Scenari

Dopo Bp anche Total vede vicino il picco del petrolio

petrolio

Quella di Total è un’analisi più moderata rispetto alla peer review di BP, che ritiene che la crescita della domanda di petrolio abbia già raggiunto il picco

Anche il colosso energetico francese Total è convinto che il picco della domanda di petrolio sia vicino e più precisamente intorno al 2030. Nel suo Energy Outlook, secondo Bloomberg, Total vede aumentare la domanda globale di energia totale in ogni scenario in cui si svolge, anche se malgrado ciò, assicura che non ne beneficerà l’industria petrolifera.

COSA DICE L’ANALISI DI TOTAL

Secondo i francesi, infatti, la maggior parte di questo aumento della domanda di energia dovrebbe riguardare l’energia a basse emissioni di carbonio. L’elettricità rappresenterà dal 30% al 40% della domanda finale di energia nel 2050, rispetto al 20% di oggi. Proprio per questo motivo la crescita della domanda di petrolio, secondo Total dovrebbe terminare entro il decennio, nel 2030. Le prospettive di Total per il gas naturale non sono invece così cupe, con il combustibile che grazie alla bassa intensità di carbonio sarà in grado di rispondere, secondo i francesi, alle richieste di un futuro più verde.

ANALISI TOTAL PIU’ MODERATA RISPETTO A BP

Quella di Total è un’analisi più moderata rispetto alla peer review di BP, che ritiene che la crescita della domanda di petrolio abbia già raggiunto il picco. Tuttavia, la previsione è preoccupante per l’industria petrolifera e si porta dietro anche altre fosche previsioni, comprese quelle dell’Aie e dell’Opec.

CON GOVERNI AGGRESSIVI SUL TAGLIO DELLE EMISSIONI DOMANDA DI PETROLIO A RISCHIO

Il rapporto Bp indica a chiare lettere che se i governi diventeranno più aggressivi nei loro tentativi di ridurre le emissioni di Co2, la domanda potrebbe non riprendersi mai più dal suo attuale crollo. Non solo. Nel report, Bp ha anche affermato che la domanda di petrolio probabilmente diminuirà drasticamente nei prossimi 30 anni, soprattutto a causa della crescita delle energie rinnovabili.

L’ANALISI DI OPEC E AIE

L’Opec ha pubblicato qualche giorno fa il suo consueto report mensile che ha sì ridotto le previsioni sulla domanda globale di petrolio di 400.000 b/g per il 2020 (prevedendo un calo medio della domanda di 9,5 milioni di b/g rispetto alla precedente stima di 9,1 milioni di b/g) ma anche registrato la previsione di una crescita della domanda di 6,6 milioni di b/g nel 2021, anche se di 400.000 b/g inferiore alla sua precedente stima.

L’Aie ha rivisto al ribasso le prospettive della domanda di petrolio di 300.000 b/g per il 2020 e ora prevede una contrazione di 8,4 milioni di b/g, citando nuove preoccupazioni sul Covid-19. Ha indicato l’inverno nell’emisfero nord come “territorio inesplorato” per il virus, insieme alle enormi sfide nei principali centri di domanda.L’agenzia con sede a Parigi ha dichiarato che, con 91,7 milioni di b/g, la domanda è tornata al suo livello nel 2013. A guidare le pessime previsioni la rinnovata debolezza della domanda di petrolio guidata da Cina e India, insieme alle preoccupazioni per le persistenti sfide della pandemia di coronavirus, ha sollevato ulteriori questioni sul “fragile riequilibrio del mercato petrolifero”, ha detto l’Agenzia Internazionale per l’Energia nel suo rapporto mensile.

PREZZI PETROLIO IN SALITA PER ORA

Al momento i prezzi del petrolio sono in aumento in parte a causa dell’aumento del numero di nuovi casi di coronavirus segnalati in tutto il mondo e in parte a causa dei crescenti timori che la crescita della domanda di petrolio non si riprenderà mai nemmeno dopo il Covid 19. La pressione finale sui prezzi arriva dalla Libia, che sta aumentando la produzione dopo i lunghi blocchi dei porti.

LE RAGIONI DELLO SCETTICISMO SULLE CONCLUSIONI DI BP

“Malgrado il quadro che il rapporto dipinge di un’industria petrolifera in declino ci sono diverse ragioni per cui le sue proiezioni dovrebbero essere viste con scetticismo – sottolinea Oilprice in un articolo -. La prima ragione è che, al momento, la distruzione della domanda a cui stiamo assistendo è stata guidata da Covid-19, un evento ‘Cigno Nero’ che – a un certo punto – si ridurrà. Nel frattempo, molti sembrano dimenticare che il quadro della domanda era cupo anche prima dell’arrivo di Covid, con troppo petrolio sui mercati e nei depositi. Alla fine, le compagnie petrolifere e l’Opec dovranno agire per contrastare questo eccesso di offerta, e quando lo faranno, la domanda reagirà positivamente”.

La seconda ragione per essere scettici nei confronti del rapporto Bp è di natura economica. “La domanda di energia e di elettricità è in crescita, non nei paesi Ocse ma al di fuori, soprattutto in India, Cina, Area Mena e Africa. Questi fondamentali sono inevitabili. Le perturbazioni economiche e commerciali causate da Covid potrebbero addirittura aumentare la domanda di petrolio e gas, poiché una possibile ridistribuzione dei centri di produzione regionali dall’attuale focolaio cinese potrebbe aumentare la domanda di energia per i trasporti”.

IL RISCHIO MAGGIORE PER LE COMPAGNIE COME SHELL, CHEVRON, BP, EXXON, ENI E TOTAL

Non tutti sono totalmente d’accordo sul possibile finale del petrolio. Secondo l’analisi di Oilprice, infatti, “i media e gli analisti devono iniziare a dividere le loro valutazioni su petrolio e gas tra i due blocchi principali, le compagnie tradizionali ormai privatizzate (Shell, Chevron, BP, Exxon, ENI e Total) e quelle ancora con una forte impronta statale (Aramco, ADNOC, Gazprom, ecc.). Il futuro delle prime – definite Cio – potrebbe essere come lo dipinge BP, perché i mercati finanziari e gli investitori stanno diventando sempre più consapevoli dell’ambiente. C’è la possibilità che queste compagnie affrontino il picco della produzione di petrolio (e gas) se gli azionisti attivisti e le pressioni dei media/governi li costringeranno a diventare verdi. La minaccia principale sarà rappresentata dalla diminuzione degli investimenti, combinata con la diminuzione dei ricavi, dei margini e dei dividendi”. Al contrario le Noc, le National Oil Company “ed eventualmente gli indipendenti come Petrofac, potrebbero trovarsi di fronte ad un futuro brillante e prospero. Anche se un giorno la domanda di petrolio e gas raggiungerà il picco, la richiesta di petrolio Noc aumenterà. La minore produzione delle compagnie tradizionali sposterà la domanda verso i Noc e i nuovi operatori storici”.
Insomma, “se ci sarà, come indicato da BP e dagli analisti, la minaccia di uno scenario di picco della domanda di petrolio nei prossimi anni, saranno le Cio a sanguinare. La mancanza di strategie proattive e la sopravvalutazione del loro potere è diventata chiara, anche se non è ancora stata riconosciuta da Londra, dall’Aia e da altre capitale economiche. Le compagnie petrolifere integrate del passato saranno rimosse o sostituite dai Nuovi Sette Fratelli del Futuro (vale a dire Aramco, ADNOC, KOC, NNPC, Sonatrach, Gazprom e INOC). I loro margini e i loro poteri finanziari sono diversi, rendendo improbabili scenari di Peak Oil nei prossimi 10-15 anni”, ha concluso Oilprice.