Scenari

Eolico offshore, assunzioni in arrivo nel settore

eolico

La domanda di personale eolico offshore triplicherà entro la fine del decennio, salendo a 868.000 posti di lavoro a tempo pieno dai 297.000 stimati nel 2020

La recessione del Covid-19 ha fatto ancora una volta precipitare i tassi di occupazione nell’industria del petrolio e del gas. Anche se è prevista una ripresa, l’occupazione non tornerà mai ai fasti di pochi anni fa. Tuttavia, c’è un segmento energetico che sarà il nuovo paradiso per le assunzioni di posti di lavoro nel settore energetico, l’eolico offshore. È quanto omostra un’analisi di Rystad Energy.

IL PERSONALE TRIPLICHERA’

La domanda di personale eolico offshore triplicherà entro la fine del decennio, salendo a 868.000 posti di lavoro a tempo pieno dai 297.000 stimati nel 2020. La frenesia delle assunzioni sarà già visibile a metà del decennio, quando la domanda di posti di lavoro potrebbe raggiungere circa 589.000 nel 2025, ammette la società di consulenza.

CAPACITÀ INSTALLATA EOLICA OFFSHORE POTREBBE SALIRE A 110 GIGAWATT (GW) ENTRO IL 2025

Rystad Energy stima che la capacità installata eolica offshore potrebbe salire a 110 GW entro il 2025 e 250 GW entro il 2030. Questa crescita prolifica richiederà molti dipendenti qualificati. Nell’analisi la società di consulenza ha calcolato il fabbisogno di personale nel numero di lavoratori equivalenti a tempo pieno (ETP) – un anno di lavoro a tempo pieno per una persona indipendentemente dalle ore effettive – e ha incluso solo lavori diretti e indiretti guidati dalla distribuzione della capacità eolica offshore a livello globale.

I lavori diretti riguardano lo sviluppo, la produzione, la costruzione, l’installazione e il funzionamento e la manutenzione di parchi eolici offshore. I lavori indiretti si riferiscono a materiali e servizi consumati, come i lavoratori nelle acciaierie che supportano le turbine eoliche offshore, i lavoratori dell’elettronica presso le aziende che forniscono componenti delle navicelle e il personale delle istituzioni di regolamentazione delle energie rinnovabili.

I lavori sono raggruppati come costruzione e sviluppo (C&D) – che sono tipicamente spese in conto capitale – e ruoli di operazione e manutenzione (O&M) – che si riferiscono alle spese operative. Si prevede che i posti di lavoro C&D rappresenteranno la maggior parte dell’occupazione nel prossimo decennio, sebbene la sua quota dell’occupazione totale diminuisca con l’avvicinarsi del 2030.

LA SITUAZIONE 2020

I posti di lavoro O&M, nel frattempo, guidati dalla capacità installata dei parchi eolici, hanno contribuito per circa il 7% al numero totale di posti di lavoro nel 2020 e rappresenteranno circa il 12% nel 2025. Con un rapido aumento della capacità installata eolica offshore, O&M guadagnerà un quota maggiore dei posti di lavoro totali. Tuttavia, i ruoli di C&D continueranno a dominare, perché un tipico parco eolico offshore spende il 60-70% delle sue spese in conto capitale prima della messa in servizio, che richiede da uno a tre anni.

I ruoli C&D relativi alla produzione – turbine, cavi, sottostazioni e fondazioni – contribuiscono a circa il 66% del potenziale totale, mentre i lavori di installazione rappresentano il 10% e lo sviluppo del progetto il 4%. O&M aggiunge una quota del 20% al potenziale di lavoro totale.

ENTRO IL 2030 PRODUZIONE TURBINE CREERÀ LA MAGGIOR PARTE DI POSTI DI LAVORO

Entro il 2030, la produzione di turbine continuerà a creare la maggior parte dei posti di lavoro, rappresentando il 54% del totale. Pertanto, i produttori di turbine come Siemens Gamesa, Vestas, Goldwind e GE Renewable Energy dovrebbero impiegare ulteriore manodopera e stabilire più stabilimenti per turbine più grandi nei prossimi anni.

La produzione di fondazioni contribuisce all’8% dei posti di lavoro totali nel 2030, seguita dall’installazione di fondazioni con il 5%, portando potenzialmente a importanti opportunità di lavoro.

CHI GUIDERA’ LA DOMANDA DI POSTI DI LAVORO

Rystad Energy stima che l’Europa, l’Asia al di fuori della Cina e le Americhe guideranno la creazione di posti di lavoro globale nel settore eolico offshore. L’Europa, che domina la capacità installata eolica offshore a livello globale, potrebbe vedere la domanda di posti di lavoro triplicare entro il 2030, da 110.000 posti di lavoro nel 2020 a circa 350.000. La crescita prevista sarà particolarmente evidente nei prossimi cinque anni, poiché le aggiunte annuali di capacità nella regione sono in aumento e la base installata è in crescita.

L’Asia, esclusa la Cina, vedrà un forte aumento dell’occupazione, più evidente nella seconda metà di questo decennio, poiché si prevede che Corea del Sud, Vietnam, Giappone e Taiwan contribuiranno in modo significativo alla capacità eolica offshore. La Cina, nel frattempo, potrebbe vedere la domanda di lavoro stagnare verso il 2030, nonostante l’attuale aumento dell’attività.

Nelle Americhe, gli Stati Uniti saranno un importante motore per lo sviluppo eolico offshore grazie agli ambiziosi piani per decarbonizzare il settore energetico del 50% entro il 2030 proposti dall’attuale amministrazione democratica. Rystad Energy stima che gli Stati Uniti avranno quasi 15 GW di capacità installata eolica offshore entro il 2030, con il 30% proveniente da recenti sollecitazioni tenute dallo Stato di New York. Con l’avvicinarsi del 2030, si prevede che la domanda di posti di lavoro sarà aumentata ulteriormente da altri paesi della regione, in particolare il Brasile, che ha diversi grandi progetti che dovrebbero essere commissionati intorno alla fine del decennio.

“Vale la pena notare che, sebbene le regioni di cui sopra guideranno la creazione di posti di lavoro che abbiamo stimato, l’ubicazione effettiva di questi posti di lavoro non sarà necessariamente nella stessa regione che li ha creati. Ciò vale in particolare per i lavori di produzione, poiché le fabbriche spediranno attrezzature a progetti eolici in tutti gli angoli del mondo”, ha precisato la società di consulenza.

ANCHE I LAVORATORI DEL SETTORE PETROLIFERO E DEL GAS TRARRANNO VANTAGGIO DA QUESTA CRESCITA

“Anche i lavoratori del settore petrolifero e del gas trarranno vantaggio da questa crescita prevista dell’occupazione eolica offshore a livello globale, poiché condividono alcune serie di competenze e conoscenze offshore essenziali. Le aree eoliche offshore come la produzione di fondamenta, la costruzione offshore, lo sviluppo di progetti e O&M sono state molto importanti per le operazioni di petrolio e gas”, ha affermato Alexander Fløtre, Product Manager di Rystad Energy per l’eolico offshore.

Le operazioni offshore di petrolio e gas e eolico offshore hanno standard di sicurezza simili, con i lavoratori che richiedono almeno una formazione di emergenza offshore di base e spesso una formazione sulla fuga subacquea in elicottero prima di essere distribuiti a progetti offshore. Questa potrebbe essere una grande opportunità per recuperare alcuni dei talenti persi durante la recessione dell’industria petrolifera e del gas, in particolare O&M, sviluppo di progetti e lavori di ingegneria.