skip to Main Content

Gas ed elettricità, Acer pubblica parere su selezione PCI

Energia

L’Agenzia dell’UE per la cooperazione tra i regolatori dell’energia, Acer, ha riscontrato miglioramenti nella selezione dei progetti di interesse comune (PCI) per le infrastrutture energetiche transeuropee

Migliorano le modalità di selezione dei progetti di interesse comune (PCI) per le infrastrutture energetiche transeuropee. Lo sostiene, in un comunicato stampa, l’Acer, l’Agenzia dell’UE per la cooperazione tra i regolatori dell’energia. Nell’elenco di progetti di gas “sono stati considerati criteri di sostenibilità” ed è stato effettuato “un processo più obiettivo per selezione dei progetti elettrici”, spiega l’Agenzia.

I pareri includono anche il punto di vista delle autorità nazionali di regolamentazione su specifici progetti candidati e forniscono ulteriori raccomandazioni per i futuri processi di selezione del PCI.

Non mancano le carenze, tra cui la mancanza di trasparenza nelle metodologie di valutazione.

GAS: ELENCO PCI PIU’ BREVE

Il percorso verso la decarbonizzazione si manifesta nella selezione di un elenco più breve di progetti nel campo del gas, in cui sono stati considerati criteri di sostenibilità.

Nel suo parere, l’Acer evidenzia inoltre positivamente il prolungamento del periodo di consultazione per i candidati PCI e la semplificazione degli indicatori utilizzati nella metodologia dei fabbisogni infrastrutturali e l’allineamento con la metodologia di valutazione dei progetti. Inoltre, è stata migliorata la coerenza applicando lo stesso valore soglia tra i gruppi regionali per la selezione dei progetti.

PROGETTI ELETTRICI: SELEZIONE PIU’ OBIETTIVA

Nel campo dell’elettricità, l’Acer accoglie con favore i passi della Commissione Europea verso un processo di selezione più oggettivo. Ciò è stato ottenuto riducendo il numero di benefici potenzialmente soggettivi stabiliti dai promotori del progetto ed eliminando l’approccio di maggiore benessere socio-economico utilizzato nel precedente ciclo di selezione del PCI.

LE LACUNE

A causa della mancanza di trasparenza nelle metodologie di valutazione, l’ACER non è stata in grado di valutare pienamente la coerenza dell’applicazione dei criteri e dell’analisi costi-benefici ai sensi del Regolamento UE per le Infrastrutture Energetiche Transeuropee. Inoltre, sebbene il regolamento richieda la considerazione di più scenari nella selezione dei progetti elettrici, è stato utilizzato un solo scenario.

L’Acer invita i Gruppi Regionali, responsabili della proposta e della revisione dei progetti di interesse comune, a continuare il proprio lavoro per migliorare ulteriormente la trasparenza del processo e le metodologie di valutazione dei progetti PCI candidati, tenendo conto delle raccomandazioni dell’ACER contenute nei propri Pareri.

 

 Leggi il Parere PCI energia elettrica (il suo allegato)  e il Parere PCI gas .

Gyc

live
Back To Top