skip to Main Content

GNL, perché il boom di esportazioni negli Stati Uniti è anche un problema

Gnl

Servono fino a 5 anni per costruire un nuovo progetto GNL, e tutti i nuovi progetti sono pianificati con un orizzonte di investimento di 20 anni

Le esportazioni americane di gas naturale liquefatto (GNL) sono in forte aumento nel mezzo di una crisi energetica globale e di una spinta europea ad abbandonare il gas russo. Le spedizioni statunitensi di gas naturale sono balzate ai massimi storici quest’anno perché gli Stati Uniti vogliono aiutare l’Europa a ridurre la propria dipendenza dal gas di Putin.

Con l’aumento della domanda di gas, gli impianti di esportazione lungo la costa del Golfo degli Stati Uniti funzionano a pieno regime e non possono spedire più GNL di quanto stanno facendo attualmente, almeno non ora.

Molti progetti per impianti di esportazione di GNL sono allo studio o sono già stati approvati dalle autorità, ma sono in attesa della decisione di investimento finale (final investment decisions – FID).
Mentre l’attuale domanda di GNL, soprattutto in Europa, rimane forte ed è probabile che attiri carichi che normalmente sarebbero andati in Asia, la spinta dell’Europa per liberarsi dal gas russo include la riduzione del consumo di gas a lungo termine e il raddoppio delle energie rinnovabili, per raggiungere il suo obiettivo di neutralità climatica entro il 2050.

Questa non è certo una buona notizia per gli sviluppatori americani di GNL, che hanno bisogno di impegni di fornitura a lungo termine e accordi di acquisto per decenni per raccogliere investimenti per i progetti multimiliardari che richiedono anni per essere costruiti.

Le preoccupazioni ambientali sulle emissioni di gas serra della catena di approvvigionamento del GNL, dal fracking alle perdite di metano, potrebbero anche porre un limite alla quantità di gas che l’America sarà in grado di inviare in Europa tra un decennio o due.

IL BOOM DELLE ESPORTAZIONI DI GNL USA

In questo momento le esportazioni di GNL Stati Uniti sono in forte espansione e la maggior parte sta andando in Europa, dove i prezzi sono i più alti e la domanda è la più forte. In mezzo alla crisi energetica iniziata lo autunno scorso, la domanda di GNL era alta in Europa anche prima dell’invasione russa dell’Ucraina. Dopo l’inizio della guerra, tuttavia, la domanda è schizzata perché l’Unione Europea ha promesso di ridurre la domanda dell’UE di gas russo di due terzi entro la fine dell’anno.

Le esportazioni di GNL degli Stati Uniti hanno raggiunto un livello record a gennaio, secondo gli ultimi dati EIA: a febbraio, le esportazioni sono diminuite del 10,5% rispetto a gennaio 2022, ma sono aumentate del 51,9% a febbraio 2021. I primi cinque Paesi di destinazione – che hanno rappresentato il 57,5% delle esportazioni totali di GNL degli Stati Uniti nel febbraio 2022 – sono stati Turchia, Francia, Spagna, Olanda e Corea del Sud. Il principale acquirente asiatico di GNL statunitense a febbraio è arrivato solo quinto dietro le destinazioni in Europa e nel Mediterraneo.

Gli Stati Uniti sono già sulla buona strada per avere la più grande capacità di esportazione di GNL al mondo, davanti ad Australia e Qatar, con il primo carico prodotto al Calcasieu Pass LNG a Cameron (Louisiana), che è partito dal nuovo impianto di Venture Global LNG il mese scorso.

Gli impianti di esportazione di GNL funzionano a pieno regime negli Stati Uniti, quindi c’è poco spazio per un aumento delle spedizioni. Per assicurarsi una maggiore quantità di GNL americano, l’Europa deve fare affidamento sul reindirizzamento dei carichi dall’Asia a causa dei prezzi più elevati in Europa e della motivazione dell’UE a sostituire quanta più fornitura russa possibile il prima possibile.

Questo è quello che sta accadendo in questo momento, con molti acquirenti che, sensibili al prezzo in Asia, si stanno ritirando dal mercato spot.

NON TUTTI I PROGETTI GNL ANDRANNO A BUON FINE

Mentre la determinazione dell’UE di abbandonare il gas russo e l’accordo UE-USA per più spedizioni americane di GNL ha reso alcuni sviluppatori statunitensi più ottimisti sul futuro dei loro progetti, secondo gli analisti non tutte le oltre 12 strutture di esportazione proposte vedranno la luce del giorno.

Le strutture devono bloccare accordi di acquisto a lungo termine per garantire la fattibilità dei costosi progetti e, sebbene la negli ultimi mesi firma degli accordi con la Cina si sia velocizzata, la politica energetica a lungo termine dell’Europa rimane radicata nell’idea di ridurre il consumo di gas del 30% entro il 2030 per raggiungere gli obiettivi climatici.

Negli Stati Uniti ci sono una dozzina di progetti approvati dalla Federal Energy Regulatory Commission (FERC) ma non ancora in costruzione in quanto necessitano di una decisione finale di investimento, investitori o clienti a lungo termine. Altri 6 progetti sono stati proposti alla FERC e altri due sono in fase di pre-deposito.

“Avere dei clienti europei, soprattutto se supportati da denaro pubblico, potrebbe facilmente creare un’enorme tranche di fornitura di GNL”, ha scritto il mese scorso Nikos Tsafos, a James R. Schlesinger Chair in Energy and Geopolitics at the Center for Strategic and International Studies.

Tuttavia, sono necessari fino a 5 anni per costruire un nuovo progetto, e tutti i nuovi progetti sono pianificati con un orizzonte di investimento di 20 anni e contratti di vendita fermi fino a 20 anni.
“Per un’azienda europea che vuole allinearsi all’obiettivo UE per la neutralità climatica entro il 2050, queste scale temporali rappresentano un problema: un cliente europeo potrebbe volere il gas nel 2025 o nel 2030, ma non nel 2040 e probabilmente non entro il 2045. Questa discrepanza impedisce ai progetti di GNL degli Stati Uniti di andare avanti con l’aiuto dell’Europa”, ha osservato Tsafos. “C’è un grande cliente là fuori che vuole GNL, ma non si sa per quanto tempo”, ha aggiunto.

L’Europa ora vuole molto gas non russo, ma, idealmente, non vuole un aumento della fornitura di gas tra un decennio o due. Gli Stati Uniti, da parte loro, non possono attualmente spedire più GNL di quanto stiano già facendo poiché le sue strutture di esportazione operative sono al limite.

Per i progetti futuri, l’obiettivo dello zero netto dell’Europa per il 2050 e la spinta a ridurre il consumo di gas in generale non sono una buona notizia per gli sviluppatori statunitensi, che cercano accordi di acquisto e investimenti a lungo termine per portare i loro piani a progetti operativi.

“Vorrei avere notizie migliori per l’Europa, ma ci vorranno almeno cinque anni o più per realizzare qualsiasi cosa di grandi dimensioni”, ha dichiarato Jack Fusco, presidente e CEO di Cheniere Energy, il principale esportatore di GNL degli Stati Uniti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore