Advertisement Skip to content
Germania

In Germania rallenta (almeno per ora) la crisi energetica

Il Ministero dell’Economia tedesco avverte che, sebbene la Germania stia riducendo la dipendenza dal gas russo, c’è il rischio che nel corso dell’anno lo stoccaggio possa scendere a livelli pericolosamente bassi.

Alcuni politici ed economisti europei tirano un sospiro di sollievo dopo che le temperature miti, l’aumento delle spedizioni di gas naturale liquefatto e le scorte di gas naturale superiori alla media hanno finora evitato il peggioramento della crisi energetica di questo inverno. Altri politici ritengono che la crisi energetica non sarà finita per molti anni.

“Gli stoccaggi di gas sono in aumento e i prezzi del gas sono in calo. L’inflazione è in calo e l’incertezza è in diminuzione”, ha scritto la Deutsche Bank AG in una nota di questa settimana, aggiungendo: “Possiamo permetterci di essere più ottimisti”.

IN GERMANIA CALA IL PREZZO DEL GAS

Secondo i dati dell’Ifo Institute, un istituto di ricerca economica con sede a Monaco di Baviera, la più grande economia europea, la Germania, ha registrato un miglioramento delle prospettive delle imprese con il ridimensionamento dei timori di recessione. Il presidente dell’Ifo, Clemens Fuest, ha dichiarato a Bloomberg TV: “Il rischio più importante per l’economia tedesca era uno scenario di razionamento del gas… e questo rischio è ormai fuori discussione”.

In Europa – scrive Oilprice. com – c’è molto di cui essere felici: Il NatGas olandese front-month, il benchmark del continente, è sceso fino al 5% a 55 euro per megawattora oggi, il livello più basso dalla fine del 2021. I prezzi sono crollati di oltre l’83% dal picco di 311 euro per megawattora dello scorso agosto. Tuttavia, l’ottimismo potrebbe essere di breve durata perché la Germania è lontana dal sostituire completamente i flussi di gas naturale russo con le spedizioni di GNL.

La scorsa settimana, il cancelliere Olaf Scholz ha dichiarato a Bloomberg che la Germania ha imparato una dura lezione dalla sua dipendenza dal gas naturale russo a basso costo. Ha dichiarato che il Paese sta ora riorganizzando le catene di approvvigionamento per aumentare la capacità di importazione di GNL nei porti principali.

COSA DICE IL MINISTERO DELL’ECONOMIA

Un nuovo rapporto del Ministero dell’Economia del Paese – riporta Oilprice. com mostra che la Germania installerà 56 miliardi di metri cubi di capacità di importazione interna di GNL entro il 2026. Entro il 2030, la capacità aumenterà a 76,5 miliardi di metri cubi, pari a circa l’80% del consumo totale di gas naturale tedesco nel 2021. Il ministero ha sottolineato che, anche se le attuali strutture di stoccaggio del gas naturale sono al di sopra dei livelli normali, nel corso di quest’anno si profila il rischio che lo stoccaggio possa scendere a livelli pericolosamente bassi e provocare carenze.

“La verità è che nei prossimi tre o quattro anni la capacità di produzione di GNL nel mondo non sarà sufficiente a soddisfare la crescente domanda. Quindi la strategia non dichiarata è che la Germania continuerà a pagare prezzi folli e altri Paesi meno ricchi resteranno a mani vuote”, ha dichiarato a Bloomberg Christian Leye, rappresentante del partito di sinistra del Bundestag.

COSA NE PENSA (INVECE) LA DEUTSCHE BANK

La Germania – aggiunge Oilprice.com – ha ridotto la sua dipendenza dal gas naturale russo importando GNL da altri Paesi dell’UE e aumentando i flussi di gas naturale dalla Norvegia e dai Paesi Bassi. La Germania non ha avuto scelta dopo le esplosioni che hanno colpito Nord Stream l’anno scorso. Un problema che vediamo è che lo stoccaggio di NatGas della Germania è stato riempito la scorsa estate quando il NatGas russo era ancora in circolazione – non più così tanto.

La Deutsche Bank prevede che quest’anno i prezzi del gas naturale nell’UE oscilleranno tra i 50 e i 100 euro per megawattora. È solo questione di tempo prima che il sollievo temporaneo evapori e la crisi energetica riemerga.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su