostenibilità ambientale”

“In febbraio avevo espresso preoccupazioni per l’impostazione del nuovo ministero della Transizione ecologica. Ora le preoccupazioni si sono rivelate fondate, in tanti tra coloro che si occupano di sostenibilità ambientale assistiamo attoniti alla transizione eco-illogica. La cifra di Cingolani sembra essere l’addizione verde più che la sostenibilità ambientale. Una visione fatta esclusivamente di crescita e aggiunta di infrastrutture, siano
pure grandi campi fotovoltaici ed eolici (…) Il problema è che manca del tutto una parte complementare e importantissima della transizione ecologica: fermare i processi che danneggiano irreversibilmente l’ambiente”. È quanto scrive Luca Mercalli climatologo, presidente della Società meteorologica italiana sul Fatto Quotidiano.

“Se si vuole ridurre in un colpo solo il rischio climatico e idrogeologico e la perdita di biodiversità ci sarebbe l’urgentissima necessità di una legge contro il consumo
di suolo. (…) Ma troppo spesso ho sentito il ministro Cingolani parlare di compromessi tra ambiente ed economia, dove però pare avere sempre la meglio quest’ultima. (…) Avendo noi superato la capacità di carico del pianeta, ecco che non basta aggiungere qualcosa di verde, ma bisogna pure avere il coraggio di limitare, ridurre, eliminare i processi perniciosi, mettersi contro interessi
predatori ed espansionistici”, ha proseguito Mercalli.

“Invece di puntare sui grandi impianti che spesso coprono grandi speculazioni, rilanciamo la capillare installazione sui milioni di tetti delle case, sui capannoni industriali, supermercati, parcheggi. Abbia-
mo in Italia 24.000 km2 di suolo costruito già compromesso, circa la metà sarebbe utilizzabile per il fotovoltaico con il vantaggio di permettere anche l’autoconsumo (…) Peccato che per fare la transizione ecologica non si interpellino gli ecologi. Fa di più papa Francesco”, ha concluso Mercalli.