Advertisement vai al contenuto principale
Transizione

COP28: le 10 azioni per una transizione energetica rapida ed efficiente

Rystad Energy ha individuato delle opzioni di decarbonizzazione che possono accelerare la diffusione delle rinnovabili, migliorare l’efficienza energetica, affrontare i fallimenti del mercato e incentivare gli investimenti necessari per compiere la transizione
Il sistema energetico globale si trova ad un punto di svolta nel suo percorso verso un futuro a zero emissioni. Con l’inizio del vertice sul clima COP28, Rystad Energy ha delineato i 10 passaggi critici necessari per accelerare la transizione, limitare il riscaldamento globale e garantire un futuro energetico pulito e affidabile. La transizione dai combustibili fossili alle fonti di energia pulita sta guadagnando slancio, con notevoli progressi nell’adozione di tecnologie pulite in tutto il mondo. Nonostante i progressi, è necessaria un’espansione ancora più rapida, e i governi e i leader aziendali globali svolgeranno un ruolo fondamentale nel definirne il ritmo.

I FATTORI CHE RALLENTANO LA TRANSIZIONE ENERGETICA

Tuttavia, il lento sviluppo delle infrastrutture, gli investimenti insufficienti nelle nuove tecnologie e la scarsa ottimizzazione della rete limitano progressi significativi. Anche la collaborazione internazionale è vitale, ma le recenti tensioni e conflitti globali si sono rivelati una battuta d’arresto negli ultimi anni. Sebbene queste tensioni – come la disputa commerciale in corso tra Cina e Stati Uniti – abbiano accelerato il passaggio alle energie rinnovabili, hanno anche frammentato le catene di approvvigionamento globali, e ciò potrebbe essere dannoso per gli sviluppi delle tecnologie pulite.

“Le recenti tendenze della politica energetica e climatica – ha spiegato Lars Nitter Havro, analista senior clean tech di Rystad Energy – riflettono uno spostamento verso il protezionismo, con un’enfasi crescente sull’energia sovrana. Questo spostamento si concentra sulla promozione dell’industria nazionale, sulla riduzione della dipendenza dal commercio internazionale, sull’attrazione di investimenti e la creazione di posti di lavoro locali, oltre che sul controllo della catena di fornitura. Per affrontare questa transizione in modo efficace, è essenziale che la comunità globale eviti di scendere ulteriormente nella piramide energetica a causa di conflitti che possono sorgere da preoccupazioni di sicurezza energetica”.

“Abbiamo identificato 10 passaggi che possono accelerare in modo significativo la transizione energetica mondiale, mantenendo a portata di mano gli obiettivi più ambiziosi dell’Accordo di Parigi. Questi passaggi mirano ad individuare delle opzioni di decarbonizzazione a basso impatto e di grande impatto, che possono accelerare la diffusione delle energie rinnovabili, migliorare l’efficienza energetica, affrontare i fallimenti del mercato e incentivare gli investimenti necessari per raggiungere l’obiettivo delle zero emissioni nette”, ha affermato Jon Hansen, vicepresidente senior dei sistemi energetici globali di Rystad Energy.

LE 10 AZIONI DA COMPIERE

1 – Accelerare lo sviluppo delle rinnovabili

La catena di fornitura è pronta per espandere rapidamente gli sviluppi, ma l’implementazione deve accelerare. Se si vuole che la nuova capacità raggiunga l’obiettivo richiesto entro il 2030, bisogna ridurre i tempi delle autorizzazioni e mitigare le barriere finanziarie a breve termine, come gli alti tassi di interesse.

Secondo l’ultimo modello di Rystad, la capacità rinnovabile globale deve aumentare dai circa 3,6 TW del 2022 a quasi 11,2 TW entro il 2030, per soddisfare uno scenario di riscaldamento globale di 1,6 gradi. Il fotovoltaico rappresenterà circa il 65% di questa espansione richiesta, ma è necessario ulteriore lavoro prima che il mondo imbocchi questa strada. Sulla base dei progetti esistenti, delle politiche e delle tendenze del settore, la capacità globale di generazione rinnovabile entro il 2030 raggiungerà solo 8 TW e non raggiungerà gli 11,2 TW prima del 2034.

Per accelerare lo sviluppo delle energie rinnovabili, consentendo le riforme in Occidente, sono necessari il sostegno politico in Asia e l’ottimizzazione della catena di approvvigionamento solare globale. Inoltre, i Contratti per Differenza (CfD) nei mercati ad alta penetrazione delle energie rinnovabili possono mitigare i rischi finanziari della cannibalizzazione dei prezzi, favorendo così investimenti stabili in progetti di energia rinnovabile.

