Scenari

Perché le tensioni Armenia-Azerbaigian interessano Ue, Italia e Russia

Russia

I legami dell’Azerbaigian con la Russia, che sono già tesi dal conflitto nel Nagorno-Karabakh dovranno affrontare ulteriori pressioni con il lancio del Corridoio Meridionale

Per il momento l’oleodotto Baku-Tbilisi-Ceyhan da 1 milione di barili al giorno e il gasdotto del Caucaso meridionale – il Southern Gas Corridor – da 25 miliardi di metri cubi all’anno sono pienamente operativi. Lo ha assicurato la compagnia petrolifera statale dell’Azerbaigian Socar, dopo che il governo del paese ha accusato le forze armene di un attacco missilistico sulle principali rotte di esportazione di petrolio e gas verso l’Europa.

L’ATTACCO

Il portavoce di Socar Ibrahim Ahmadov, riferisce S&P Global Platts ha confermato che i missili che si ritiene siano stati lanciati dalle forze armene sono atterrati vicino alla linea petrolifera e al gasdotto, in un’area a nord della contesa regione del Nagorno-Karabakh.

Ahmadov ha anche affermato che nell’area presa di mira, le due infrastrutture sono vicine l’una all’altra, ma che nessuno delle due è stato danneggiata e che pertanto i flussi sono regolari. Tuttavia, ha avvertito che la minaccia per le infrastrutture rimane costante malgrado la portavoce del ministero degli Esteri armeno Anna Naghdalyan abbia negato le dichiarazioni dell’Azerbaigian definendole “ridicole per il terrorismo immaginario”.

LE DUE INFRASTRUTTURE

La condotta petrolifera gestita dalla BP trasporta greggio leggero azero verso l’hub petrolifero mediterraneo di Ceyhan, con un flusso di circa 600.000 barili al giorno. Il gasdotto trasporta, invece, gas alla Turchia con due contratti: 6,6 miliardi di metri cubi / anno attraverso la rete di transito interna turca e ulteriori 6 miliardi di metri cubi / anno tramite il gasdotto TANAP da 31 miliardi di metri cubi / anno, tutti forniti dal giacimento di Shah Deniz gestito da BP che rifornisce anche la vicina Georgia.

DA NOVEMBRE 10 MLD DI MC AL TAP

Le due linee a novembre dovrebbero iniziare a trasportare fino a 10 mld di mc / anno di gas aggiuntivo da immettere nel gasdotto Trans Adriatico che va dal confine Turchia-Grecia attraverso Grecia, Albania e attraverso l’Adriatico in Italia.

MINACCIA DI CONFLITTO PER L’INFRASTRUTTURA CHIAVE

La guerra tra Azerbaigian e Armenia minaccia da tempo di estendersi e di colpire le infrastrutture regionali di esportazione di petrolio e gas.

Il conflitto è incentrato sul Nagorno-Karabakh, un territorio controllato dagli armeni all’interno dell’Azerbaigian, e ha coinvolto alcuni dei più feroci combattimenti dall’inizio degli anni ’90. La zona del conflitto si trova a soli 30-40 km dalle condutture. BTC attualmente trasporta circa 600.000 barili al giorno di petrolio e, con un’ampia capacità inutilizzata, ospita piccoli volumi di altri produttori del Caspio come il Kazakistan. SCP forma la sezione orientale del corridoio meridionale del gas, che si estende attraverso la Turchia fino all’Italia, con una capacità fino a 25 Mld di mc / anno.

Entrambi gli oleodotti costeggiano le sensibili regioni separatiste della Georgia e dell’Azerbaigian, con il collegamento BTC interrato per tutta la sua lunghezza. Il progetto del corridoio meridionale del gas da 40 miliardi di dollari è sostenuto dall’Ue e dagli Stati Uniti come un modo per diversificare le forniture europee lontano dalla Russia.

NESSUN CAMBIO DI PIANI

In una risposta scritta a S&P Global Platts, BP ha affermato che i suoi piani per fornire gas attraverso il corridoio TANAP-TAP all’Italia non sono stati modificati dal conflitto Armenia-Azerbaigian.

LA RIVALITÀ AZERO-RUSSA SUL GAS SI INFIAMMA?

Secondo il quotidiano turco Daily Sabah “i legami dell’Azerbaigian con la Russia, che sono già tesi dal conflitto nel Nagorno-Karabakh dovranno affrontare ulteriori pressioni con il lancio del gasdotto che è pronto a sostituire le vendite di gas in continua diminuzione di Mosca all’Europa e alla Turchia entro la fine dell’anno”.

Allo stesso tempo, ha aggiunto il sito online del quotidiano turco “le ambizioni russe di espandere la propria capacità di gasdotti in Europa rischiano di essere ostacolate dalle sanzioni statunitensi. Gli analisti affermano che Mosca ha buoni rapporti con Armenia e Azerbaigian e un rapporto pragmatico con la Turchia con cui ha superato le crisi del passato e le diverse posizioni sulla Siria. La concorrenza per la vendita di gas, tuttavia, è particolarmente sgradita poiché l’economia russa soffre a causa dell’impatto della pandemia Covid-19 sulla domanda di petrolio e gas. Nell’ultima settimana, il presidente russo Vladimir Putin ha parlato più volte al primo ministro armeno ma non al leader dell’Azerbaigian”.

SFORZO ECONOMICO RUSSO

Che la situazione in Russia sia difficile lo si evince dai dati della banca centrale russa secondo cui le esportazioni di gas sono scese a 11,44 miliardi di dollari nella prima metà di quest’anno da 18,65 miliardi di dollari nel corrispondente periodo del 2019. Gazprom, che ha il monopolio dell’export di gas, prevede di spedire almeno 170 miliardi di metri cubi di gas in Europa quest’anno, in calo rispetto ai 199 miliardi di metri cubi del 2019.

“Nel primo semestre, le esportazioni di gas verso l’Europa da parte di Gazprom, compresa la Turchia, sono diminuite del 18% a 78,94 miliardi di metri cubi. Nella sola Turchia, sono diminuiti di oltre il 40%, a 4,7 miliardi di metri cubi. L’Azerbaigian, nel frattempo, ha pompato quasi 7 miliardi di metri cubi in Turchia negli ultimi due anni attraverso l’attuale Trans Anatolian Natural Gas Pipeline (TANAP), parte del corridoio meridionale del gas. Dal Corridoio Sud completato, che dovrebbe diventare operativo alla fine dell’anno, la Turchia riceverà 6 miliardi di metri cubi di gas azero all’anno, mentre 10 miliardi di metri cubi sono destinati all’Europa”, sottolinea ancora Daily Sabah.

PER FITCH RISCHIO TENSIONI TRA RUSSIA E AZERBAIGIAN

“Dmitry Marinchenko, analista di Fitch, ha affermato che è improbabile che il gas dell’Azerbaigian sostituisca tutte le vendite di Gazprom in Europa, ma rappresenta una minaccia significativa. ‘Tuttavia, l’insieme ad altri fattori, soprattutto un aumento delle importazioni di gas naturale liquefatto e l’inizio delle forniture di gas dall’Azerbaigian, porta a rinfocolare la rivalità”, sottolinea ancora il quotidiano turco.