Scenari

Dl imprese: interventi su ecobonus, auto e oneri sistema

imprese

Sono alcuni degli interventi che dovrebbero vedere la luce all’interno del decreto imprese che dovrebbe vedere la luce nei prossimi giorni secondo i ministri dell’Economia Gualtieri e dello Sviluppo economico Patuanelli

Cominciano a delinearsi gli interventi del Dl imprese che dovrebbe vedere la luce questa settimana e di cui già sono uscite alcune indiscrezioni nei giorni scorsi. Nel provvedimento, che era atteso per aprile, dovrebbero trovare spazio anche Ecobonus e sisma-bonus sopra al 100%, interventi nel settore automotive e l’eliminazione degli oneri di sistema nelle bollette per le imprese. A confermarlo sono stati i ministri dell’Economia Roberto Gualtieri e dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli in audizione sul decreto imprese nelle commissioni Finanze e Attività produttive alla Camera.

DETRAZIONE ECO E SISMA BONUS SOPRA AL 100%, AUTOMOTIVE E ONERI DI SISTEMA

“Ecobonus e sisma-bonus possono essere un volano per la nostra economia dei prossimi anni. Per questo portare la detrazione fiscale a un valore superiore al 100% è di grandissima importanza e prospettiva per il rilancio economico. In questo modo teniamo dentro le Pmi per scaricare in fattura lo sconto totale. La cessione del credito, anche con le banche, garantisce, con uno sconto dell’importo, di poter incassare immediatamente il credito maturato dopo un intervento”, ha detto Patuanelli aggiungendo che “servono interventi forti sugli asset strategici: penso all’automotive che ritengo imprescindibile, alla siderurgia che va protetta e all’energia”.

Gualtieri ha invece accennato alla “eliminazione degli oneri di sistema per le bollette”, a favore delle imprese. “Intendiamo fare un’operazione sugli oneri di sistema per un valore di circa 600 milioni di euro che per tre mesi porta virtualmente tutte le utenze superiori ai 3kW al costo di sistema di 3kW. Stiamo parlando di cifre imprtanti. Portare tutte le utenze significa abbattere del 75% quegli oneri. L’onere complessivo di oneri domestici e non domestiche è di circa 1,2 miliardi di euro. Avendo consumo zero e tre quarti di oneri, la bolletta sarà quasi zero”, ha aggiunto Patuanelli.