Scenari

Petrolio, peggiorano le prospettive: Opec senza opzioni

petrolio

Entro la fine del mese, la National Oil Corporation (Noc) libica prevede di aumentare la produzione giornaliera media del paese da meno di 100.000 b/g a 260.000 b/g di petrolio, provocando un problema al mercato

Proprio quando si pensava di aver raggiunto un punto di equilibrio per il mercato petrolifero, i membri dell’Opec si stanno trovando di fronte a una brutta sorpresa: la Libia, esentata dai tagli di Opec + per quanto sta accadendo nel paese, tornerà a produrre grazie al cessate il fuoco raggiunto dalle fazioni in lotta.

E così, entro la fine del mese, la National Oil Corporation (Noc) prevede di aumentare la produzione giornaliera media del paese da meno di 100.000 b/g a 260.000 b/g. Nel frattempo, Opec+ ha attenuato i tagli alla produzione di 2 milioni di barili al giorno. Si tratta di una quantità che il mercato non può gestire, secondo l’amministratore delegato di Mercuria Marco Dunand.

DOMANDA DEBOLE

In un’intervista per Bloomberg, Dunand ha affermato che la domanda è ancora più debole di quanto previsto in precedenza e che qualsiasi ulteriore flusso di greggio in entrata nei mercati non verrebbe stato assorbito. Ciò significa una nuova corsa allo stoccaggio ‘marittimo’ visto che questo mese, le scorte globali sono aumentate tra 500.000 e 1 milione di b/g – senza il riavvio libico – mentre i prelievi nell’ultimo trimestre sono stati pari a 1 milione di b/g.

MERCURIA E TRAFIGURANO VEDONO PROSPETTIVE NEGATIVE. VITOL IN DISACCORDO

La prospettiva ribassista del numero uno di Mercuria è condivisa anche da Trafigura, altro grande trader petrolifero mondiale ma non da Vitol. Sempre in un’intervista a Bloomberg, l’amministratore delegato di Vitol ha detto all’inizio di questo mese di aspettarsi che le scorte globali di petrolio si ridurranno considerevolmente entro la fine dell’anno, quindi in netto contrasto con le posizioni di Trafigura e Mercuria.

LENTA RIPRESA ECONOMICA

Una tendenza particolarmente preoccupante è il lento tasso di ripresa economica tra i paesi emergenti, principali motori della crescita della domanda di petrolio. Ad eccezione della Cina, la maggior parte di loro sta ancora combattendo il coronavirus e i suoi effetti sulle loro economie. L’India è un esempio calzante: la sua domanda di petrolio è considerata la più colpita dal coronavirus poiché il paese stesso soffre del secondo numero totale di casi più alto al mondo.

PER OIES LA DOMANDA CINESE RALLENTA

Alcuni analisti ritengono, tuttavia, che la domanda in Cina stia per iniziare a rallentare. Sarà una tendenza a lungo termine, secondo l’Oxford Institute for Energy Studies, e un risultato non solo del Covid-19 ma anche degli obiettivi di riduzione delle emissioni di Pechino. Nei prossimi 20 anni, ha affermato l’organizzazione di ricerca energetica, è probabile che la domanda di petrolio cinese cresca a un ritmo annuo compreso tra 3 e 4 milioni di barili al giorno, dopo essere cresciuta a tassi a due cifre negli ultimi anni.

Secondo Dunand di Mercuria, la domanda di petrolio nel quarto trimestre sarà in media di 95 milioni di barili al giorno rispetto ai 97 -98 milioni di barili al giorno di primavera. E la velocità con cui verranno prelevate scorte è vista più debole di quanto previsto in precedenza.

L’ECCESSO DI GASOLIO

Sempre secondo il numero uno di Mercuria, il problema maggiore del mercato petrolifero è l’eccesso di offerta di scorte di gasolio. Con molti paesi in Europa che limitano di nuovo i movimenti, qualunque miglioramento ci sia stato nella domanda di carburante, in particolare il carburante per aerei, probabilmente rallenterà ulteriormente, acuendo i problemi per il mercato.

OPEC SENZA OPZIONI

Dal canto suo l’Opec è senza opzioni. Il cartello e i suoi partner in Opec + discuteranno i prossimi passi entro la fine dell’anno, con il piano originale che prevedeva un ulteriore allentamento dei tagli, di 2 milioni di barili al giorno, da gennaio 2021. Il modo in cui i prezzi si stanno muovendo ora e probabilmente si muoveranno durante la finale trimestre, potrebbe diventare un argomento di discussione all’interno del gruppo, visto che alcuni membri hanno bisogno dei proventi del petrolio più urgentemente di altri.