Energie del futuro

Eolico intelligente: è possibile predire la produzione di energia elettrica

offshore

Google sfrutta l’intelligenza artificiale di DeepMind per rendere prevedibile l’energia del vento

Eolico ed intelligenza artificiale: è questo il binomio del futuro che prova a migliorare ed efficientare il mondo delle energie rinnovabili. Il colosso tecnologico Google, dallo scorso anno, sta sfruttando gli algoritmi di machine learning, sviluppati dalla sua sussidiaria DeepMind, per prevedere la produzione elettrica dei propri impianti eolici.

In questi giorni, l’azienda di Mountain View, che alimenta le sue attività con il 100% di elettricità pulita, ha diffuso i risultati dei primi test effettuati su 700 MW di parchi eolici negli Stati Uniti: grazie ai dati raccolti, emerge, è possibile gestire la variabilità produttiva dell’eolico predicendo output elettrico effettivo di un dato parco eolico con circa 36 ore d’anticipo.

“Nonostante siamo ancora impegnati a perfezionare il nostro algoritmo, l’utilizzo dell’apprendimento automatico nei nostri parchi eolici ha prodotto risultati positivi”, spiega DeepMind.

“Ad oggi, il machine learning ha aumentato il valore della nostra energia eolica di circa il 20 per cento, rispetto allo scenario di base in cui non vi è alcun impegno di fornitura a tempo nei confronti della rete”, spiegano da Google. “Non possiamo annulllare la variabilità del vento, ma con l’intelligenza artificiale è possibile rendere l’energia del vento sufficientemente più prevedibile e preziosa”.