Scenari

Confindustria, ecco chi fa parte della quadra di Bonomi

Confindustria

Carlo Bonomi presenterà oggi al Consiglio generale della Confindustria la squadra come ultimo atto prima della sua elezione formale il 20 maggio

“C’è anche Luigi Gubitosi, ad di Telecom, già direttore generale della Rai e commissario straordinario di Alitalia, nella squadra che il presidente designato Carlo Bonomi presenterà oggi al Consiglio generale della Confindustria. L’ultimo atto prima della sua elezione formale alla presidenza da parte dell’assemblea generale convocata per il 20 maggio”. È quanto riporta La Repubblica.

COSA FARA’ GUBITOSI

“Gubitosi avrà la delega su innovazione e digitale. Bonomi punta su una “panchina lunga”: dieci vicepresidenti, espressione, da una parte, dei territori che hanno sostenuto la sua candidatura nella corsa al vertice di Viale dell’Astronomia, e dall’altra dei settori manifatturieri su cui l’Italia dovrà fare leva nel processo di ricostruzione industriale nel dopo Covid 19”.

GLI ALTRI NOMI

“Accanto ai vicepresidenti, Bonomi (come il suo predecessore Vincenzo Boccia) darà vita nei prossimi mesi a diversi comitati tecnici. Uno dei questi sarà presieduto da Gianfelice Rocca, presidente della multinazionale dell’acciaio Techint e di Humanitas, tra i grandi elettori di Bonomi insieme a Marco Tronchetti Provera. Rocca guiderà il comitato su “Life science”, settore innovativo e in forte crescita nel quale convivono farmaceutica, salute, alimentazione”.

“Lombardi, dunque, sono Alberto Marenghi, presidente degli industriali di Mantova, dove è ancora rilevante il ruolo di Emma Marcegaglia, past president schierata con Bonomi; il varesino Giovanni Brugnoli che già faceva parte della squadra di Boccia; e Francesco De Santis, industriale della farmaceutica (Italfarmaco), uno dei vicepresidenti di Farmindustria. Due (le uniche donne) le rappresentanti del Veneto, sempre litigioso nella vicende confindustriali. Dovrebbero esserci sia Barbara Beltrame (il gruppo vicentino di famiglia opera nel settore dell’acciaio con oltre duemila dipendenti nel mondo), sia Maria Cristina Piovesana, presidente di Assindustria Venetocentro (gli industriali di Padova e Treviso). Due anche gli emiliani: Emanuele Orsini, attuale presidente di Federlegno, per un brevissimo tratto candidato anch’egli alla poltrona di presidente della Confindustria nazionale, e Maurizio Marchesini, che guida gli industriali dell’Emilia Romagna. Resta vicepresidente Maurizio Stirpe, presidente del Frosinone calcio ma soprattutto di un’azienda che opera nella componentistica di plastica per l’auto. A Stirpe dovrebbe essere confermata la delicata delega alle relazioni industriali”.

I RAPPRESENTANTI DEL SUD

“A rappresentare il Sud dovrebbe essere Natale Mazzuca, presidente della Confindustria calabra. Fanno parte di diritto della squadra Vito Grassi (Napoli), come rappresentante delle associazioni regionali, Alessio Rossi per i giovani, e Carlo Robiglio, per le piccole imprese”.