skip to Main Content

Energia, avanza il gasdotto Nakhchivan tra Turchia e Azerbaigian

L’opera è entrata in agenda dopo la vittoria di Baku sull’Armenia nel Karabakh. Botas e Socar sono stati autorizzati a realizzare il progetto

Ogni guerra ha vinti e vincitori. E conseguenze. Dopo quella nel Karabakh, l’Azerbaigian ha messo in agenda il progetto del gasdotto Nakhchivan, che lo collegherà con la Turchia. Il gasdotto segue quelli già esistenti Baku-Tbilisi-Ceyhan, Baku-Tbilisi-Erzurum e Tanap.

L’ATTESA DELLA TURCHIA

Ankara chiama Baku. La Turchia è in attesa dell’approvazione dell’Azerbaigian dopo aver completato tutti i preparativi necessari per il progetto del gasdotto Nakhchivan. La parte turca del progetto si estende da Ighdir al Sadarak di Nakhchivan e avrà una lunghezza di 85 chilometri. Una volta completato soddisferà tutte le esigenze di gas della regione con una popolazione di 500.000 abitanti. Lo riportano il quotidiano turco Yeni Shafak e Azernews.

“Dopo il completamento di tutti i lavori relativi al percorso, al rilievo, all’esproprio e alla progettazione, gli occhi sono stati rivolti all’Azerbaigian. Dopo l’approvazione dei dati tecnici inizierà la costruzione del progetto”, ha scritto il quotidiano.

Dopo che il ministro turco per l’energia e le risorse naturali Fatih Donmez e il suo omologo azero Parviz Shahbazov hanno firmato il memorandum d’intesa sulle forniture di gas naturale alla Repubblica autonoma di Nakhchivan, da parte turca sono stati effettuati tutti gli espropri necessari, ha aggiunto il rapporto.

ESPROPRI IN VISTA

La Turchia è determinata nella realizzazione del nuovo gasdotto. Yeni Shafak ha osservato che con la decisione pubblicata su Resmi Gazete (la gazzetta ufficiale della Turchia che pubblica la nuova legislazione e altri annunci ufficiali) si è deciso di espropriare gli immobili che cadono sulla rotta entro i confini della provincia di Ighdir, Merkez, Karakoyunlu e distretti di Aralik allo scopo di realizzare il progetto del gasdotto Nakhchivan.

Inoltre, la direzione generale della Petrol Transport Corporation ha deciso immediatamente di espropriare gli immobili necessari per la costruzione di strade di accesso a impatto fisso, linee di trasmissione dell’energia, linee di protezione catodica e letti anodici nell’ambito del progetto.

Con il progetto verrà realizzata una nuova linea tra la Turchia e l’Azerbaigian dopo i gasdotti Baku-Tbilisi-Ceyhan, Baku-Tbilisi-Erzurum e i gasdotti Tanap. Botas e Socar sono stati autorizzati a realizzare il progetto.

IL RUOLO DEL GASDOTTO

Lo sviluppo di una forte cooperazione tra Turchia e Azerbaigian. Questo è il ruolo che svolgerà l’attuazione del progetto di gas naturale Nakhchivan. Il consumo annuo di gas naturale della regione, che ha una popolazione di circa 500.000 abitanti, raggiunge il mezzo miliardo di metri cubi. Con l’apertura della linea, tutte le esigenze in questa direzione saranno soddisfatte attraverso la Turchia.

Il gasdotto Turchia-Nakhchivan sarà costruito nel proseguimento del gasdotto Ighdır, che parte dalla principale linea di trasporto del gas naturale dell’Anatolia orientale. La sezione turca della linea, da Ighdir a Sadarak di Nakhchivan, avrà una lunghezza di 85 chilometri. Con il progetto verrà rilanciata anche l’economia del Nakhchivan e si aprirà la strada a molte iniziative e investimenti per la regione.

IL SISTEMA DI TRASPORTO REGIONALE

D’altra parte, l’istituzione di un corridoio terrestre con Nakhchivan, che è l’unico territorio azero al confine con la Turchia e non ha collegamenti con il resto del Paese, rafforzerà ulteriormente la posizione dell’Azerbaigian nel sistema dei trasporti e della logistica internazionale. Mentre i collegamenti diretti di trasporto tra le altre regioni dell’Azerbaigian e Nakhchivan sono possibili solo per via aerea, l’apertura del suddetto corridoio di trasporto faciliterà la costruzione di autostrade e linee ferroviarie più economiche, che sono un’alternativa a questo costoso veicolo di trasporto e porterà più esportazione e importazione volumi. Pertanto, Nakhchivan diventerà il pilastro del sistema di trasporto regionale.

Con la sua integrazione nel corridoio di trasporto nord-sud e nella prevista ferrovia Kars-Iğdır-Nahçıvan, si prevede che la linea svolgerà un ruolo importante nel trasporto di merci internazionali verso l’Europa. La ferrovia Nakhchivan-Tbilisi-Kars ridurrà i costi di trasporto e la durata di 1,7 volte rispetto alla lunghezza della ferrovia Baku-Tbilisi-Kars in futuro.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore