Sostenibilità

Economia circolare, riutilizzo e riciclaggio fondamentali. Parola di Aea

plastic tax

Nell’economia circolare è fondamentale la gestione sostenibile dei rifiuti. Anche il calo dell’esportazione della plastica all’estero può rappresentare un’opportunità

Il miglioramento dei modelli commerciali circolari e delle politiche per promuovere il riutilizzo e il riciclaggio e una maggiore sensibilizzazione dei consumatori aiuteranno l’Unione europea ad affrontare il crescente problema dei rifiuti di plastica, delle batterie, dell’elettronica e dei tessili. È quanto affermano due paper dell’Agenzia europea per l’Ambiente (Aea).

CRESCENTE PREOCCUPAZIONE PER L’IMPATTO DI TALI RIFIUTI SULL’AMBIENTE E SULLA SALUTE

In particolare, osserva l’Aea, gli Stati membri dell’Unione europea si trovano di fronte a un dilemma su come affrontare il problema delle milioni di tonnellate di rifiuti prodotti ogni anno in Europa, tra un numero crescente di divieti e norme internazionali più severe sull’esportazione di alcuni rifiuti verso altri paesi. Da ciò, sottolinea Aea, emerge una crescente preoccupazione per l’impatto di tali rifiuti sull’ambiente e sulla salute, nonché per l’impatto dell’aumento dell’estrazione, della produzione e del consumo di risorse. La produzione di rifiuti contribuisce anche all’inquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo, nonché ai cambiamenti climatici e alla perdita di biodiversità.

I due paper dell’Aea forniscono, quindi, una valutazione del ruolo dell’esportazione dei rifiuti di plastica nell’economia circolare e un’istantanea delle perdite di risorse derivanti dalla gestione dei rifiuti – quest’ultima con particolare riguardo ai rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, alle batterie a fine vita, ai rifiuti tessili e di plastica.

RIDURRE LE ESPORTAZIONI DI RIFIUTI DI PLASTICA È UN’OPPORTUNITÀ DI RIUTILIZZO E RICICLO

All’inizio del 2019 l’Ue ha esportato circa 150mila tonnellate di rifiuti di plastica al mese. Si tratta di circa la metà di quanto esportato nel 2015 e nel 2016, quando le esportazioni sono andate principalmente verso la Cina e Hong Kong. Tuttavia, nuovi divieti e restrizioni alle importazioni da parte della Cina, combinati con l’aggiunta di alcuni tipi di plastica vietati da una convenzione delle Nazioni Unite, stanno obbligando l’Ue e i paesi a migliorare le proprie capacità di gestione dei rifiuti in patria. Questi divieti e restrizioni e la contrazione del mercato internazionale della plastica aumenteranno probabilmente le discariche e l’incenerimento a breve termine, ma dovrebbero anche stimolare investimenti in capacità e sistemi per aumentare il riciclaggio e il riutilizzo dei rifiuti di plastica.

UN ENORME POTENZIALE PER AUMENTARE IL RIUTILIZZO E IL RICICLAGGIO NEI PROSSIMI ANNI

Le informazioni Aea sulle esportazioni di rifiuti in plastica mostrano che esiste un enorme potenziale per aumentare il riutilizzo e il riciclaggio nei prossimi anni. Il riutilizzo e il riciclaggio dei rifiuti di plastica potrebbe fornire una grande quantità di risorse materiali per i produttori locali. Il paper rileva che l’Ue ha già adottato misure per migliorare la gestione della produzione, dell’uso e dei rifiuti in plastica, tra cui la strategia europea per la plastica nell’economia circolare, la direttiva Ue sulle materie plastiche monouso e nuovi e più ambiziosi obiettivi per il riciclaggio della plastica inclusi nelle direttive UE aggiornate sui rifiuti del 2018.

LA GESTIONE SOSTENIBILE DEI RIFIUTI È FONDAMENTALE

In Europa si stanno compiendo progressi per sostenere una politica dei rifiuti già ambiziosa e per creare un solido quadro economico circolare. Tuttavia, l’Ue sta ancora perdendo l’opportunità di riutilizzare una quantità significativa di risorse preziose attualmente perdute a causa di pratiche inefficienti di gestione dei rifiuti.

I RIFIUTI ELETTRONICI

Le informazioni dell’Aea sulle risorse e sulla gestione dei rifiuti mostrano che ogni anno nell’Ue vengono prodotte decine di milioni di tonnellate di rifiuti di plastica. Oltre alla plastica, milioni di tonnellate in più di rifiuti elettronici – come vecchi computer, macchine fotografiche o televisori e tessuti (soprattutto abbigliamento) – vengono regolarmente gettati via con poco o nulla da riciclare o riutilizzare. La raccolta, il riutilizzo e il riciclaggio di questi flussi di rifiuti sono inadeguati o insufficienti, oltre alla scarsa consapevolezza dei consumatori del problema dei rifiuti che tutti devono essere affrontati per migliorare la situazione. La presenza di sostanze pericolose può anche ostacolare il riciclaggio e quindi le opportunità di passare a una maggiore circolarità, così come i prodotti non adeguatamente progettati per il riciclaggio.