skip to Main Content

Ecco come Saudi Aramco e l’Arabia Saudita stanno rafforzando ulteriormente i loro legami con la Cina

Arabia Saudita

L’ad Nasser: “Stiamo lavorando ad una serie di opportunità con Sinopec e stiamo valutando un buon numero di opportunità con altri attori in Asia

 Il gigante petrolifero saudita Saudi Aramco sta valutando delle ulteriori opportunità per espandere i suoi rapporti con la Cina. È quanto emerge dai recenti commenti dell’amministratore delegato della società, Amin Nasser. Durante la teleconferenza per riferire gli ultimi risultati della compagnia, Nasser ha dichiarato: “Attualmente stiamo lavorando ad una serie di opportunità con Sinopec e stiamo valutando un buon numero di opportunità con altri attori in Asia per complessi altamente integrati con più del 50% da liquido a chimico, il che rappresenterebbe un’enorme opportunità di crescita”.

Qualsiasi accordo con Sinopec aumenterebbe l’esistente complesso di raffinazione e petrolchimico congiunto Arabia Saudita-Cina, da costruire nel nord-est della Cina. L’accordo originale per Saudi Aramco, China’s North Industries Group (Norinco) e Panjin Sincen Group per la costruzione dell’impianto di raffinazione e petrolchimico integrato da 10 miliardi di dollari e 300.000 barili al giorno nella città di Panjin è stato firmato nel febbraio 2019. A causa dei persistenti effetti finanziari negativi sull’Arabia Saudita della prima disastrosa guerra del prezzo del petrolio, dal 2014 al 2016, i piani furono accantonati nello stesso anno.

LA SECONDA GUERRA DEL PETROLIO DELL’ARABIA SAUDITA

I colloqui per riprendere l’idea sono ricominciati ad inizio 2020, finché l’Arabia Saudita lanciò un’altra disastrosa guerra dei prezzi del petrolio, nell’aprile dello stesso anno, che ha causato nuovi ingenti danni economici allo stesso Paese e che ha aumentato le difficoltà per Saudi Aramco, già gravata dal peso di un enorme onere del debito da dividendi.

Con l’inversione di tendenza nei prezzi del petrolio, dall’inizio del terzo trimestre dello scorso anno sono ripresi i colloqui per andare avanti con la raffineria (insieme al piano per Saudi Aramco di fornirle fino a 210.000 barili/giorno di materie prime di greggio), che dovrebbe essere operativa nel 2024.

Questi nuovi progetti con Sinopec seguono la precedente serie di incontri di quest’anno a Pechino tra degli alti funzionari del governo cinese e i ministri degli esteri di Arabia Saudita, Kuwait, Oman, Bahrain e il segretario generale del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC). In questi incontri i principali argomenti di conversazione sono stati la sigla di un accordo di libero scambio Cina-GCC e “una più profonda cooperazione strategica in una regione in cui il dominio degli Stati Uniti sta mostrando segni di ritirata”, come riportano i notiziari locali.

Tuttavia, sebbene gli incontri specifici tra funzionari sauditi e cinesi a questo evento possano essere serviti ad accelerare alcuni progetti specifici – come quelli attualmente in discussione con Sinopec – i semi di un’ampia e profonda cooperazione tra i due Paesi sono stati davvero gettati quando Il principe ereditario dell’Arabia Saudita, Mohammed Bin Salman (MbS), sta cercando disperatamente un modo per salvare la faccia completando la tanto decantata offerta pubblica iniziale di Saudi Aramco, in mezzo al diffuso rifiuto dell’offerta da parte dell’Occidente.

La Cina ha offerto a Bin Salman una via d’uscita semplicemente acquistando l’intera quota – a quel tempo il 5% era l’importo dichiarato da offrire – in uno “straight private placement”.

Ciò avrebbe due enormi vantaggi per il principe saudita: in primo luogo raccogliere i soldi di cui l’Arabia Saudita ha bisogno immediatamente e, in secondo luogo, non richiedere alcuna divulgazione pubblica del prezzo di offerta per azione. Quest’ultimo fattore consentirebbe a Bin Salman di assicurare ai sauditi senior – che inizialmente erano scettici sulle sue capacità di guidare il Paese quando sarebbe arrivato il momento – che è riuscito a raggiungere la valutazione di 2 trilioni di dollari per l’intera Aramco, che aveva pubblicamente fissato come punto di riferimento per il successo dell’OPI.

Sebbene l’offerta alla fine sia stata rifiutata, il fatto che la Cina si fosse offerta per un’offerta di sostegno per il progetto pubblico più importante di Bin Salman fino a quel momento non è stato dimenticato, né i desideri della Cina di stringere legami più stretti con l’Arabia Saudita in futuro.

