skip to Main Content

Energia, l’Italia riduce i consumi più della media Ue

Ue

Il Belpaese si attesta al 17,8% contro una media europea del 10,8% con livelli addirittura inferiori a quelli del 1996. Lo certifica Eurostat secondo cui l’Europa starebbe rallentando nel trend di riduzione dei consumi energetici

I consumi energetici in Italia si sono ridotti del 17,8% tra il 2006 e il 2016, oltre la media europea del 10,8%, facendo registrare livelli inferiori addirittura a quelli del 1996. È quanto sottolinea Eurostat nei dati sull’efficienza energetica 2016. L’Unione europea si è infatti impegnata a ridurre il consumo energetico del 20% entro il 2020 per raggiungere un consumo di energia primaria non superiore a 1.483 milioni di tonnellate di equivalente petrolio (Mtep) e un consumo finale di energia non superiore a 1.086 milioni di tep nel 2020. A livello del Vecchio Continente il consumo di energia primaria nell’Unione europea nel 2016 è stato inferiore del 4% rispetto all’obiettivo di efficienza mentre il consumo finale di energia è risultato superiore del 2%.

Dal 1990, primo anno per il quale sono disponibili i dati, il consumo di energia primaria è diminuito dell’1,7%. Eurostat ricorda che nel corso degli anni, la distanza dall’obiettivo di consumo energetico marginale ha subito forti fluttuazioni. “Lo scostamento maggiore dall’obiettivo è stato registrato nel 2006 (16,2%, con un livello di consumo di 1.723 Mtep), mentre nel 2014 è stato raggiunto il record minimo(1,7%, 1.509 Mtep). Negli ultimi due anni il divario è nuovamente salito, superando del 4% l’obiettivo fissato per il 2020, pari ad un consumo di 1.543 Mtep nel 2016.

Il consumo finale di energia nell’Ue è stato invece di 1.108 Mtep sempre nel 2016, il 2% superiore all’obiettivo di efficienza. Il livello più basso è stato registrato nel 2014 (1.063 Mtep 2,1% al di sotto dell’obiettivo) e quello più elevato nel 2006 (1.194 Mtep 10,0% al di sopra dell’ obiettivo).

Eurostat evidenzia che mentre 19 Stati membri hanno aumentato il loro consumo energetico tra il 1996 e il 2006, solo in due Stati membri si è registrata una crescita del consumo energetico tra il 2006 e il 2016: Estonia (13,4% per 6,2 milioni di tep nel 2016) e Polonia (3,2% per 99,9 milioni di tep nel 2016). Tra i 26 Stati membri in cui il consumo energetico è diminuito, la Grecia (-23,6%), Malta (-22,5%) e la Romania (-20,2%) hanno registrato un calo superiore al 20%.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore