skip to Main Content

Germania, il nuovo governo spinge sulle rinnovabili. Obiettivo fine del carbone entro il 2030

Il nuovo governo di coalizione tedesco prevede di aggiungere almeno 100 TWh / anno di energia rinnovabile entro il 2030, portando la quota target di energie rinnovabili nel mix energetico all’80%

Secondo l’attuale legge (EEG 2021), sono state pianificate aggiunte di 377 TWh fino al 2030, con una quota di rinnovabili del 65%.

Anche le proiezioni della domanda di elettricità sono state innalzate a un intervallo di 680-750 TWh per il 2030, con un intervallo di 480-540 TWh per l’energia eolica, solare e altri tipi di energia rinnovabile.

Per il 2022, l’EEG 2021 ha fissato un obiettivo di 269 TWh dopo che le energie rinnovabili hanno coperto un record del 46% della domanda di energia tedesca nel 2020.

L’associazione di servizi pubblici BDEW ha dichiarato che l’obiettivo dell’80% è “molto ambizioso”, ma ha visto “motivi di ottimismo per una transizione energetica più rapida in Germania”.

L’associazione ha stimato la necessità di 130 GW di capacità eolica onshore entro il 2030 per la gamma più elevata della proiezione della domanda, pari ad aggiunte settimanali di 25-38 turbine eoliche.

Nel 2020, otto turbine sono state installate in media ogni settimana.

CHIAVE DI IMPLEMENTAZIONE RAPIDA

L’eolico onshore è già la più grande fonte unica di elettricità della Germania con 56 GW attualmente installati, generando circa 100 TWh / anno.

L’associazione eolica BWE ha chiesto una rapida attuazione dei piani con misure sulle riforme della pianificazione territoriale essenziali prima della pausa estiva parlamentare del 2022.

“Terreni di sviluppo sicuri e autorizzazioni più veloci sono la priorità per l’eolico onshore”, ha dichiarato il presidente di BWE Hermann Albers.

Il trattato di coalizione prevede di attuare un appello di BWE per rendere disponibile il 2% della superficie terrestre della Germania per lo sviluppo eolico. I team di progetto esterni sono previsti per contribuire ad accelerare il processo di autorizzazione presso le autorità locali. Il governo federale richiede una stretta cooperazione da parte dei governi statali per riformare la pianificazione territoriale.

70 GW DI EOLICO OFFSHORE ENTRO IL 2045

Per l’eolico offshore, il trattato di coalizione ha fissato un obiettivo di 30 GW per il 2030, il doppio dell’obiettivo pre-coronavirus con il precedente governo che ha già aumentato l’obiettivo del 2030 a 20 GW con una nuova legge sull’eolico offshore nel 2020.

La Germania ha attualmente 7,8 GW di capacità eolica offshore con altri 4 GW di progetti appaltati, di cui 2,7 GW sono senza sovvenzioni.

La lobby offshore BWO ha affermato che i nuovi obiettivi sono una “decisione storica del quadro politico per raggiungere gli obiettivi climatici” con i volumi un compito enorme.

Il trattato ha proposto nuovi obiettivi di 40 GW entro il 2035 e 70 GW entro il 2045 e ha indicato la cooperazione eolica offshore transfrontaliera e gli interconnettori ibridi come strumenti aggiuntivi per aumentare le capacità.

BOOSTER SOLARE DA 200 GW

La coalizione prevede inoltre di raddoppiare l’obiettivo di capacità solare del 2030 a 200 GW, da una capacità installata di 58 GW.

Il solare è il settore in più rapida crescita e ha generato un record di 55 TWh nel 2021. A guidarlo sono i pannelli sul tetto in mezzo al crescente assorbimento di batterie di accumulo domestiche.

I progetti solari a terra su scala industriale sono i più competitivi con oltre 1 GW di progetti ora al di fuori del sistema di supporto EEG.

Le gare d’appalto per i contratti di sostegno sono limitate a progetti fino a 20 MW. L’ultima gara solare è stata sottoscritta in seguito con progetti aggiudicati a una media di Eur50 / MWh ($ 56 / MWh).

Per l’eolico onshore, l’ultima gara ha assegnato l’intero 1,5 GW a Eur57,90 / MWh a settembre, dopo che la maggior parte delle offerte dal 2019 erano sottoscritte.

PREZZI ENERGETICI  RECORD

Per il 2022, l’attuale coalizione ha già raddoppiato i volumi di gara a 10 GW per l’eolico solare e onshore. Non è però riuscita ad adeguare l’EEG 2021 agli obiettivi climatici più elevati. Questa sarà allora la priorità per la coalizione entrante.

Il trattato ha suggerito un adeguamento dinamico annuale dei volumi delle offerte verso gli obiettivi del 2030.

I partiti della coalizione prevedono inoltre di porre fine alla tassa EEG nel 2023. Il prelievo ha finanziato le energie rinnovabili tedesche negli ultimi 20 anni coprendo il divario tra le tariffe feed-in e i prezzi all’ingrosso.

Il prelievo ha aumentato le bollette elettriche tedesche già prima del rally del 2021 a livelli superiori a 300 euro / MWh.

Per il 2022, il reddito record del mercato da fonti rinnovabili nel 2021 e una nuova tassa sul CO2 per i settori non ETS hanno contribuito a ridurre il prelievo del 43% su base annua a un minimo di 10 anni. L’impatto dei prezzi record dell’energia all’ingrosso per le famiglie si è così ridotto.

La potenza di carico di base tedesca dell’anno precedente è raddoppiata dal 25 novembre al di sopra di 137 euro / MWh.

Back To Top