Fact checking e fake news

Bollette, cosa attenderci per il 2019

bollette

Perchè aumenta la bolletta del gas e diminuisce quella dell’energia elettrica

Aumenta il costo della bolletta del gas dal primo gennaio 2019, più 2,3%. Diminuisce, invece, il costo della luce (meno 0,08%), come scrive in una nota l’Arera, l’Autorità di regolazione per Energia Reti e ambiente.

“Per il gas dal 1° gennaio si registrerà una crescita del +2,3%, legata alla dinamica delle quotazioni nei mercati all’ingrosso e all’aumento degli oneri generali gas”, scrive Arera. Sul fronte dell’energia elettrica “Dopo il blocco degli oneri elettrici applicato dall’ARERA nel secondo semestre 2018, la loro piena riattivazione consente per il 2019 di riportarli in equilibrio, senza alcun aumento per il prossimo trimestre della  spesa per l’energia elettrica, in riduzione del -0,08% per la famiglia tipo”.

PERCHE’ AUMENTA LA BOLLETTA DEL GAS

“Per il gas naturale all’aumento della spesa per la materia prima (+0,9% sulla spesa della famiglia tipo), legato alle quotazioni attese nei mercati all’ingrosso nel prossimo trimestre, si affiancano un aumento degli oneri generali (+1%) e un leggero adeguamento delle tariffe di trasporto distribuzione e misura (+0,4%), che tiene conto anche anche dell’aggiornamento infraperiodo della remunerazione del capitale investito per i servizi infrastrutturali (aggiornamento dei parametri Wacc), già deliberato dall’Autorità a inizio dicembre”, spiega l’Arera.

IL CALO DELL’ENERGIA ELETTRICA

“Il calo della componente materia prima per l’elettricità è determinato da diversi fattori, tra cui: il ripiegamento delle quotazioni internazionali delle commodity energetiche dopo la forte crescita registrata nei mesi estivi, la conseguente riduzione del prezzo del gas naturale – rafforzata dalla maggiore disponibilità di offerta di gas liquefatto in Europa – e l’arresto del trend rialzista dei prezzi dei permessi di emissione della CO2 che, tuttavia, continuano ad avere un’accentuata volatilità, anche per effetto dell’eccesso di offerta che il mercato non ha ancora riassorbito”, ha aggiunto Arera.