2 – Raddoppiare l’efficienza energetica

Dei 500 exajoule (EJ) di energia primaria proveniente da combustibili fossili, alla fine vengono utilizzati solo 250 EJ. Se il solare, l’eolico o l’idroelettrico fossero la fonte di energia primaria, per l’utente finale sarebbero disponibili circa 440 EJ. Quando le molecole vengono bruciate per produrre elettricità o movimento, solo il 30-50% dell’energia chimica viene convertita in energia utile. L’energia rimanente viene persa sotto forma di calore nell’ambiente.

Al contrario, con le fonti di energia rinnovabile come il solare o l’eolico, il 70-90% dell’energia primaria è disponibile per l’utente finale, anche dopo aver contabilizzato lo stoccaggio e la distribuzione. Le pompe di calore nell’industria e negli edifici consentono una generazione di calore molto più efficiente rispetto ai tradizionali radiatori elettrici. La transizione dai combustibili fossili alle energie rinnovabili porterebbe quindi ad una rivoluzione nell’efficienza energetica.

Inoltre, negli ultimi decenni, i miglioramenti dell’efficienza energetica negli edifici, negli elettrodomestici e nelle macchine sono aumentati dell’1% all’anno grazie a materiali e design migliori. Tuttavia, questa tendenza necessita di normative e incentivi politici più forti per accelerare fino ai livelli necessari ad allinearsi agli scenari climatici più ambiziosi.

3 – Un’azione significativa sul metano

Il metano è responsabile del 15-20% delle emissioni globali di gas serra, ma nelle strategie net-zero la riduzione delle sue emissioni spesso viene trascurata. Il metano è almeno 25 volte più potente della CO2 come gas serra, quindi degli obiettivi chiari, il monitoraggio, le sanzioni per la non conformità e gli incentivi per la cattura del metano sono fondamentali.

L’agricoltura – in particolare l’allevamento – e le discariche sono fonti significative di emissioni di metano. Sostenere gli investimenti nelle tecnologie agricole emergenti – come l’agricoltura cellulare e la fermentazione di precisione – può ridurre significativamente le emissioni del bestiame. Inoltre, la promozione della cattura dei gas di discarica e della digestione anaerobica può trasformare queste emissioni in energia o idrogeno, riducendo il rilascio di metano nell’atmosfera.

Anche il settore del petrolio e del gas contribuisce in modo significativo alle emissioni di metano, principalmente a causa di perdite nelle infrastrutture di produzione e di trasporto. L’implementazione delle migliori pratiche per il rilevamento regolare e avanzato delle perdite, seguito da riparazioni tempestive, la riduzione al minimo del flaring e l’accelerazione dell’implementazione dei moderni sistemi pneumatici possono ridurre significativamente le emissioni.

4 – Dare un prezzo al carbonio

Una graduale maturazione del valore del carbonio invierà un potente segnale finanziario agli inquinatori affinché riducano le emissioni. Ciò è particolarmente importante nei settori difficili da abbattere (hard to abate), dove il prezzo del carbonio influenza direttamente il tasso di adozione delle tecnologie pulite. Ad esempio, nel settore del cemento, il business case per l’utilizzo della cattura, utilizzo e stoccaggio del carbonio (CCUS) è rafforzato dal valore del carbonio.

Attualmente la CCUS è costosa, ma si prevede che nei prossimi anni i progressi del processo di assorbimento chimico ridurranno significativamente i costi. L’assorbimento chimico sta aprendo la strada all’adozione della tecnologia CCUS nel settore del cemento, rappresentando il 32% della tecnologia annunciata nei prossimi progetti, incluso un progetto guidato da Heidelberg Cement, che mira a catturare 400.000 tonnellate all’anno.

5 – Aumentare gli investimenti sulle tecnologie pulite

Entro il 2025 gli investimenti nelle tecnologie pulite – inclusi il solare e l’eolico – supereranno gli investimenti nel petrolio e nel gas. Tuttavia, è fondamentale accelerare il processo, in particolare nei Paesi e nelle tecnologie emergenti, come l’idrogeno verde.

Nel 2023, il 70% degli investimenti a basse emissioni di carbonio sono stati effettuati in 8 Paesi, di cui il 50% in Cina e il 20% distribuito tra i Paesi del G7. Il restante 30% è stato realizzato principalmente nelle economie sviluppate, ad eccezione dell’India, che rappresentava il 2,5% degli investimenti globali a basse emissioni di carbonio. Bisogna quindi stimolare la domanda iniziale del mercato per prodotti a basse emissioni di carbonio nelle economie emergenti, investendo in tecnologie mature per gli utenti finali che possano aumentare la domanda di elettrificazione e tecnologie pulite.

6 – Ottimizzare l’utilizzo delle reti

I limiti delle reti elettriche spesso frenano le fonti di energia rinnovabile. Si ritiene che l’integrazione di nuove energie rinnovabili variabili richieda massicci investimenti nelle infrastrutture di rete, ma questo non è corretto. Solo il 40-50% delle reti viene attivamente utilizzato, quindi l’aumento della loro efficienza potrebbe ridurre significativamente la nuova capacità richiesta.

Implementando le tecnologie esistenti e convenienti – come l’ottimizzazione della topologia e la classificazione dinamica delle linee – la capacità di trasmissione può essere aumentata rispettivamente del 30-40% e del 20%. Ciò migliorerebbe significativamente la resilienza, la flessibilità e l’efficienza della rete. Inoltre, delle solide soluzioni di stoccaggio dell’energia potrebbero gestire i picchi di domanda durante le ondate di caldo e le ondate di freddo.

7 – Elettrificare il trasporto stradale

Il passaggio ai veicoli elettrici è fondamentale per ridurre la nostra dipendenza dai combustibili fossili. Il solo trasporto stradale rappresenta il 19% della domanda globale di energia finale e il 15% delle emissioni globali di CO2. Per essere sulla buona strada per uno scenario di riscaldamento di 1,6 gradi, dovrebbe essere fissato un obiettivo ambizioso ma raggiungibile del 70% di penetrazione delle auto elettriche.

Per facilitare una transizione accelerata nel settore, sono cruciali gli incentivi finanziari, come il sussidio di 7.500 dollari per auto previsto dall’Inflation Reduction Act degli Stati Uniti, oltre all’espansione delle infrastrutture di ricarica.

8 – Ridurre, riutilizzare, riciclare

L’economia circolare è fondamentale per un’efficace strategia di decarbonizzazione. Il riutilizzo dei materiali – come il riutilizzo delle batterie delle auto elettriche per lo stoccaggio stazionario dell’energia, e l’aumento significativo dei tassi di riciclaggio sono essenziali. Senza azioni specifiche e politiche di sostegno, le opportunità per pratiche industriali sostenibili potrebbero andare perse.

Il riciclaggio è cruciale soprattutto per settori hard to abate, come la produzione di acciaio. La produzione primaria di acciaio emette 2,3 tonnellate di CO2 per tonnellata, mentre l’acciaio riciclato produce solo 680 kg di CO2/tonnellata, con una conseguente riduzione delle emissioni del 70%. Ciò evidenzia il ruolo fondamentale dell’acciaio riciclato nella sostenibilità ambientale, e i politici dovrebbero prenderne atto.

9 – Tagliare gli inefficienti sussidi ai combustibili fossili

I sussidi inefficienti per il consumo di combustibili fossili creano una significativa distorsione nei mercati energetici globali. Questi sussidi incoraggiano l’uso inefficiente e crescente dei combustibili fossili, creano dei segnali di prezzo imprecisi per l’efficienza dei combustibili e forniscono un vantaggio ingiusto per la transizione verso tecnologie energetiche pulite.

Sebbene considerevole, l’impatto finanziario diretto di questi sussidi è ulteriormente aggravato dagli impatti sull’ambiente e sulla salute. Dovrebbe essere attuata un’eliminazione graduale e strutturata per garantire condizioni di parità, riallineare le dinamiche del mercato verso un uso sostenibile dell’energia e facilitare una transizione più agevole per le economie e i consumatori abituati a prezzi energetici sovvenzionati.

10 – Evitare che le tensioni commerciali ostacolino il progresso

Per affrontare efficacemente il cambiamento climatico, i leader globali devono affrontare i rischi delle tensioni commerciali e della tendenza delle catene di approvvigionamento all’homeshoring. Se da un lato la localizzazione della produzione stimola le industrie nazionali, dall’altro può rallentare significativamente la transizione energetica, incoraggiando la corsa ai sussidi in settori chiave delle tecnologie pulite come le batterie, l’idrogeno e il solare fotovoltaico. Inoltre, l’iniezione di fondi in questi settori non è la soluzione, soprattutto in considerazione della conseguente carenza di competenze.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su