Efficienza energetica e innovazione

Energia, infrastrutture cruciali per sviluppo. Parola di Confindustria

gaz

Il ruolo delle infrastrutture energetiche nei prossimi anni sarà cruciale per lo sviluppo dell’Italia

L’Italia non può rinunciare alle infrastrutture energetiche se vuole crescere. A dirlo è Giuseppe Ricci, presidente di Confindustria energia, nel corso del convegno ‘Infrastrutture energetiche, ambiente e territorio’: “Il ruolo delle infrastrutture energetiche nei prossimi anni sarà cruciale in quanto dovrà, non più come nel passato soddisfare il crescente fabbisogno di energia, ma dovrà soprattutto essere in grado di accompagnare la trasformazione del modello energetico conseguente alla crescita delle rinnovabili, assicurando stabilità e continuità di soddisfacimento della domanda”, ha dichiarato Giuseppe Ricci.

RITARDARE INVESTIMENTI METTE A REPENTAGLIO PIANO ENERGIA E CLIMA

“Ritardare o ridurre gli interventi infrastrutturali significherebbe non solo mettere a repentaglio il raggiungimento degli obiettivi ambientali del Piano energia e Clima ma significherebbe anche accettare il concreto rischio di avere un sistema energetico, inaffidabile e soggetto a interruzioni al quale certamente il nostro Paese non e’ abituato, con il rischio di dover ricorrere a interventi di emergenza a costi gravosi per tutto il Sistema”.

ITALIA TROPPO DIPENDENTE DA ESTERO

Ricci, nel suo intervento, ha anche parlato di dipendenza energetica dall’estero: “Le incertezze geopolitiche rammentano al nostro Paese, dove più del 75% dell’energia consumata viene importata, che la questione della sicurezza energetica e la certezza delle forniture sono una cosa tremendamente seria. Poter contare su una rete di approvvigionamenti diversificata e al contempo su asset produttivi nazionali ci rende meno vulnerabili all’esterno, con sensibili risparmi anche sul costo dell’energia. Non dimentichiamoci peraltro che il nostro Paese, grazie alla sua posizione baricentrica nel Mediterraneo, può giocare un ruolo chiave per l’integrazione energetica tra i Paesi che vi si affacciano”.