skip to Main Content

Davvero l’Unione europea importa gas tossico dalla Gran Bretagna?

Gas

Fatti, dichiarazioni e scenari su un altro fronte della guerra energetica in Europa. Quello tra le compagnie britanniche e la National Grid

La Brexit ha significato l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea, lo sappiamo. Ma certo non ha tagliato i canali di comunicazione tra le due parti. Men che meno in materia energetica, visto il momento. Nel quale Bruxelles e tutti i Paesi membri stanno lavorando sia alla sicurezza dell’oggi che all’orizzonte del prossimo futuro: tra stoccaggi da riempire per l’inverno, fornitori alternativi a Mosca e percorso verso le rinnovabili da intensificare.

LA GUERRA ENERGETICA, CAPITOLO GRAN BRETAGNA-UE

Come scrive, però, il Financial Times il Gnl da Usa e Qatar sta sbarcando nei porti d’Oltremanica pronto ad essere smistato anche nel resto del Vecchio Continente. Bene: il monito da alcune società del settore energia guarda proprio a questo gas. Che, secondo loro, contiene parti tossiche cioè materiale radioattivo. Fluxys, ora Securing Energy for Europe, Edf sono tra queste. Il destinatario è la National Grid britannica, supervisore del sistema di gas del Regno Unito. Il quale, scrive il quotidiano della City, “sta cercando di ottenere l’approvazione dell’autorità di regolamentazione energetica britannica Ofgem per aumentare temporaneamente il volume massimo di gas che può essere esportato verso l’Europa continentale attraverso il gasdotto che porta ai Paesi Bassi”.

COSA SI RISCHIA

La Interconnector Limited, di Fluxys, ha detto che è “molto sorpresa” del piano di NG di aumentare i flussi di gas, ignorando di fatto il tema dell’inquinamento. Secondo IL, fare questo significherebbe aggravare ulteriormente il problema, “portando a un aumento del rischio di interruzione dei flussi transfrontalieri, mettendo a rischio la sicurezza dell’approvvigionamento sia in Europa che in Gran Bretagna”.

LA DIFESA DELLA NATIONAL GRID

Eppure, il supervisore National Grid pare voler proseguire dritto. Difendendosi e sostenendo che la “presenza di polvere” nel sistema nazionale di trasporto del gas in Gran Bretagna è un “problema storico e noto, che monitoriamo continuamente” e ritenendo che aumentare i flussi all’Unione “non comprometterà la sicurezza del sistema né avrà un impatto sugli altri clienti”. Un altro fronte della guerra energetica è servito.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore