Scenari

Gnl, mercato globale rallenterà drasticamente nel 2020

GNl

Gli approvvigionamenti di Gnl negli Stati Uniti hanno avuto il maggiore impatto, ma anche altri paesi hanno subito tagli

La crescita del mercato globale del Gnl è destinata a rallentare bruscamente nel 2020 a causa dei tagli all’offerta e alla distruzione della domanda guidata dalla pandemia di Covid-19. Tanto che la maggior parte degli analisti stanno tagliando le loro previsioni per quest’anno prevedendo una contrazione globale degli scambi di Gnl.

UN 2020 IN CALO

Secondo quanto riferisce S&P Global Platts “questa è probabilmente la più forte decelerazione della crescita che il mercato del Gnl abbia visto in molti anni a questa parte, contrariamente alle aspettative secondo cui il 2020 avrebbe dovuto essere uno degli anni di crescita più forti per il gas liquefatto con l’aiuto degli Usa che invece dovrebbero risultare uno dei paesi più colpiti”.

Nel 2019 OLTRE 354 MLN DI TONNELLATE DI GNL COMMERCIATE

Il commercio globale di Gnl nel 2019 è stato di 354,73 milioni di tonnellate, con un aumento del 13% rispetto al 2018, in crescita per il sesto anno consecutivo, secondo l’International Gas Union, l’associazione dell’industria del gas con sede a Barcellona.

LE PREVISIONI DELLA POTEN & PARTNERS

“La nostra opinione è che ci sarà un declino della domanda di Gnl di anno in anno”, ha detto Jason Feer, responsabile globale della Business Intelligence presso Poten & Partners e riportata da S&P Global Platts.

Poten prevede che la domanda di gas liquefatto nel 2020 scenderà al di sotto dei livelli del 2019 di 6,7 milioni di tonnellate, e ha affermato che anche questa previsione potrebbe non essere abbastanza ribassista, con una potenziale perdita di ben 13,8 milioni di tonnellate a causa dei rischi di ondate secondarie della pandemia e recessioni economiche.

Feer ha affermato che il calo della domanda è diffuso in India, Pakistan, Bangladesh, Tailandia, Kuwait e Singapore, tra gli altri, mentre la Cina e alcuni paesi europei mostreranno una crescita marginale.

Poten prevede inoltre che le importazioni globali di Gnl raggiungeranno in media solo 29 milioni di tonnellate / mese da maggio a dicembre, rispetto ai 32 milioni di tonnellate / mese da gennaio ad aprile.

COSA DICE LA WOOD MACKENZIE

La società di consulenza Wood Mackenzie ha tagliato le stime di crescita per il 2020 e si aspetta un mercato del Gnl a quota 356,8 milioni di tonnellate quest’anno, dopo essersi adeguata alle riesportazioni.

“Abbiamo già ridotto le prospettive di approvvigionamento del 2020 di 15,6 milioni di tonnellate, ma prevediamo ancora una crescita complessiva di 9,8 milioni di tonnellate dell’offerta – ha dichiarato il direttore della ricerca di Wood Mackenzie Robert Sims -. Tuttavia, ciò non è uniformemente diffuso in tutto l’anno. In effetti, ci aspettiamo una contrazione tra i mesi estivi 2020 e l’estate 2019. E la prima contrazione” stagione annuale “da 8 anni a questa parte, dall’inverno 2012”, ha affermato Sims che prevede per la domanda estiva na discesa del 2,7% o 3 milioni di tonnellate su base annua.

Tuttavia, ha affermato che vi è la possibilità che bassi prezzi spot del Gnl indicizzati al petrolio possano innescare la domanda industriale indiana e accelerare la domanda di conversione da carbone a gas in Giappone e Corea del Sud.

LE PREVISIONI DI S&P GLOBAL PLATTS ANALYTICS

Anche S&P Global Platts Analytics ha ridotto la sua stima di crescita del mercato del Gnl 2020 rispetto alla precedente previsione di 18 milioni di tonnellate / anno, ma si aspetta ancora che il mercato cresca. “Ora prevediamo che il mercato 2020 sarà di circa 364 milioni di tonnellate / anno, una crescita di circa 9 milioni di tonnellate / anno rispetto ai livelli del 2019”, ha dichiarato Jeff Moore, Manager, Asian LNG Analytics.

DOVE ARRIVERANNO I MAGGIORI TAGLI

La maggior parte dei tagli all’offerta di Gnl nel 2020 arriverà dagli Stati Uniti, ma Australia, Malesia e Indonesia nell’Asia del Pacifico non saranno immuni. Platts Analytics ha dichiarato nel suo rapporto pubblicato qualche giorno fa che l’utilizzo della liquefazione negli Stati Uniti dovrebbe scendere al di sotto del 50% nei mesi a venire, mentre in Australia e Qatar rimarranno al di sopra dell’80%. I “sacrifici” sono dettati da una serie di fattori, come la natura dei contratti, l’esposizione a prezzi spot, la vicinanza geografica ai clienti e le relazioni commerciali.