Appuntamenti

Energia, chi ci sarà e di cosa si parlerà al convegno organizzato da Arera e Cei

terna

L’incontro alla Coffee House di Palazzo Colonna si focalizzerà sull’integrazione, le sfide e le opportunità nei mercati dell’energia dei Balcani. Previsti gli interventi di Besseghini, Saglia, Dialuce, Ferraris. Conclusioni affidate al ministro Amendola ministro per gli Affari europei

“Electricity integration in the Balkan Region: challenges and opportunities” è il titolo del convegno che si terrà il prossimo 27 novembre alla Coffee House di Palazzo Colonna (a Piazza SS. Apostoli a Roma), organizzata da Arera e dal Central European Initiative (Cei).

L’APERTURA AFFIDATA A BESSEGHINI, DIALUCE E BARBARIA

In apertura sono previsti i saluti di Stefano Besseghini, presidente di Arera, di Gilberto Dialuce, direttore generale del ministero dello Sviluppo economico e di Andrea Barbaria, rappresentante del ministero degli Esteri e della cooperazione.

IL KEY NOTE SPEECH

A seguire è previsto un key note speech che sarà affidato a Branislav Prelevic del Regagen, l’Authority per l’energia e l’acqua del Montenegro, ed ex presidente dell’Ecrb (l’Energy Community Regulatory Board) e a Clara Poletti, membro del board di Arera.

LA TAVOLA ROTONDA SUI BALCANI VERRA’ APERTA DA FERRARIS

A introdurre il tema dei mercati dell’energia nell’ambito della regione balcanica, interverrà il numero uno di Terna Luigi Ferraris a cui seguirà una tavola rotonda con Simone Mori, presidente di Elettricità Futura, Nina Gall e Jasmina Trhulj, rispettivamente numero uno dell’Ecrb e del segretariato dell’Electricity Unit Energy Community, Salvatore Lanza, dell’ufficio regolazione europea di Arera, Fabrizio Carboni, capo sviluppo mercati del Gme e Luca Matrone, alla guida della divisione energia di Banca Intesa.

CONCLUSIONI AFFIDATE A SAGLIA E AMENDOLA

Le conclusioni saranno affidate, a Stefano Saglia, membro del board di Arera e a Vincenzo Amendola, ministro per gli Affari europei. Prevista, infine, la presenza di Mauro Conciatori, advisor del ministero dello Sviluppo economico.