Advertisement vai al contenuto principale
I Disastri Naturali Nel 2023 Hanno Causato Perdite Assicurate Per 100 Miliardi Di Dollari

I disastri naturali nel 2023 hanno causato perdite assicurate per 100 miliardi di dollari

La compagnia assicurativa Swiss RE ha spiegato che “il 2023 è destinato ad essere un altro anno di perdite catastrofali superiori alla media per il settore assicurativo e riassicurativo globale”
I terremoti in Turchia e Siria, gli incendi alle Hawaii e altre catastrofi naturali finora nel 2023 hanno portato a perdite assicurate per circa 100 miliardi di dollari, in calo rispetto al 2022, ma ancora ben al di sopra della norma. Il conteggio – che si confronta con i 133 miliardi di dollari del 2022 e con una media decennale di 89 miliardi di dollari all’anno – è una delle prime stime di un importante assicuratore, Swiss Re, per l’anno che sta per terminare.

Le perdite economiche totali derivanti dalle catastrofi naturali, comprese quelle non assicurate, sono stimate in 260 miliardi di dollari nel 2023, in calo rispetto ai 286 miliardi di dollari dell’anno precedente ma al di sopra della media decennale di 223 miliardi di dollari.

LE STIME DI SWISS RE SUI DISASTRI NATURALI NEL 2023

Secondo i calcoli della compagnia assicurativa, per il 2023 le perdite complessive assicurate dovute a catastrofi disastrose sono stimate a 108 miliardi di dollari, di cui 100 miliardi di dollari derivanti da catastrofi naturali e 8 miliardi di dollari da eventi provocati dall’uomo. Si tratta di un calo di circa il 23%, rispetto ai 141 miliardi di dollari di perdite complessive assicurate per catastrofi nel 2022, che hanno visto le perdite di catastrofi naturali raggiungere i 133 miliardi di dollari.

PER LE ASSICURAZIONI IL 2023 SARÀ UN ALTRO ANNO DI PERDITE SUPERIORI ALLA MEDIA

Con una media decennale per le perdite catastrofali assicurate complessive di soli 99 miliardi di dollari e solo per le perdite assicurate nazionali di soli 89 miliardi di dollari, il 2023 è destinato ad essere un altro anno di perdite catastrofali superiori alla media per il settore assicurativo e riassicurativo globale.

Il team sigma di Swiss Re ha osservato che un’elevata frequenza di eventi di perdita di miliardi di dollari ad una cifra ha contribuito a portare le perdite assicurate al di sopra della soglia dei 100 miliardi di dollari per il quarto anno consecutivo.

“L’effetto cumulativo di eventi frequenti e con poche perdite, insieme all’aumento del valore degli immobili e dei costi di riparazione, ha un grande impatto sulla redditività di un assicuratore su un periodo più lungo. L’elevata frequenza di forti temporali nel 2023 rappresenta un test per gli utili del settore assicurativo primario”, ha spiegato Jérôme Jean Haegeli, capo economista del gruppo Swiss Re.

AUMENTANO I DANNI DOVUTI AI TEMPORALI GRAVI

Sono in aumento soprattutto i danni causati dai temporali gravi che, secondo i dati Swiss Re, negli ultimi 30 anni sono aumentati costantemente del 7% annuo. Le perdite assicurate dovute a forti temporali ammontavano alla cifra record di 60 miliardi di dollari – con grandi perdite negli Stati Uniti e in Europa -, quasi del 90% superiori rispetto alla media quinquennale precedente (32 miliardi di dollari) e oltre il doppio della media decennale precedente (27 miliardi di dollari).

“Per il settore assicurativo – ha commentato Balz Grollimund, responsabile Catastrophe Perils di Swiss Re – gli eventi recenti forniscono dei parametri di riferimento solidi per stimare le tendenze in aumento delle perdite. Tuttavia, per approfondire ulteriormente la comprensione di questo pericolo è importante ottenere informazioni migliori dagli assicuratori primari sulla distribuzione dell’esposizione assicurata e sui dati dettagliati sui sinistri. È altrettanto importante che i premi assicurativi riflettano adeguatamente il rischio della copertura fornita, soprattutto alla luce dell’andamento crescente dei sinistri”.

Gli assicuratori hanno aumentato le tariffe applicate a causa dell’aumento dei disastri, e in alcuni luoghi hanno smesso di fornire copertura.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su