Scenari

Enel accelera l’uscita dal carbone

gas

Enel vuole ridurre le emissioni dirette di gas serra per chilowattora di energia prodotta del 70% tra il 2017 e il 2030 e ridurle a zero entro il 2050. Finora, la società ha ridotto l’intensità delle emissioni di circa il 28%, a 296 g CO2 / kWh alla fine del 2019.

Enel chiuderà le sue rimanenti centrali elettriche a carbone in tutto il mondo più velocemente del previsto, sostituendole con impianti alimentati a gas ed energia rinnovabile. Secondo quanto riporta S&P Global Platts in un lungo articolo “la società è ancora uno dei maggiori proprietari di centrali a carbone” in Europa e a maggio “è stata inserita in una lista di controllo del fondo sovrano norvegese da 1 trilione di dollari” che impone “alle aziende di possedere meno di 10.000 MW di capacità di carbone”.

TRAGUARDO ENTRO QUEST’ANNO

Ma Antonio Cammisecra, a capo della divisione Global Power Generation di Enel, ha dichiarato in un’intervista che la società prevede di raggiungere quel traguardo “entro la fine di quest’anno, probabilmente accelerando l’eventuale uscita di Enel dal carbone, prevista provvisoriamente per il 2030”. “Lo faremo più velocemente di quanto ci aspettassimo solo un anno fa”, ha detto Cammisecra. “Senza dubbio, entro il 2025, Enel sarà senza carbone in Italia e, soprattutto, nel mondo”.

IL PROGRAMMA DI CHIUSURA

Enel, riferisce S&P Global Platts “vuole chiudere la sua ultima centrale a carbone in Cile molti anni prima del previsto, dopo di che rimarrà solo una piccola unità colombiana in America Latina. Nel mese di ottobre, la società ha venduto la sua ultima centrale a carbone in Russia. Il resto del suo stock di carbone, circa 11.000 MW in tutto, è in Europa: in Italia, la società ha appena ottenuto il permesso di chiudere un’unità da 660 MW nel suo stabilimento di Brindisi, mentre due dei suoi cinque impianti rimanenti in Spagna hanno anche il semaforo verde per la disattivazione”. “Deve essere fatto. E prima lo facciamo, meglio è per tutti”, ha detto Cammisecra.

ENEL SOSTITUIRA’ CON IL GAS

Enel vuole ridurre le emissioni dirette di gas serra per chilowattora di energia prodotta del 70% tra il 2017 e il 2030 e ridurle a zero entro il 2050. Finora, la società ha ridotto l’intensità delle emissioni di circa il 28%, a 296 g CO2 / kWh alla fine del 2019.

Cammisecra ha affermato che Enel non ha deciso in che modo compensare esattamente le emissioni della sua generazione rimanente alimentata a gas, ma che ciò dovrebbe includere probabilmente misure di compensazione come la riforestazione piuttosto che la tecnologia di cattura del carbonio.
Nel frattempo, la gestione di impianti a gas al posto del carbone è ancora “un costo che pensiamo sia giusto pagare”, ha detto Cammisecra, aggiungendo che gli impianti fungeranno principalmente da riserva per le energie rinnovabili.

LE MISURE DI COMPENSAZIONE

Ma mentre Enel è in grado di costruire parchi eolici e solari abbastanza rapidamente da compensare la perdita di produzione di carbone in Cile e Spagna, le procedure di pianificazione in Italia impiegano troppo tempo a rendere questa opzione praticabile a breve termine.

“Siamo costretti a passare attraverso il gas per un periodo di tempo”, ha detto Cammisecra. “La maggior parte della capacità di sostituzione verrà dal vento e dal solare che stiamo già sviluppando”, si legge ancora sul sito.
Perché l’addio rapido al carbone

“Una cosa vera nel portafoglio di centrali a carbone di Enel è che stanno diventando sempre più un peso per il suo bilancio. Nel 2019, la società ha registrato oltre 4 miliardi di euro di svalutazioni relative al carbone, praticamente per tutte le sue attività. Le menomazioni hanno portato Endesa ad annunciare che probabilmente avrebbe chiuso tutte le sue centrali a carbone nei prossimi due anni”, ha concluso S&P Platts.