Advertisement vai al contenuto principale
GNL

Cosa può comportare lo stop alle nuove esportazioni di GNL deciso da Biden

La decisione di Biden riguarda solo i progetti che verranno realizzati in futuro, ma gli importatori di energia hanno orizzonti di pianificazione lunghi, e gli acquirenti di GNL in Europa e Asia stanno valutando attentamente

Due settimane fa, il presidente degli Stati uniti, Joe Biden, ha sospeso le nuove approvazioni per l’esportazione di GNL. Sostenitori e critici stanno combattendo una battaglia per influenzare l’eventuale risultato politico delle elezioni 2024. I Repubblicani e il presidente dell’Energia al Senato, Joe Manchin (democratico) attaccano con forza lo stop, mentre i Repubblicani alla Camera promuovono una legge che richieda approvazioni.

LE REAZIONI POLITICHE ALLA DECISIONE DI BIDEN

La League of Conservation Voters ha annunciato uno sforzo da 2 milioni di dollari in TV, digitale e sul campo per raccogliere sostegno per l’azione della Casa Bianca. È un assaggio dei messaggi elettorali lanciati da gruppi climatici e industriali. Come molte lotte energetiche, questa è fortemente partigiana, ma in parte anche regionale. Il Washington Examiner ha riferito che i senatori democratici della Pennsylvania – il cui Stato è il principale produttore di gas – si oppongono alla mossa di Biden. La scorsa settimana i funzionari governativi hanno sospeso le approvazioni, mentre esaminavano le basi climatiche, di mercato e di sicurezza per i permessi.

Di sicuro, c’è molta organizzazione in gioco, e molto denaro, che contribuiscono a rendere questa mossa sul GNL una delle battaglie di politica energetica più intense e coordinate di questo secolo. Ogni giorno arrivano analisi contrastanti, lettere aperte e altro che cercano di influenzare il futuro delle esportazioni. Potenti gruppi imprenditoriali e industriali stanno dando priorità all’inversione di rotta. I Repubblicani di Capitol Hill, anche se attualmente non hanno voti per ribaltare la decisione, stanno utilizzando udienze ed altri strumenti politici per rendere la situazione politicamente dura.

IL MONDO OSSERVA GLI SVILUPPI DEL GNL AMERICANO

Il mondo intero sta osservando la situazione. La mossa di Biden riguarda solo i progetti che verranno realizzati in futuro, e le esportazioni statunitensi continueranno a crescere in questo decennio a prescindere, ma gli importatori di energia hanno orizzonti di pianificazione lunghi, e gli acquirenti di gas in Europa e Asia stanno valutando attentamente.

È un atto di fiducia nella lotta al cambiamento climatico. Molte ricerche dimostrano che mantenere vivi gli obiettivi dell’Accordo di Parigi significa abbandonare rapidamente i combustibili fossili, in particolare i nuovi progetti che dureranno per decenni. Eppure, in alcuni luoghi il gas sostituisce il carbone.

IL RUOLO DEL GNL NELLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI

Secondo il ricercatore Arvind P. Ravikumar, dell’Università del Texas, negli scenari in linea con l’obiettivo di 1,5°C di Parigi, il GNL può solo aiutare a ridurre le emissioni per un altro decennio. Il mondo, però, non è sulla strada di Parigi, quindi il GNL è una barriera. “Se il mondo non raggiungerà l’obiettivo di temperatura, e la maggior parte dei segnali indica che sarà così, il gas naturale potrebbe continuare a contribuire a ridurre le emissioni del settore energetico per un periodo di tempo più lungo”, ha scritto Ravikumar sul MIT Technology Review. E ci sono molte più variabili da considerare quando si valuta se il gas naturale sia amico o nemico del clima.

Le tempistiche restano vaghe. Come ha riportato Nick Sobczyk di Axios, durante l’audizione al Senato di giovedì scorso il vicesegretario all’Energia, David Turk, non ha voluto fornire dettagli, ma ha detto che il Dipartimento dell’Energia completerà la sua revisione “in mesi, non in anni”. Secondo la senatrice del GOP Lisa Murkowski la revisione “non verrà conclusa prima delle elezioni”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su