LA QUESTIONE DELLO YUAN COME MONETA PER L’ACQUISTO DEL PETROLIO SAUDITA

Sebbene ci siano state segnalazioni recenti che l’Arabia Saudita stia pensando di accettare yuan cinesi al posto dei dollari statunitensi per i cinesi, questa in realtà non è una novità. La Cina ha cercato di legare la sua assistenza per alleviare la pressione su MbS attraverso un collocamento privato in Cina per la partecipazione completa in Saudi Aramco, con l’idea che l’Arabia Saudita accettasse lo yuan (l’unità commerciale della valuta yuan) per pagare i rifornimenti di petrolio greggio”.

Questa era una strategia chiave nel desiderio della Cina che la sua valuta yuan riflettesse in modo più appropriato la crescente importanza del Paese nel panorama finanziario globale, evidenziata già al vertice G20 a Londra nell’aprile 2010. A questo vertice, Zhou Xiaochuan – allora governatore della People’s Bank of China (PBOC) – segnalò l’idea che i cinesi, ad un certo punto, avrebbero desiderato una nuova valuta di riserva globale per sostituire il dollaro USA.

L’iter, pianificato da tempo, perché ciò avvenisse è stato: l’inclusione del yuan nel mix di attività di riserva dei diritti speciali di prelievo (Special Drawing Rights – SDR) del FMI, avvenuto nell’ottobre 2016; aumentandone l’uso come valuta di scambio (che naturalmente ne seguì); il suo utilizzo come valuta chiave di una borsa di scambio internazionale di energia (avvenuto con il lancio della Borsa internazionale dell’energia di Shanghai, denominata in yuan nel 2018); le crescenti richieste da parte dei grandi produttori di petrolio e di altre grandi nazioni commerciali di utilizzare il yuan, cosa che è avvenuta spesso dopo l’inclusione del yuan nel mix DSP.

Al momento del suggerimento della Cina di salvare l’OPI di Saudi Aramco, in difficoltà, il yuan era già stato incluso nel mix SDR, ma non aveva ancora raggiunto il mainstream in termini di ampiezza e profondità se utilizzato a livello internazionale. Pertanto, il fatto che Pechino potesse sfruttare i sauditi per accettare lo yuan per il petrolio sarebbe stato – e rimane – un enorme passo avanti per una più ampia accettazione dello yuan, soprattutto perché ci si potrebbe aspettare che altri produttori del Medio Oriente seguano l’esempio.

GLI SVILUPPI DELLE RELAZIONI CINA-ARABIA SAUDITA DAL 2017 AD OGGI

Nonostante qualsiasi obiezione all’idea che gli Stati Uniti avrebbero potuto nutrire, l’allora viceministro dell’Economia e della pianificazione dell’Arabia Saudita, Mohammed al-Tuwaijri, ad una conferenza saudita-cinese a Gedda, ad agosto 2017, disse che “la Cina è di gran lunga uno dei migliori mercati. Accederemo anche ad altri mercati tecnici in termini di opportunità di finanziamento uniche, collocamenti privati, panda bonds e altri. Saremo disposti a prendere in considerazione finanziamenti in yuan e altri prodotti cinesi e la Industrial and Commercial Bank of China e altre divisioni hanno mostrato interesse affinché lo facciamo”.

Questi commenti sono arrivati ​​più o meno nello stesso periodo della visita in Arabia di politici e finanzieri cinesi di alto rango, che ha caratterizzato un incontro tra il re Salman e il vicepremier cinese, Zhang Gaoli, a Gedda. In questi incontri, secondo i commenti dell’allora ministro dell’Energia saudita, Khalid al-Falih, è stato anche deciso che l’Arabia Saudita e la Cina avrebbero istituito un fondo di investimento da 20 miliardi di dollari su base 50-50, che avrebbe investito in settori come infrastrutture, energia, estrazione mineraria e materiali.

Gli incontri di Gedda dell’agosto 2017 seguirono una visita storica in Cina del re saudita Salman, nel marzo dello stesso anno, nella quale vennero firmati accordi commerciali per circa 65 miliardi di dollari nei settori della raffinazione del petrolio, petrolchimica, produzione leggera ed elettronica.

Il fatto che gli investimenti relativi a “One Belt One Road” effettuati dalla Cina siano accompagnati da considerevoli avvertimenti che consentono a Pechino di assicurarsi tratti strategici chiave di terra o mare al posto dei debiti dovuti o degli investimenti effettuati – inclusi i principali aeroporti e porti navali dell’Iran, il porto di Hambantota dello Sri Lanka e il porto di Doraleh di Gibuti – potrebbe essere considerato dall’Arabia Saudita e da molti altri Stati mediorientali poco diverso dalle condizioni legate agli investimenti USA dalla fine della seconda guerra mondiale. Per gli Stati Uniti, tuttavia, la notizia – appena prima di Natale – che l’Arabia Saudita adesso sta producendo attivamente i propri missili balistici con l’aiuto della Cina potrebbe non essere considerata come parte di un ragionevole riequilibrio del potere in Medio Oriente, soprattutto alla luce degli sforzi di Washington in corso per affrontare le ambizioni nucleari dell’Iran.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore