skip to Main Content

CNOOC lancia il suo primo progetto offshore di stoccaggio di CO2

Cnooc

La cinese CNOOC lancia un progetto di cattura e stoccaggio di CO2 nel bacino del Pearl River Mouth nel Mar Cinese Meridionale

La CNOOC ha lanciato ufficialmente il suo primo progetto dimostrativo di cattura e stoccaggio (CCS) offshore di anidride carbonica.

Il progetto nel bacino del Pearl River Mouth nel Mar Cinese Meridionale dovrebbe reiniettare fino a 300.000 tonnellate di CO2 all’anno nel fondale marino per un totale di oltre 1,46 milioni di tonnellate di anidride carbonica.

“I gas serra associati allo sviluppo del giacimento petrolifero Enping 15-1 saranno sigillati in uno strato di acqua salata a una profondità di 80 metri”, ha dichiarato Zhang Wei, ingegnere capo dell’azienda CNOOC di Shenzhen.

CATTURA E STOCCAGGIO CO2 PER RAGGIUNGERE NEUTRALITA’ CARBONICA ENTRO 2060

La Cina è il più grande emettitore di CO2 al mondo ma ha promesso di raggiungere la neutralità carbonica attorno al 2060.

Secondo uno studio riportato da Reuters, per raggiungere questo obiettivo il paese deve tagliare fino a 1,82 miliardi di tonnellate di CO2 tramite CCUS ogni anno, proprio per questo molte altre importanti compagnie petrolifere cinesi stanno esplorando la cattura, l’utilizzo e lo stoccaggio del carbonio (CCUS) nei loro giacimenti petroliferi a terra. Tra queste Sinopec con un progetto nella Cina orientale che dovrebbe iniettare 10,68 milioni di tonnellate di CO2 in un giacimento petrolifero nei prossimi 15 anni.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore